Quali sono le serie tv da vedere assolutamente nel 2019? - Centodieci

Le serie tv da recuperare assolutamente

Gianmaria Tammaro

Giornalista pubblicista, napoletano. Cura la rubrica dedicata alle serie tv, in uscita ogni giovedì, per il quotidiano La Stampa. Collabora con il gruppo Condé Nast ( Wired Italia , Vanity Fair ) e con il gruppo...

Estate, tempo di mare e di serie tv. Mentre Netflix, Amazon Prime Video, Sky, Rai e Mediaset continuano a sfornare, pubblicare e mandare in onda nuovi titoli (imperdibile “Mindhunter 2” su Netflix, in arrivo il 16 agosto; e “The Boys”, il 26 luglio, su Amazon), ce ne sono altri, già editi, da recuperare (o, nel caso, da rivedere).

Le serie tv da vedere su Raiyplay

Su Raiplay, a cui s’accede senza dover pagare alcun abbonamento, c’è “Halt and catch fire”, serie AMC che racconta la nascita della Silicon Valley, dei computer, di internet e dei primi videogiochi. Cast di prim’ordine. E sempre su Raiplay c’è “La linea verticale” di Mattia Torre, con Valerio Mastandrea e Greta Scarano: una delle comedy – con risvolti drammatici – più belle di questi anni.

Non solo serie tv su Netflix

Su Netflix, invece, ci sono “Afterlife” di Ricky Gervais, creatore del “The Office” inglese, quindi quello originale, e la docu-serie, stupenda, “Street Food”: non è “Chef’s Table”, è più genuina, più sincera, e racconta la storia di alcuni cuochi di strada, che hanno vinto stelle Michelin, che combattono – talvolta letteralmente – ogni giorno per sopravvivere, e che hanno fatto della loro cucina un’arte. A parte, vi consigliamo anche “Right Now”, che non è una serie, ma uno speciale di stand-up comedy: è il ritorno di Aziz Ansari sulle scene, con la regia firmata da Spike Jonze.

I consigli per i nostalgici

Su Amazon Prime Video c’è tutta “The Grand Tour” da recuperare: lo show di Jeremy Clarkson, James May e Richard Hammond è finito; tornerà, perché tornerà, con qualche speciale; ma l’andamento stagionale, di puntate e serie, è finito. In più, sempre del magnifico trio, ci sono anche le vecchie stagioni di “Top Gear”: se siete nostalgici, sapete cosa guardare. Su Prime Video, poi, c’è la “Good Omens” di Neil Gaiman: comedy sull’Apocalisse e sulla fine del mondo, con Michael Sheen e David Tennant.

Tra serie tv cult e documentari

Su NowTv e Sky on demand, sono disponibili tutte le stagioni di “Game of Thrones” – se non l’avete mai vista, quest’estate è il momento giusto per vederla – e tutte le puntate di quella che è, senza esagerare, il caso dell’anno: “Chernobyl”, miniserie curatissima e super-attenta, che romanza quel tanto che serve per raccontare una delle tragedie più terribili della storia recente. A margine, sempre in tema “Game of Thrones”, potete vedere “The Last Watch”: che non è una serie, ma un lungo documentario, ricreato e messo insieme da ore e ore di montaggio, sull’ultima stagione della serie-evento. E sempre su NowTv, potete rivedere “Legion” di Noah Hawley: in questi giorni, su Fox, va in onda la terza ed ultima stagione; è una delle serie più straordinarie, originali e visivamente sconvolgenti.

Gialli e polizieschi su Paramount Network

Infine, sul sito di Paramount Network (paramountnetwork.it), sono disponibili le prime puntate delle prime stagioni di “Endeavour”, in italiano riadattato con “Il giovane ispettore Morse”, serie sulle origini di uno dei personaggi più famosi del piccolo schermo inglese. Ottima per tutti gli appassionati di gialli, polizieschi e storie profondamente british. Su Dplay, invece, c’è la “Untraditional” di Fabio Volo, lungamente e ingiustamente sottovalutata da critica e pubblico, molto più simile di quello che potrebbe sembrare all’americana “Curb your enthusiasm”; e c’è “Come quando fuori piove”, miniserie diretta da Fabio Mollo con Virginia Raffaele.