"21 lezioni per il XXI secolo" è un libro sulla consapevolezza - Recensione

“21 lezioni per il XXI secolo” è una guida alla consapevolezza

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

 “Stiamo correndo nella direzione sbagliata”. A dirlo è Yuval Noah Harari, storico e saggista israeliano considerato da molti il guru dei nostri tempi, in un’intervista a Sky Tg24. Un avvertimento con cui l’autore dei saggi Sapiens, Homo Deus e del più recente 21 lezioni per il XXI secolo aggiunge un’ulteriore lezione sui pericoli dell’innovazione tecnologica non regolamentata e di un progresso senza freni. A due anni dall’uscita del suo ultimo libro (edito da Bompiani), Harari condanna le scelte politiche ed economiche delle principali potenze mondiali: dalla corsa all’intelligenza artificiale che vede contrapporsi Usa e Cina, all’immobilismo dei governi contro l’emergenza climatica, fino al pericolo di una guerra nucleare. Le altre 21 lezioni per affrontare il presente sono contenute nell’ormai celebre saggio che affronta i temi più importanti del nostro secolo: dalla tenuta della democrazia, alla crescita delle disuguaglianze, dai cambiamenti del mondo del lavoro, alla necessità di puntare sulla formazione. 

Un libro per ritrovare la consapevolezza

Stravolgimenti economici e sociali che hanno relegato l’uomo ai margini della società, invece che renderlo protagonista. “Molte persone a Birmingham, Istanbul, San Pietroburgo e Mumbai sono solo vagamente consapevoli, oppure non lo sono affatto, della crescita dell’intelligenza artificiale e del suo potenziale impatto sulle loro vite – scrive Harari – ma senza dubbio la rivoluzione tecnologica prenderà slancio nei prossimi dieci anni e metterà l’umanità di fronte alle più grandi difficoltà che abbia mai incontrato.” Leggendo Harari si può cadere nell’errore di pensare che questo pensatore indugi nella retorica della contro-innovazione. Ma non è così. La tecnologia non è di per sé né buona né cattiva secondo lo scrittore. Spetta all’uomo decidere come utilizzarla. E’ l’essere umano del XXI secolo, quindi, il vero oggetto della critica di Harari. È la sua inconsapevolezza l’unico vero pericolo da cui il saggista ci mette in guardia.

A Matera con Oscar Farinetti nella vera bellezza dell’Italia

Oscar Farinetti è un imprenditore italiano, fondatore della catena alimentare Eataly nata nel 2007, che rappresenta un caso imprenditoriale di successo tutto made in Italy, un esempio positivo di come sia possibile fare impresa oggi, in Italia. Farinetti...
Oscar Farinetti è un imprenditore italiano, fondatore della catena alimentare Eataly nata nel 2007,...

18 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Inferiori di Angela Saini e l’importanza di mettere tutto in discussione

Accusare Charles Darwin sarebbe facile, pure troppo. Quando anche lo studioso aveva affermato che le donne si collocherebbero a un gradino più basso dell’evoluzione, sono stati molti gli scienziati (uomini) a cercare prove a sostegno di una simile...
Accusare Charles Darwin sarebbe facile, pure troppo. Quando anche lo studioso aveva affermato che le...

15 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Sammy Basso va in scena, ed emoziona tutti

Grazie al Tour di Centodieci lo spettacolo di Sammy Basso è arrivato anche al Teatro Cristallo di Oderzo: e il pubblico ha risposto con grande entusiasmo oltre che con qualche nota di commozione. Lo spettacolo è parte di "Centodieci è ispirazione"...
Grazie al Tour di Centodieci lo spettacolo di Sammy Basso è arrivato anche al Teatro Cristallo di Oderzo:...

11 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Guida all'intelligenza emotiva con i consigli di Daniel Goleman

La prima edizione di quello che poi sarebbe diventato un bestseller mondiale uscì nel 1995 ma, come tutti i testi rivoluzionari, a distanza di anni continua a far parlare di sé. L’autore è uno psicologo, un professore di Harvard, un consulente di...
La prima edizione di quello che poi sarebbe diventato un bestseller mondiale uscì nel 1995 ma, come...

08 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Perché la tenacia di Scorsese è stata fondamentale per girare Irishman

Per raccontare quest’ultima edizione della Festa del Cinema di Roma, bastano due momenti. Un incontro, quello con Bill Murray e un film, “The Irishman” di Martin Scorsese. Il primo perché ha riassunto efficacemente, e forse nel migliore dei modi,...
Per raccontare quest’ultima edizione della Festa del Cinema di Roma, bastano due momenti. Un incontro,...

04 Novembre 2019 | Arte e Cultura

La tecnologia può “salvarci”? Dipende da noi “Se passiamo da guidatori umani a veicoli senza pilota potremmo salvare probabilmente 1 milione di persone all’anno. Analogamente, l’intelligenza artificiale e la bio-tecnologia, insieme, potrebbero garantirci una sanità migliore e meno costosa rispetto al passato” spiega l’autore nell’intervista. Ecco perché il suo ultimo libro, come suggerito dal titolo, più che un’invettiva sui mali del nostro secolo, è innanzitutto una risorsa per chi cerca soluzioni a una crisi umanistica di perdita di valori, di conoscenza e di controllo dell’uomo sulla propria vita. 

Il pericolo dell’irrilevanza

Il principale pericolo dei nostri tempi, spiega Harari nell’intervista, è l’irrilevanza. “Nel XX Secolo il grande problema era: che succede se vengo sfruttato da una multinazionale o un governo potenti?  Ora il pericolo principale è che succede se divento irrilevante? Se non avranno più bisogno di me?” commenta Harari, che chiarisce: è l’irrilevanza a rendere l’uomo impotente: “È molto più difficile combattere l’irrilevanza, piuttosto che lo sfruttamento. Quando sei sfruttato, almeno c’è chi ha bisogno di te – che lavori in fabbrica o che presti servizio in esercito. Ma quando sei irrilevante, perché c’è una macchina che fa tutto meglio di te, allora a stento puoi ribellarti. Perché non hai potere”. 

L’identità, la consapevolezza di se stessi e la crescita personale diventano quindi l’unica ancora di salvezza per orientarsi in un mondo in costante cambiamento.