A lezione con Stephen King, il maestro del brivido.

A lezione con Stephen King, il maestro del brivido

Paolo Armelli

Nato nel 1988, dopo una laurea Lettere Moderne con una specializzazione in traduzione letteraria, Paolo Armelli si dedica alla comunicazione occupandosi di content marketing e social media management. Nel frattempo...

5 lezioni di vita che ci ha insegnato Stephen King

Può uno degli scrittori più prolifici degli ultimi decenni insegnarci qualcosa di prezioso per la nostra vita lavorativa e, ancora meglio, per la nostra vita quotidiana? La risposta è sicuramente affermativa se lo scrittore di cui stiamo parlando è Stephen King. Dal suo esordio nel 1974 con Carrie, e nel corso della sua ottantina abbondante di opere, quest’autore non ha mai cessato di terrorizzare e incantare generazioni di lettori. Ma se lezioni di profondissima umanità (sull’amicizia, la diversità, il coraggio, la compassione ecc.) possono essere tratte da numerosi suoi romanzi, da It a Shining, da L’ombra dello scorpione a Il miglio verde, è con il suo manuale del 2000 On Writing che King ha voluto lasciarci un’eredità di grande saggezza. Mentre parlava del suo metodo di scrittura e impartiva lezioni di estrema efficacia su come governare la pagina bianca, il Maestro del brivido in qualche modo ci stava anche insegnando come gestire la nostra vita frenetica.

1.Partire dalle basi
Sembra una banalità ma per ogni obiettivo nella vita l’importante è partire dal principio. Spesso diamo per scontate molte cose e, nella foga di arrivare, di concludere o di avere successo, bruciamo alcune tappe fondamentali. Invece è lo stesso King a ricordarci che per scrivere qualsiasi cosa bisogna procedere passo passo: “Che sia una vignetta di una pagina oppure una trilogia epica come Il Signore degli anelli, l’opera si compie sempre una parola alla volta”. Niente paura di avere fretta, dunque, si parte sempre dalle basi un po’ per volta. Ma proprio per partire da quelle basi bisogna studiare, essere pronti e preparati. “Se vuoi diventare uno scrittore, devi fare due cose prima di tutto: leggere tanto e scrivere tanto. Non c’è modo di aggirare queste due cose, nessuna scorcatoia”, ha scritto. Impossibile raggiungere un obiettivo se prima non ci si è preparati adeguatamente per farlo.

2.Smettere di attendere
Ma la preparazione può avere anche i suoi lati negativi, che si possono riassumere in una sola parola: temporeggiare. “Il momento più pauroso è sempre quello poco prima di iniziare”, ha scritto Stephen King e quando lui parla di paura c’è sempre da credergli. Il punto è che studiare e applicarsi è sempre una buona cosa ma, soprattutto se si hanno di fronte delle deadline piuttosto precise, a un certo punto bisogna anche iniziare a lavorare. King da questo punto di vista ha un metodo ben preciso che sostanzialmente sfata il mito letterario dell’ispirazione: secondo lui non si deve attendere che questa arrivi, ma bisogna crearsela. Partire da un’immagine, da un concetto, da una singola parola e da lì iniziare a scrivere. E anche quando non avete un obiettivo prestabilito, scrivete o lavorate lo stesso, giusto per tenervi in allenamento.

La compassione è un muscolo che si può allenare

Alla maggior parte di noi può sorgere in modo istintivo, quando si osserva una persona in difficoltà, partecipare al suo dolore e magari agire per cercare di alleviarlo, laddove possibile. Ci capita vedendo un film, così come concretamente nella vita...
Alla maggior parte di noi può sorgere in modo istintivo, quando si osserva una persona in difficoltà,...

21 Novembre 2019 | Crescita

Il viaggio di Sara Doris a Dandora, l’area più inquinata del Pianeta

Sono stata a Dandora nei giorni scorsi. Ci sono stata perché ero in Kenya per seguire alcuni progetti che con Fondazione Mediolanum Onlus stiamo realizzando da molto tempo, e non potevo non toccare con mano questa triste realtà alla quale pensavo di...
Sono stata a Dandora nei giorni scorsi. Ci sono stata perché ero in Kenya per seguire alcuni progetti...

20 Novembre 2019 | Crescita

Cos’è un percorso di crescita personale e come costruirselo

Il mercato della crescita personale è divenuto negli ultimi anni uno di quelli a maggior crescita, e questo a mio avviso a causa della proliferazione di sistemi di notifiche e algoritmi progettati per tenerci rinchiusi in recinti dove spendere soldi...
Il mercato della crescita personale è divenuto negli ultimi anni uno di quelli a maggior crescita, e...

19 Novembre 2019 | Crescita

A Matera con Oscar Farinetti nella vera bellezza dell’Italia

Oscar Farinetti è un imprenditore italiano, fondatore della catena alimentare Eataly nata nel 2007, che rappresenta un caso imprenditoriale di successo tutto made in Italy, un esempio positivo di come sia possibile fare impresa oggi, in Italia. Farinetti...
Oscar Farinetti è un imprenditore italiano, fondatore della catena alimentare Eataly nata nel 2007,...

