Idee e strumenti
per evolvere
Idee e strumenti
per evolvere
Centodieci
Raccontare esperienze reali che possano aiutarci a percorrere strade nuove e sostenere un diverso approccio al lavoro, alla vita e alla società basato su valori quali condivisione, empatia, crescita e libertà. Questo è la...
IMPOSTORE

4 semplici consigli per combattere la Sindrome dell’impostore

Centodieci
Idee vincenti, valori, strumenti di self improvement

Building confidence and defeating imposter syndrome from Heather Tovey

Si chiama sindrome dell’impostore, porta le persone che hanno ottenuto successo e riconoscimenti a credere di essere indegni e immeritevoli, e colpisce solo chi è realmente meritevole ma non si sente tale. La BBC ha raccontato che nessuno ne è immune, ne soffrono scrittori e attori famosi, musicisti e ovviamente uomini d’affari. 

Non è piacevole convivere e lavorare con la sensazione di non averlo meritato e con un crescente senso di inadeguatezza, tanto più che quest’ansia potrebbe avere ripercussioni sul nostro lavoro effettivo. Per fortuna però la sindrome dell’impostore può essere ostacolata, o quanto meno possiamo imparare a conviverci. Ecco come:

1. Vestirsi bene

Vari studi hanno dimostrato che gli abiti eleganti, giusti per l’ambiente di lavoro, non solo ci rendono più autorevoli agli occhi degli altri, ma ci fanno essere più produttivi.

2. Affermazioni positive

Iniziate a ripetervi frasi positive ogni volta che un’autocritica sorvola la vostra mente. Affermazioni come “Sono davvero capace”, “Quella decisione è giusta” devono diventare il vostro mantra.

3. Postura da Superman

Uno studio di Harvard ha dimostrato che tenere la postura di Superman (sguardo fiero, gambe leggermente divaricate, e pugni che poggiano sui fianchi) prima di un incontro di lavoro importante non solo ci fa sentire più sicuri, ma ci farà andare sensibilmente meglio.

4. Rinfrescare la memoria

Vale la pena ogni tanto prendersi del tempo per ripercorrere la strada che ci ha portato fin qui, considerare quel che abbiamo fatto, come lo abbiamo fatto, ricordare la fatica e l’impegno, per poi complimentarsi con se stessi.

3 dicembre 2018