Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...
come accrescere autostima

Alcuni consigli pratici per sconfiggere il tuo peggior nemico: te stesso

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

Banish Your Inner Critic – Design & Content 2015 from Denise Jacobs

È complesso gestire i giudizi altrui, ma più complesso ancora – probabilmente – è convincere noi stessi per primi del nostro valore. Considerato che l’autostima è il vero motore del nostro successo, un asset insostituibile che brilla e migliora ciascuna delle nostre relazioni personali e professionali, allora è chiaro: il primo passo per tagliare i propri traguardi è fare un lavoro sull’interiorità. In poche parole, sconfiggere il nostro nemico interiore, quella voce che dice: «Non sei brava/o abbastanza, non ce la farai».
Ecco alcuni consigli pratici per farlo, nei limiti del possibile.

  1. Non dire “devo”, dì “scelgo”
    Il linguaggio modifica attivamente la nostra vita. Il nostro modo di esprimerci è estremamente importante perché le parole costruiscono il nostro mondo. Se ci convinciamo che anche quel che ci pesa fare è una scelta, è una decisione legata al nostro benessere e al nostro successo, allora tutto sembrerà più leggero. E, detta come va detta, vivremo meglio.
  2. Non paragoniamoci a nessuno
    Difficile, vero? I social traboccano delle proiezioni di vite migliori della nostre, carriere più fulminee e remunerative della nostra, legami sociali più soddisfacenti dei nostri. Si tratta, appunto, di proiezioni. Teniamolo a mente. Ognuno ha la sua ruota che gira nei suoi tempi.
  3. Poniti le domande giuste
    «Sono appagato?»; «Mi piace quel che faccio?»; «Mi sento trattato come desidero?». Questo è un passo fondamentale. Non otterrai risposte se decidi di stare zitto, e non chiedere.
  4. Esercita l’empatia
    Calarsi nei panni degli altri e tentare, nei limiti del possibile, di non parlare male degli altri e di non giudicare è comunque dura; ma si può fare. Alla fine va tenuto in conto che useremo per gli altri il medesimo metro di giudizio che utilizziamo con noi stessi, ci descriveremo allo stesso modo e ci sanzioneremo allo stesso modo. È un abito, un’abitudine. Quindi facciamo caso al nostro modo di relazionarci agli altri, anche alle loro spalle.
  5. Ricorda i tuoi successi
    La sindrome dell’Impostore colpisce solo la gente brava, quella che altrimenti non avrebbe motivo di dubitare del proprio valore. Tenere a mente quel che si è fatto bene, quello che ha funzionato per noi, le nostre mosse giuste sulla scacchiera e tutte quelle volte che ci siamo coraggiosamente districati da reti di malessere produce ottimi risultati. Garantito.

 

13 febbraio 2018