Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...

Centodieci è Ispirazione presenta Disegnati così, il nuovo spettacolo di Simona Atzori

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

L’abbraccio di Simona Atzori a Castelnuovo Fogliani è di quelli imponenti che arriva come un’onda, travolgente, su di una tela con cinque colori, dipinta durante il suo nuovo spettacolo, Disegnati così, all’interno del quale ripercorre il percorso di consapevolezza di una donna che ha scoperto, tramite l’arte, le infinite possibilità offerte dal palcoscenico per il corpo, la mente e il cuore.

Cinque colori sulla tela come cinque sono le persone sul palco per uno spettacolo in cui i protagonisti si mettono a nudo e all’interno del quale lei, simbolo di resilienza, è protagonista silenziosa ma tuonante quando insegna al pubblico che mentre danzi la tua storia e tracci il tuo disegno la vita può sorprenderti, ma che al tempo stesso è importante non aver paura, che è importante danzare e sognare, sognare sempre perché è mostrando il volto delle proprie debolezze che esce la bellezza di un’anima che sa volare.

La musica scorre piacevole mentre il pennello di Simona vola sulle ali del vento, raggiungendo ogni piega dell’anima perché racconta la storia di chi ha scelto di vivere nonostante le difficoltà. Col passare dei minuti il pubblico impara che la forza di una donna è custodita con cura nella sua dolcezza, che non si deve nascondere la propria anima ma mostrare il proprio volto, perché è quello che porta i segni di chi siamo davvero. E se è vero che ognuno di noi ha un disegno, che è suo e non è di nessun altro, è altrettanto vero che il quadro finale della serata vede esaltare forze e debolezze di un corpo di ballo di prim’ordine.

In un dialogo costante tra musica e danza, il pubblico guarda il mondo con occhi diversi e, forse, alla fine, modifica il proprio sguardo verso il prossimo ma soprattutto verso sé stesso.

18 luglio 2018