"21 lezioni per il XXI secolo" è un libro sulla consapevolezza - Recensione

“21 lezioni per il XXI secolo” è una guida alla consapevolezza

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

 “Stiamo correndo nella direzione sbagliata”. A dirlo è Yuval Noah Harari, storico e saggista israeliano considerato da molti il guru dei nostri tempi, in un’intervista a Sky Tg24. Un avvertimento con cui l’autore dei saggi Sapiens, Homo Deus e del più recente 21 lezioni per il XXI secolo aggiunge un’ulteriore lezione sui pericoli dell’innovazione tecnologica non regolamentata e di un progresso senza freni. A due anni dall’uscita del suo ultimo libro (edito da Bompiani), Harari condanna le scelte politiche ed economiche delle principali potenze mondiali: dalla corsa all’intelligenza artificiale che vede contrapporsi Usa e Cina, all’immobilismo dei governi contro l’emergenza climatica, fino al pericolo di una guerra nucleare. Le altre 21 lezioni per affrontare il presente sono contenute nell’ormai celebre saggio che affronta i temi più importanti del nostro secolo: dalla tenuta della democrazia, alla crescita delle disuguaglianze, dai cambiamenti del mondo del lavoro, alla necessità di puntare sulla formazione. 

Un libro per ritrovare la consapevolezza

Stravolgimenti economici e sociali che hanno relegato l’uomo ai margini della società, invece che renderlo protagonista. “Molte persone a Birmingham, Istanbul, San Pietroburgo e Mumbai sono solo vagamente consapevoli, oppure non lo sono affatto, della crescita dell’intelligenza artificiale e del suo potenziale impatto sulle loro vite – scrive Harari – ma senza dubbio la rivoluzione tecnologica prenderà slancio nei prossimi dieci anni e metterà l’umanità di fronte alle più grandi difficoltà che abbia mai incontrato.” Leggendo Harari si può cadere nell’errore di pensare che questo pensatore indugi nella retorica della contro-innovazione. Ma non è così. La tecnologia non è di per sé né buona né cattiva secondo lo scrittore. Spetta all’uomo decidere come utilizzarla. E’ l’essere umano del XXI secolo, quindi, il vero oggetto della critica di Harari. È la sua inconsapevolezza l’unico vero pericolo da cui il saggista ci mette in guardia.

Cosa possiamo imparare rileggendo Piccole Donne

Lo diceva anche Italo Calvino, che un classico è un libro che non ha mai finito di insegnare qualcosa. Per questo oggi, in tempo per l’uscita del nuovo adattamento cinematografico di Greta Gerwig (arrivato in Italia il 9 gennaio 2020), rileggere Piccole...
Lo diceva anche Italo Calvino, che un classico è un libro che non ha mai finito di insegnare qualcosa....

17 Gennaio 2020 | Arte e Cultura

Le nuove eroidi – Fondare nel mito la contemporaneità

Prima ancora di scriverli, i miti, si tramandavano a voce. Perché sono nati, allora? Per dare un senso a ciò che accadeva, per comunicare e trasmettere una morale e un senso comune delle cose, in modo che si potesse condividere non soltanto una città...
Prima ancora di scriverli, i miti, si tramandavano a voce. Perché sono nati, allora? Per dare un senso...

20 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

5 insegnamenti che possiamo trarre da "Lionardo"

Quanto è entusiasmante uno spettacolo sul più grande genio della storia dell’umanità? Beh, possiamo rispondere subito: lo è tantissimo. Ed è proprio questo a essere andato in scena con “Lionardo”, lo spettacolo che il celebre attore Michele...
Quanto è entusiasmante uno spettacolo sul più grande genio della storia dell’umanità? Beh, possiamo...

18 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Storie della buonanotte per bambine ribelli, per conoscere gli ostacoli e superarli

«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n'era un'altra che diventò la più forte tennista al mondo», e poi un’altra e un’altra ancora. Storie della buonanotte per bambine ribelli,...
«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte....

13 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Cos’hanno in comune David Tremlett e la città di Udine?

David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa possono essere accomunati? La risposta si può trovare proprio nelle opere di Tremlett e nella sua filosofia di vita e di lavoro: “storie di confine”....
David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa...

11 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

La tecnologia può “salvarci”? Dipende da noi “Se passiamo da guidatori umani a veicoli senza pilota potremmo salvare probabilmente 1 milione di persone all’anno. Analogamente, l’intelligenza artificiale e la bio-tecnologia, insieme, potrebbero garantirci una sanità migliore e meno costosa rispetto al passato” spiega l’autore nell’intervista. Ecco perché il suo ultimo libro, come suggerito dal titolo, più che un’invettiva sui mali del nostro secolo, è innanzitutto una risorsa per chi cerca soluzioni a una crisi umanistica di perdita di valori, di conoscenza e di controllo dell’uomo sulla propria vita. 

Il pericolo dell’irrilevanza

Il principale pericolo dei nostri tempi, spiega Harari nell’intervista, è l’irrilevanza. “Nel XX Secolo il grande problema era: che succede se vengo sfruttato da una multinazionale o un governo potenti?  Ora il pericolo principale è che succede se divento irrilevante? Se non avranno più bisogno di me?” commenta Harari, che chiarisce: è l’irrilevanza a rendere l’uomo impotente: “È molto più difficile combattere l’irrilevanza, piuttosto che lo sfruttamento. Quando sei sfruttato, almeno c’è chi ha bisogno di te – che lavori in fabbrica o che presti servizio in esercito. Ma quando sei irrilevante, perché c’è una macchina che fa tutto meglio di te, allora a stento puoi ribellarti. Perché non hai potere”. 

L’identità, la consapevolezza di se stessi e la crescita personale diventano quindi l’unica ancora di salvezza per orientarsi in un mondo in costante cambiamento.