Tre modi per migliorare la propria produttività - Centodieci

Tre modi per migliorare la propria produttività

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Ogni giorno, in quasi ogni lavoro, siamo stimolati da decine o centinaia di input su diverse piattaforme: il computer, i programmi dentro il computer, i social network, gli smartphone, e naturalmente i colleghi e le altre persone che abitano il nostro spazio lavorativo. Migliorare la produttività non è soltanto un obiettivo per completare più compiti nel minor tempo possibile, ma innanzitutto il metodo migliore per mantenere e aumentare il proprio benessere. Si può partire da questi tre consigli, applicabili a diversi campi del lavoro e della vita.

1 Regola della produttività — Guarda lontano

Per chi lavora molte ore davanti a uno schermo, la salute degli occhi è fondamentale, e non solo per un importante eppure, in un certo senso, scontato, motivo medico, ma anche per lavorare meglio. Avere occhi riposati aiuta a lavorare meglio e più concentrati, evita fastidiosi mal di testa e allena una buona vista. Si chiama “regola 20-20-20”, e la prima cosa da fare è distogliere lo sguardo dallo schermo: ogni venti minuti, appunto, è opportuno guardare un punto distante almeno venti metri, e fissarlo per almeno venti secondi. In questo modo non solo si evita la luminosità del computer, ma si tiene allenato l’occhio a distanze maggiori da quei pochi centimetri a cui lo costringiamo per ore e ore.

Prima il dovere e poi il piacere? C’è chi dice il contrario

 C’è una frase che perseguita ogni bambino fin dall’infanzia, un insegnamento che ogni genitore impartisce alla sua progenie per iniziarla a piccoli passi al mondo dei grandi:Prima il dovere e poi il piacereÈ così infatti che gli adulti gestiscono...
 C’è una frase che perseguita ogni bambino fin dall’infanzia, un insegnamento che ogni genitore...

09 Aprile 2019 | Crescita

Tre modi per migliorare la propria produttività

Ogni giorno, in quasi ogni lavoro, siamo stimolati da decine o centinaia di input su diverse piattaforme: il computer, i programmi dentro il computer, i social network, gli smartphone, e naturalmente i colleghi e le altre persone che abitano il nostro...
Ogni giorno, in quasi ogni lavoro, siamo stimolati da decine o centinaia di input su diverse piattaforme:...

05 Aprile 2019 | Crescita

Fresh start. Quando un hobby ci fa migliorare anche sul lavoro

John Lennon ha detto: il tempo che ti piace sprecare, non è sprecato. Quella che sembra una semplice provocazione racchiude invece un ragionamento più profondo e dei risvolti pratici inaspettati perché spesso cadiamo nel paradosso di trascorrere il...
John Lennon ha detto: il tempo che ti piace sprecare, non è sprecato. Quella che sembra una semplice...

04 Aprile 2019 | Crescita

Primavera. Cosa tenere per ottenere di più da sé stessi

Il sole, il verde e le giornate lunghe sono un primo, ottimo aiuto che la primavera vi regala per tornare a essere sereni, ma siete voi che dovete prendere in mano la situazione ed eliminare quello che mina la vostra pace interiore. Innanzitutto, oltre...
Il sole, il verde e le giornate lunghe sono un primo, ottimo aiuto che la primavera vi regala per tornare...

02 Aprile 2019 | Crescita

Gestire il caos in un mondo fluido

«Nell’ambito di un’organizzazione umana, l’evento che innesca il processo dell’emergenza può essere un commento casuale, che può anche non sembrare importante alla persona che lo fa, ma che risulta invece essere significativo per alcune persone...
«Nell’ambito di un’organizzazione umana, l’evento che innesca il processo dell’emergenza può...

29 Marzo 2019 | Crescita

2 Regola della produttività — La regola dei due minuti

L’ha teorizzata David Allen nel suo bestseller Detto, fatto! (Getting Things Done nell’edizione originale) ed è diventata famosa in tutto il mondo. È semplicissima: se ci sono, all’inizio della giornata, compiti che è possibile svolgere in due minuti, svolgili subito. Allen si riferisce soprattutto alle email a cui rispondere, ma la “regola dei due minuti” è applicabile in ogni campo lavorativo e anche a casa: fare il letto, ordinare i piatti dopo una colazione o una cena, sgomberare un tavolo, e così via. Centrare obiettivi semplici ma in poco tempo funziona come un boost di produttività e di fiducia in se stessi.

3 Regola della produttività — No al multitasking

C’è multitasking e multitasking: passare da un’attività all’altra di minuto in minuto non è certamente il miglior metodo per raggiungere più obiettivi in meno tempo, anzi. È scientificamente dimostrato che un eccessivo multitasking, o meglio, un multitasking “sbagliato” e frenetico – ovvero cercare di fare più compiti contemporaneamente – diminuisce la produttività di circa il quaranta per cento. Il motivo è semplice: passando in rapida successione da un lavoro a un altro, il cervello necessita di resettarsi e riconfigurarsi, e questo richiede naturalmente del tempo. La soluzione: il monotasking, ovvero restare concentrati a lungo su un obiettivo alla volta, completarlo, e passare al successivo.