Il nuovo libro di Massimo Vitali ci insegna a imparare dalle piccole cose

Il nuovo libro di Massimo Vitali ci insegna a imparare dalle piccole cose

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

«È domenica mattina, sono le nove e sto sognando». Inizia così la realtà in pillole di Massimo Vitali, che in Una vita al giorno, intreccia la propria storia a quella dei momenti più piccoli, apparentemente privi di significato, delle sue giornate. Dagli incontri casuali in ascensore, alle buste di plastica gonfie di alimenti; e poi i calzini spaiati e le capriole sul letto (solo due, «perché la decenza impone un limite»). Sulla soglia dei 40 anni, l’autore trova in ognuno dei suoi brevi capitoli almeno un motivo per cui ne sia valsa la pena, sin da quando, nella notte di Capodanno, inizia a riflettere su «dove sono stato in tutto questo tempo? Cerco di darmi una risposta con uno dei mantra che ho imparato a ripetermi nei momenti di difficoltà: a volte ti godi di più la vita se non capisci». Se lo ripete più volte, e poi capisce che non funziona. Vitali ha la brutta abitudine, scrive, di perdere le cose, «quelle più piccole. Sarebbe difficile perdere un armadio». Eppure, contrario alla filosofia per cui vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo è l’unico modo per apprezzare la vita, decide di porre attenzione a tutti i più minuscoli frammenti di quotidianità, elaborando così un romanzo che è una “lista di buoni propositi”; delle cose che “guai a te se te le perdi”.
Con il tempo ci siamo abituati a considerare ogni aspetto della nostra vita, lavorativa e sentimentale, procedendo per massimi sistemi, cercando una realtà ideale in maniera quasi ossessiva: al punto tale da smarrirci tra le sfumature dei giorni. Al punto di non vederle. E invece ogni notte dovremmo andare a dormire grati per aver appreso qualcosa di nuovo come curare una piantina di basilico, per aver rubato un sorriso o ascoltato una canzone. Riflettendo sulla frenesia di ogni momento, cercando invece di fermare i secondi, di provare a scattare sempre un’istantanea, per condividerli ma soprattutto per memorizzarli e non lasciarli andare mai. Che la vita a correre e a contare i minuti è già fin troppo brava.
Nel suo romanzo-guida, Vitali ci insegna a respirare e lo fa senza impartirci alcuna lezione, ma mettendosi a nudo per fornirci uno spunto di riflessione. Presentandosi come “quello che c’è già passato”, mostra ai suoi lettori come a volte basti solo trovare la giusta chiave di lettura. Con originalità e piacere autentico di raccontarsi, Vitali dispiega i suoi episodi uno dopo l’altro, con una scrittura ironica e vivace, come se si trovasse seduto sul divano di casa nostra, offrendo la possibilità di comprendere anche i momenti più negativi: «Nella vita si può anche andare in fondo alle cose e trovare il buio, l’importante è conservarlo».
Sul lavoro, e in amore, è la mancanza di cura nelle piccole cose che ci fa compiere gli errori più grandi, si potrebbe sintetizzare. Per questo il narratore di Bologna sceglie di accompagnarci in un viaggio in cui ogni giornata, con le sue “cose normali” e le sue malinconie, diventa puro significato. Tra i successi raggiunti, i fallimenti, le storie finite senza un bacio e quelle mai iniziate, Massimo Vitali realizza è un’apologia della “casualità importante”, un prontuario per imparare a stare meglio. E a toglierci anche qualche soddisfazione, nel capitolo 10. Ma questo è bene che ve lo spieghi lui.

di Corinne Corci 

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura

Sfidare anche i competitor più agguerriti – Cosa imparare da Adriano Olivetti

Anche partendo da un contesto difficile, con un regime dittatoriale come quello fascista si può fare innovazione. Adriano Olivetti, nato nel 1901, era un figlio del Ventesimo secolo in tutto e per tutto. Nella sua parabola imprenditoriale e umana c'era...
Anche partendo da un contesto difficile, con un regime dittatoriale come quello fascista si può fare...

11 Febbraio 2020 | Crescita

Cosa rispondere a chi dice di bilanciare vita e lavoro? Sbagliato!

Bilanciare vita e lavoro? Impossibile. Il lavoro è parte della vita. Se prendi tutta la tua vita, che comprende anche il lavoro, e la metti su un piatto di una bilancia, e sull’altro ci metti solo il lavoro, come possono rimanere in equilibrio? Cos’è...
Bilanciare vita e lavoro? Impossibile. Il lavoro è parte della vita. Se prendi tutta la tua vita, che...

10 Febbraio 2020 | Crescita

Se vuoi smettere di procrastinare iscriviti al Club delle 5 del mattino

Dicono che il mondo si divida in due tipi di persone: le allodole e i gufi. I primi sono quelli che amano e riescono a svegliarsi presto la mattina, mentre i secondi - chiaramente - sono quelli che preferiscono dormire qualche ora di più mentre tutti...
Dicono che il mondo si divida in due tipi di persone: le allodole e i gufi. I primi sono quelli che amano...

07 Febbraio 2020 | Arte e Cultura