Il potere di 5 buone abitudini da seguire appena svegli - Centodieci

Il potere delle 5 buone abitudini da seguire appena svegli

Gianluca Cedolin

nasce a Venezia e lavora come giornalista freelance. Ha pubblicato su molte testate e blog come La Repubblica, Rivista Undici, Gq, Yanez Magazine e Zona Cesarini. Appassionato di sport e di cinema, ambientalista...

Spesso la mattina ci svegliamo stanchi, in ritardo e stressati. Per iniziare bene la giornata invece è fondamentale prenderci un po’ più di tempo e sviluppare una routine che parta da piccoli gesti in grado di cambiarci la giornata. Vediamone alcuni.

1) Svegliarsi presto. Sui benefici dello sforzarsi a cambiare i propri ritmi per alzarsi all’alba si discute da molto, ma sembra essere positivo per vivere meglio. Innanzitutto, abbiamo tempo da dedicare a noi, allo stare con la famiglia e soprattutto a sbrigare faccende che se trascinate durante la giornata diventano un fardello minaccioso e insostenibile. L’esperta di time management Laura Vanderkam, autrice del libro “Cosa fanno le persone di successo prima di colazione”, ha fatto un sondaggio su 20 personaggi importanti e ha concluso che il 90 per cento di loro si alza prima delle 6. Jack Dorsey, fondatore di Twitter, si sveglia alle 5.30 per fare jogging; Bob Iger (ceo della Disney), addirittura alle 4.30, per leggere. 

2) Respirare. Michael Breus, psicologo e specialista del sonno, autore del libro “The power of when”, suggerisce di fare cinque bei respiri profondi appena svegli, in modo mettere subito bene in moto il nostro sistema respiratorio. Se riusciamo a farli davanti alla finestra meglio: ci aiuterà a svegliarci.

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Sfidare anche i competitor più agguerriti – Cosa imparare da Adriano Olivetti

Anche partendo da un contesto difficile, con un regime dittatoriale come quello fascista si può fare innovazione. Adriano Olivetti, nato nel 1901, era un figlio del Ventesimo secolo in tutto e per tutto. Nella sua parabola imprenditoriale e umana c'era...
Anche partendo da un contesto difficile, con un regime dittatoriale come quello fascista si può fare...

11 Febbraio 2020 | Crescita

3) Rifarsi il letto. È una questione di ordine fisico ma soprattutto mentale, importante anche per quando torniamo a casa stanchi e ci deprimiamo alla vista della casa in disordine. Secondo Charles Duhigg, che ha scritto “The power of habit”, rifare il letto tutte le mattine aumenta la produttività per tutta la giornata: è un’abitudine capace di innescare altre.

4) Fare esercizio fisico. Un piccolo allenamento mattutino rilascia endorfine, capaci di aumentare il nostro benessere in maniera totalmente naturale. Possiamo fare una corsetta, un po’ di yoga o degli esercizi a corpo libero, meglio se all’aperto (tempo permettendo). Spiega infatti Namni Goel, professoressa di psichiatria alla University of Pennsylvania, che il contatto con la luce del sole di prima mattina dice al nostro corpo che è ora di svegliarci.

5) Mangiare una buona colazione. Non dobbiamo assolutamente saltare quello che a detta di tutti i medici e i nutrizionisti è il pasto più importante della giornata. Sul cosa mangiare, possiamo ovviamente variare in base ai gusti, ma ci sono due regole fondamentali da seguire: la prima colazione dev’essere completa e bilanciata, come sostenuto dalla biologa nutrizionista Francesca Evangelisti in un’intervista al Giornale del cibo. Questo vuol dire che deve contenere tutti i nutrienti principali e nelle giuste proporzioni. Per essere più salutari, meglio scegliere prodotti biologici e integrali, a chilometro zero, non industriali.