Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...
film leadership più belli

10 film che raccontano 10 tipi di leadership da cui prendere esempio

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

Ten movies, ten leadership messages from Bimal Rath

Il cinema è da sempre fonte di ispirazione e formazione. Guardare un film può essere la giusta occasione per riflettere sui comportamenti umani, per esplorare situazioni, strategie e modi di vivere. La motivazione è forse da ricercare in una famosa frase pronunciata dal regista Alfred Hitchcock, convinto che alla fine il cinema non fosse altro che “la vita con le parti noiose tagliate”.

Ammettiamolo, davanti allo schermo abbassiamo le difese e ci lasciamo immergere in un mondo in cui in qualche modo ci riconosciamo, siamo spettatori di circostanze che ritroviamo nelle nostre attività quotidiane. Proprio per questo i film, che attraverso il comune uso delle metafore semplificato concetti complessi e si ricordano con facilità, diventano una fonte da cui attingere anche per chi si trova alla guida di un’organizzazione, di un’azienda, di un gruppo.

Quanti leader carismatici ci ricordiamo di aver visto sul grande schermo? Quanti esempi virtuosi da cui prendere spunto? Molti. Ve ne vogliamo ricordare 10.

Ecco di seguito dieci esempi di leadership raccontati in altrettanti film.

1. Will Hunting – Genio ribelle.

Will (Matt Damon) ha vent’anni, un passato costellato di piccoli reati e un presente che trascorre bighellonando per il quartiere con gli amici d’infanzia e pulendo i pavimenti del dipartimento di matematica del MIT (Massachusetts Institute of Technology). Ma Will è anche un genio, un talento incompreso, che troverà la sua strada grazie a Sean (Robin Williams), uno psicologo, un leader vero, capace di mostrargli la strada attraverso l’esempio, il racconto di esperienze vissute, la sincerità, la convinzione che le nostre imperfezioni sono ciò che ci rende unici.

La frase cult: Condividere la tua debolezza è ciò che ti rende vulnerabile; renderti vulnerabile è un modo per mostrare la tua forza.

2. Un sogno per domani

Che cosa vuole il mondo da noi? È questa domanda posta dal professore di scienze sociali (Kevin Spacey), che cambierà per sempre la vita di Trevor, ragazzino di undici anni dalla mente brillante e con una complicata situazione famigliare alle spalle. Per cambiare il mondo in meglio bisogna iniziare da se stessi, da piccole buone azioni. È questo l’insegnamento di un vero leader. 

La frase cult: Fai del bene agli altri. Sempre! Se qualcuno fa qualcosa di buono per te, non cercare di ripagarlo, piuttosto vai avanti facendo del bene a qualcun altro.

3. Assassinio sull’Orient Express

Un assassinio, un uomo d’affari trovato morto nella sua cuccetta all’interno di un treno che sfreccia per l’Europa, tutti i passeggeri di quella carrozza sono sospettati, l’ispettore Poirot (Kenneth Branagh) dovrà ricorrere a tutta la sua abilità per scoprire chi è il colpevole. Un vero leader osserva e sa interpretare i segnali, anche i più piccoli, è consapevole che le soluzioni di ieri potrebbero non essere in grado di risolvere i problemi di oggi.

La frase cult: Per un uomo con un martello ogni problema è un chiodo.

4. Invictus – L’invincibile

Nelson Mandela (Morgan Freeman) è stato liberato dopo 27 anni di prigionia ed è ora Presidente del Sud Africa. Il suo obiettivo è riappacificare la popolazione divisa dall’odio fra neri è bianchi. La nazionale di rugby, impegnata nella coppa del mondo, diventa così l’occasione per rafforzare l’orgoglio nazionale e lo spirito unitario del paese. Nel film Mandela è un leader quasi leggendario, che ha capito l’importanza dell’ispirazione. Compassionevole, forte, dedito, disposto al perdono.

La frase cult: Il giorno in cui avrò paura di rischiare, non sarò più adatto a fare il leader.

