Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...
come riconoscere buon capo

Riconosci un capo straordinario dai 10 doni che fa ai suoi dipendenti

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

10 things extraordinary bosses give to employees from G.M shahzad

Buoni capi e cattivi capi. Buoni leader e cattivi leader. L’importante è sviluppare delle ottime abilità di discernere: il tuo superiore è degno della tua stima oppure no? Come ti fa sentire, quanta fiducia ti dà nell’avvenire?
La risposta è certamente articolata, ma esistono delle spie per rendersi conto del proprio benessere sul lavoro, e rispetto al proprio manager.
Ecco 10 regali che un buon boss fa ai propri sottoposti.

  1. Autonomia e indipendenza
    Un buon capo delega: non lo fa senza pensieri, ma si sforza di non averne. Si fida dei suoi impiegati, non è intrusivo, non mina la loro decisionalità.
  2. Trasparenza
    Se qualcosa nel lavoro cambia, se c’è un premio da ricevere, se c’è una certa posta in gioco il buon capo non nasconde: tiene al corrente. Non fa sentire esclusi, non fa sentire nessuno un semplice ingranaggio in un macchinario.
  3. Cooperazione verso traguardi nitidi
    Preferisce la collaborazione e ne conosce il valore. Offre obiettivi chiari e significativi verso cui ciascuno deve schierarsi senza pestare i piedi all’altro.
  4. Motivazione
    La benzina della nostra vita, la nostra energia pura, viene dalla sensazione di essere al lavoro su qualcosa di rilevante per qualcuno, molti o tutti. Minare la motivazione altrui è una magnifica strada verso il lassismo e la sciatteria.
  5. Opportunità
    Una porta ne apre un’altra, questo lo sa bene il buon leader. È per questo che, per premiare un dipendente meritevole e impegnato, può aiutarlo a fare strada senza invidia.
  6. Empatia
    Il dipendente non si sente solo apprezzato o rimproverato, ma anche ascoltato. La relazione è ben gestita e positiva, basata non necessariamente sull’intimità ma certamente sul rispetto reciproco.
  7. Promesse mantenute
    Se si promette, si mantiene. Non c’è venir meno alla propria parola, perché farlo apre una braccia nella (fondamentale) fiducia.
  8. Critica privata
    Umiliare un dipendente davanti a tutti non è solo sbagliato, è controproducente.
  9. Lode pubblica
    Gli apprezzamenti al proprio lavoro diventano tanto più rilevanti se sono sotto il sole. Offrono spinta a migliorare ancora, e ancora.
  10. Futuro
    Un buon manager offre un futuro al suo impiegato, offre possibilità di crescita.

 

24 agosto 2017