18 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Inferiori di Angela Saini e l’importanza di mettere tutto in discussione

Accusare Charles Darwin sarebbe facile, pure troppo. Quando anche lo studioso aveva affermato che le donne si collocherebbero a un gradino più basso dell’evoluzione, sono stati molti gli scienziati (uomini) a cercare prove a sostegno di una simile...
Accusare Charles Darwin sarebbe facile, pure troppo. Quando anche lo studioso aveva affermato che le...

15 Novembre 2019 | Arte e Cultura

Le fake news fanno parte di noi: impossibile sconfiggerle?

Siamo bombardati da ogni parte: radio, TV, giornali, social media, ma anche amici, parenti, colleghi e semplici conoscenti, ogni giorno ci sottopongono a massicce dosi di notizie “da prendere con le molle”. Inesatte, travisate, incomplete o addirittura...
Siamo bombardati da ogni parte: radio, TV, giornali, social media, ma anche amici, parenti, colleghi...

14 Novembre 2019 | Crescita

Perché essere gentili con i colleghi migliora il nostro stato d’animo

Quando deve essere incentivata la produttività in azienda, usualmente si ricorre a bonus di tipo economico. Un aspetto poco valorizzato ma altrettanto efficace, è la gentilezza. Una ricerca condotta presso l’Università di Warwick in UK, ha evidenziato...
Quando deve essere incentivata la produttività in azienda, usualmente si ricorre a bonus di tipo economico....

13 Novembre 2019 | Crescita

Le foreste non hanno bisogno dell’uomo ma noi abbiamo bisogno di loro

Fin dai suoi albori il destino della nostra specie è legato a doppio filo a quello delle foreste. Tra le fronde degli alberi i nostri progenitori hanno trovato riparo e sostentamento e, in seguito, dalle foreste hanno ricavato legname per realizzare...
Fin dai suoi albori il destino della nostra specie è legato a doppio filo a quello delle foreste. Tra...

12 Novembre 2019 | Crescita

3. Controllare la paura
Si parlava di paura, appunto, ed è un po’ paradossale che un autore che sulla paura ha creato un impero ne sia anche il più efficace antidoto. Eppure se c’è un significato profondo in tutta l’opera di King sta proprio nel fatto che la paura non esiste, o meglio esiste solo come proiezione delle nostre insicurezze e delle manipolazioni che compiamo su noi stessi. Imparare a dominarle è il segreto verso la via del successo, qualsiasi esso sia. Controllare la paura significa essere sicuri di sé stessi e quindi dare il meglio di sé. “Sono convinto che la paura sia la radice della maggior parte della cattiva scrittura”, ha scritto il nostro Maestro. In generale farsi prendere dal timore non farà che peggiorare la nostra performance e darà di noi un’immagine insicura. Se siamo preparati e abbiamo lavorato sodo c’è sempre qualcosa che può andare storto, ma nella maggior parte dei casi non dipenderà più da noi.

4. Eliminare il superfluo
Uno dei modi per trovare la convinzione in sé stessi è quello di smettere di voler qualcun altro. Spesso, nella scrittura ma anche nella preparazione di qualsiasi progetto, ci perdiamo in dettagli, ridondanze e parole “grosse” che non servono a quello che vogliamo dire noi ma a compiacere chi ci sta ascoltando colpendolo con una retorica elaborata. Nella maggior parte dei casi, però, neanche il nostro pubblico vorrà sorbirsi qualcosa di eccessivamente e inutilmente elaborato. Stephen King ce lo insegna quando ci parla di una fase importantissima dell’attività dello scrittore: l’editing. Consiglia infatti di rivedere le proprie bozze a mente fredda e cercando di eliminare almeno il 10% delle parole inutili: “Una delle cose peggiori è rivestire la scrittura di parole lunghe come se ci si vergognasse di quelle brevi”, suggerisce inoltre. L’obiettivo è quello di essere chiari, diretti, spontanei.

5. Imparare la resilienza
Scrivere, e questo King ce lo insegna in ogni modo, è un lavoro di pazienza certosina. Nonostante i metodi più affinati, ci vuole sempre tempo per terminare un’opera e spesso le difficoltà che si incontrano sul cammino sono innumerevoli. Questo vale in ogni ambito lavorativo e il tempo e la paura dei risultati non devono aggiungersi come limiti insormontabili. Perché un altro valore che il nostro scrittore ci insegna in maniera indefessa è la resilienza. Sembrerà strano ma anche un autore di bestseller a catena come Stephen King ha avuto i suoi insuccessi, e soprattutto è stato duramente criticato (basti citare il recentemente scomparso Harold Bloom). Eppure dal suo esempio deriva il consiglio di non arrendersi mai: “L’ottimismo è l’unica legittima risposta al fallimento”, ha scritto. Le critiche e gli insuccessi ci saranno sempre, l’importante è cogliere sempre il lato positivo anche da essi e continuare. Il prossimo numero 1 nella classifica dei libri più venduti è sempre dietro l’angolo.