5. Tora! Tora! Tora!

Il film cult del 1970 racconta i preparativi e la messa in atto dell’attacco a Pearl Harbor (Tora fu la parola in codice utilizzata dai giapponesi per indicare la riuscita dell’attacco a sorpresa). In una scena osserviamo i soldati giapponesi discutere dell’imminente attacco: a differenza di come siamo abituati a vedere quando si discute attorno un tavolo occidentale – dove ci troviamo di fronte a un botta e risposta -, qui gli ufficiali prendono la parola uno dopo l’altro, senza dare via ad un vero dibattito. A quel punto il compito di pianificare l’assalto è affidato a chi viene ritenuto migliore per il compito. Un vero leader sa gestire un team, conosce le potenzialità della sua squadra e sa dare a ciascuno il giusto compito.

La frase cult: Abbiamo spesso tutti i segnali di cui abbiamo bisogno per vincere, semplicemente non li leggiamo abbastanza bene.

6. Il curioso caso di Benjamin Button

La vita di Benjamin Button (Brad Pitt) procede al contrario: nasce vecchio – e per questo viene abbandonato dai genitori – e ringiovanisce crescendo. Ma per un breve periodo trova la felicità al fianco della donna della sua vita: Daisy (Cate Balnchett). Il film è una riflessione sulla relatività del tempo e l’importanza dell’esperienza, argomenti sempre più attuali in un mondo che si muove alla velocità della luce e in cui ci si sente spesso “vecchi”, obsoleti, inutili. Un vero leadership conosce l’importanza della resilienza, cioè la capacità di superare un evento traumatico, una difficoltà.

La frase cult: Per quello che vale, non è mai troppo tardi, o nel mio caso troppo presto, per essere quello che vuoi essere. 

7. L’attimo fuggente

A interpretare un altro leader troviamo di nuovo il compianto Robin Williams, che qui interpreta John Keating, un professore di letteratura che con il suo insegnamento cambierà la vita a una classe di studenti del collegio maschile Weton. Il professor Keating è quello che potremmo definire un Maestro, non un erudita che snocciola lezioni e saperi, non un’autorità che impone rispetto, ma un’autorevolezza che ammalia per il suo carisma. Keating è capace di insegnare ai suoi allievi l’importanza dell’autonomia, il coraggio delle proprie idee.

La frase cult: Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso da quassù. Non vi ho convinti? Venite a vedere voi stessi. Coraggio! 

8. Star Wars

Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana… la Resistenza combatte per impedire all’Impero di prendere il controllo. Il bene contro il male, i Jedi contro i Sith, il lato chiaro della Forza contro quello Scuro. Sono molteplici gli esempi di leadership che troviamo dentro al franchise cinematografico creato da George Lucas e tutt’ora in espansione, ma qui vogliamo porre l’accento su un leader in particolare: Luka Skywalker. Luke Skywalker si impegna per una causa con tenacia e convinzione, guida un gruppo verso un obiettivo comune.

La frase cult: Che la forza sia con te.

9. Scoprendo Forrester

Jamal Wallace vive con la mamma nel Bronx, è un asso del basket e ha un sorprendente talento della scrittura, talento di cui si vergonga e che tiene nascosto ai suoi amici. Per una scommessa si trova a entrare nell’appartamento di un signore anziano, conosciuto nel quartiere per il suo fare scorbutico: sarà così che inizierà la sa amicizia co William Forrester (Sean Connery), celebre scrittore che gli cambierà la vita. Come Forrester un vero leader sa capire le potenzialità di chi ha di fronte, sa porre le domande giuste e stimolare la riflessione; incoraggia l’autonomia ed è attento ai segnali, anche ai più deboli.

Frase cult: un tizio che conoscevo una volta scrisse che noi abbandoniamo i nostri sogni per paura di fallire, o ancora peggio, per paura di avere successo.

10. Il padrino

 Don Vito Corleone (Marlon Brando) è il capo di una famiglia mafiosa tra le più potenti di New York. Quando don Vito rimane vittima di un attentato da parte di un boss rivale, il figlio (Al Pacino) comincia l’ascesa nell’impero criminale della famiglia, fino a diventare il nuovo “padrino”. La mafia non ha nulla di nobile, nulla da cui prendere esempio, ma il capolavoro di Francis Ford Coppola è un’interessante riflessione sulla leadership. Un leader sa creare buon senso, sa gestire le relazioni interpersonali, sa delegare e sa individuare le priorità.

Frase cult: Gli farò un’offerta che non potrà rifiutare

29 gennaio 2018