Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...
intelligenza emotiva caratteristiche

Sei dotato di intelligenza emotiva se ti riconosci in queste 5 affermazioni

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

How to be emotionally intelligent from Daniel Goleman

Secondo Wikipedia «l’intelligenza emotiva è un aspetto dell’intelligenza legato alla capacità di riconoscere, utilizzare, comprendere e gestire in modo consapevole le proprie ed altrui emozioni». Ne sei dotato? Probabilmente sì, se ti riconosci nelle affermazioni in basso.

  1. Sono cosciente dei miei punti di forza e debolezza
    Conoscersi è la prima pratica fondamentale legata all’intelligenza emotiva. È indispensabile sapere chi si è, avere trovato il tempo per esplorarsi, e non temere le proprie mancanze né le proprie doti.
  2. Sono in contatto con la mia interiorità
    Non sono un mistero a me stesso. Sono cosciente di quanto mi fa arrabbiare o mi rende felice. Non mi nego la possibilità di provare sentimenti anche scomodi ma so anche come dominarli. Conosco un modo di controllare i miei impulsi e la mia emotività. Specie nei contesti lavorativi.
  3. Gestisco lo stress
    Se non è (troppo) complicato gestire lo stress sei probabilmente anche un buon leader: la nostra capacità di portare a termine grandi imprese e tagliare grandi traguardi si regge in larga parte su un’alta soglia di resistenza alla frustrazione.
  4. Penso in grande, ma anche in piccolo
    È essenziale porsi sia obiettivi di breve che di lungo termine. I primi servono a darci una grande spinta, a guardare al di là del nostro naso. I secondi a tenerci ogni giorno sui nostri piedi, ricordando che la cima di una montagna sembra sempre irraggiungibile dal basso.
  5. Sono motivato
    Ci sentimenti in grado di portarci lontano: possono essere ambizione, desiderio, bisogno. Non importa di cosa si tratti purché si tratti di emozioni nobili, passibili di soffiare vento nelle nostre vele e dunque di motivarci

In più…

Amo ascoltare
Si chiama «ascolto attivo»: non sto fermo a sorbirmi quanto mi dice qualcuno ma rielaboro quel che sento, pongo domande e approfondisco. Entro, in quattro parole, nel mondo dell’altro. Solo usando le orecchie.

Provo genuino interesse nei confronti delle persone
… che, poi, è un portato dell’interesse nei confronti di se stessi. Voglio capire, empatizzare, comprendere, migliorare la vita dell’altro calandomi nei suoi panni e possibilmente trovando soluzioni originali per prestargli aiuto qualora richiesto.

3 maggio 2018