Come affrontare il rientro dalle vacanze con 4 mosse vincenti - Centodieci

4 consigli per affrontare al meglio il rientro dalle vacanze

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

L’arrivo di settembre, a parte per i fortunati che riescono a partire in questo periodo, significa quasi sempre fine delle ferie. Rientrare dalle vacanze e riabituarsi in fretta alla routine può essere traumatico per molti, ma con alcuni accorgimenti possiamo rendere più soft il ritorno.

4 consigli per affrontare il rientro dalle vacanze:

1) Tornare due-tre giorni prima

Probabilmente ormai le vostre ferie saranno finite, ma in generale, anche per le prossime volte, tenete a mente che è fondamentale prendersi un po’ di tempo per ambientarsi. Come spiega anche Tasha Rube, Licensed master social worker, essere a casa due-tre giorni prima di ricominciare a lavorare ci dà l’occasione di riprendere il ritmo giusto. Arrivando all’ultimo inizieremmo la settimana di lavoro già stanchi, e a casa non avremmo nemmeno il tempo di sistemarci (tra bagagli da disfare, lavatrici, frigo vuoto). Meglio tornare il venerdì, se si ricomincia il lunedì successivo, per avere anche modo di sperimentare nuovamente (e apprezzare) la nostra routine.

2) Portare a casa un pezzo di vacanze

Per continuare a vivere un’atmosfera spensierata, facciamo in modo di non dimenticarle. Stampiamo le foto che abbiamo scattato e facciamo un album, montiamo un video del nostro viaggio, manteniamo i contatti con le persone conosciute. Un’altra buona idea è quella di provare a cucinare delle ricette originarie dei posti in cui siamo stati: secondo una ricerca dell’Annual review of anthropology, cibo e memoria sono strettamente connessi, e riassaporare gusti provati in vacanza è in grado di riportarci immediatamente lì.

3) Non farci prendere dall’ansia

Se i primi giorni vediamo che è difficile riabituarsi al lavoro e alla vita di tutti i giorni, non preoccupiamoci. È una cosa normale: sebbene qualcuno parli di “sindrome post vacanze”, la comunità scientifica non parla dell’esistenza di una condizione medica. Insomma, è abbastanza normale “sentirsi strani” i primi giorni. Certo, se la cosa dovesse continuare, allora forse il problema non è semplicemente il rientro dalle ferie, ma potrebbe essere segno che qualcosa di più profondo non va nella nostra vita. In quel caso, possiamo parlarne prima con i vostri cari e poi, perché no, pensare a un sostegno psicologico.

4) Pianificare la prossima vacanza

Secondo uno studio pubblicato sull’Applied research in Quality of life, anche solo pianificare un viaggio porta una sensazione di felicità. Visto che sognare non costa nulla, iniziamo a cercare posti e itinerari che ci piacerebbe fare. Se poi abbiamo l’occasione di prenotare, tanto meglio: in questo modo avremo fisso in mente un obiettivo e lavoreremo con più serenità sapendo che, prima o poi, le ferie torneranno.

Come abbiamo cambiato la nostra idea di distanza sociale per il virus

Mi accorsi della relatività della distanza durante la mia permanenza a Roma. La Capitale è un'enorme giungla, fatta di stradine, vicoli, grossi viali alberati, palazzi umbertini con le facciate eleganti e, più in periferia, di alti palazzoni anni Cinquanta,...
Mi accorsi della relatività della distanza durante la mia permanenza a Roma. La Capitale è un'enorme...

08 Luglio 2020 | Crescita

London Breed: la sindaca che ha salvato San Francisco dal contagio

La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del 2018 quando è diventa sindaco della città di San Francisco. La prima donna di colore e la seconda donna in generale a ricoprire questa carica. London...
La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del...

07 Luglio 2020 | Crescita

Sei sicuro che il lavoro che fai ti renda felice?

Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni, emozioni, conciliazione, cura, serenità, dignità, dialogo, ascolto. È solo un piccolo esempio dei termini, anzi, dei concetti, anzi, delle dimensioni...
Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni,...

29 Giugno 2020 | Crescita

Prova a essere più abitudinario per essere più creativo

“Noi siamo quello che facciamo ripetutamente”- diceva Aristotele – “Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine”. Un’abitudine è un’azione, più o meno complessa, che ripetiamo nel tempo. Questa azione diventa talmente familiare...
“Noi siamo quello che facciamo ripetutamente”- diceva Aristotele – “Perciò l'eccellenza non...

16 Giugno 2020 | Crescita

La forza di Jacinda Ardern, premier neozelandese, è essere sé stessa

La Nuova Zelanda, un paese con poco meno di 5 milioni di persone, è storicamente avanti su molte cose: è stato il primo a concedere alle donne il diritto al voto, a credere nel welfare nazionale e ha da sempre rifiutato il nucleare. Ma qualcosa in particolare...
La Nuova Zelanda, un paese con poco meno di 5 milioni di persone, è storicamente avanti su molte cose:...

05 Giugno 2020 | Crescita