Niente è impossibile! - Centodieci

Niente è impossibile!

Valeria Cagnina

Co-founder e mentor di OfpassiON. Il suo percorso inizia a 14 anni quando diventa speaker al TEDxMilanoWomen, al CNR di Pisa, al Senato della Repubblica e all’opening conference della Maker Faire Rome 2015 nell’Aula...

Innovare, cambiare, stimolare, ispirare, per costruire un futuro migliore per tutti, significa partire dall’education.
Significa formare i bambini per costruire adulti di domani consapevoli e felici. Significa lavorare con gli adulti trasmettendo loro soft skill, quelle competenze trasversali così importanti oggi nel lavoro e nella vita e così tante volte sottovalutate: problem solving, team working, leadership, creatività, pensiero laterale,… non sono solo cose da bambini!

Come fare? Semplice! Con OFpassiON e il metodo delle 10 regole che io e Francesco Baldassarre, il mio socio, abbiamo ideato. Le 10 regole sono il nostro metodo per rivoluzionare il mondo dell’education e fare in modo che ogni persona, nel mondo, possa avere diritto ad un’educazione di qualità. Il nostro è un metodo educativo ambizioso, quanto disarmante nella sua semplicità.
La prima regola è la più importante: Niente è impossibile! Partendo da questo presupposto ci renderemo conto che le cose davvero impossibili sono molte meno di quelle che pensiamo. D’altronde è proprio così che sono riuscita ad arrivare al MIT a 15 anni. Sì proprio quello di Boston, sì proprio a 15 anni! Tutti mi dicevano che era impossibile… io non ho dato retta e sono andata avanti per la mia strada. Il risultato? Ho passato l’intera estate a Boston con borsa di studio. Nel progetto Duckietown del Dipartimento di Robotica ero senior tester e dovevo semplificare i tutorial universitari per renderli fruibili dai ragazzi delle superiori!
Le nostre attività oggi vanno da 3 anni a 99. Nei nostri laboratori è vietato dire ‘non ce la faccio’ perché crediamo che sia solo un blocco mentale per convincerci ad arrenderci.
Svolgiamo le nostre attività con bambini, ragazzi, studenti, adulti, insegnanti e manager aziendali. Utilizziamo la robotica, che è la nostra passione, come mezzo e non come fine. Ci sediamo tutti insieme per terra, in cerchio e scalzi e costruiamo robot molto semplici (non servono competenze pregresse). Il cerchio permette a tutti di sentirsi allo stesso livello, non c’è chi impara e chi insegna, ma è uno scambio continuo di competenze, anche – e soprattutto! – con i bambini. L’essere scalzi, soprattutto dopo un primo momento di imbarazzo iniziale, abbatte le barriere e la formalità, così deleterie negli adulti.

Storie della buonanotte per bambine ribelli, per conoscere gli ostacoli e superarli

«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n'era un'altra che diventò la più forte tennista al mondo», e poi un’altra e un’altra ancora. Storie della buonanotte per bambine ribelli,...
«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte....

13 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Questione di misura: quando i gruppi di lavoro su WhatsApp fanno male

A inizio gennaio 2019, l’Independent rilasciò la notizia circa la messa a disposizione di WhatsApp Business, un’app di messaggistica che presentava alcune funzionalità pensate appositamente per le aziende. Perché se è vero che l’applicazione...
A inizio gennaio 2019, l’Independent rilasciò la notizia circa la messa a disposizione di WhatsApp...

12 Dicembre 2019 | Crescita

Cos’hanno in comune David Tremlett e la città di Udine?

David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa possono essere accomunati? La risposta si può trovare proprio nelle opere di Tremlett e nella sua filosofia di vita e di lavoro: “storie di confine”....
David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa...

11 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Il ricordo di quel giovedì nero degli anni ‘20

Il 24 ottobre scorso i media mondiali, cogliendo l’occasione del novantesimo anniversario del più famoso “giovedì nero” della storia, hanno raccontato al proprio pubblico e soprattutto ai giovani, i fatti di quel giovedì del 1929 che hanno segnato...
Il 24 ottobre scorso i media mondiali, cogliendo l’occasione del novantesimo anniversario del più...

10 Dicembre 2019 | Crescita

Educare gli occhi ad andare oltre

Non ci sono dubbi: ci hanno fregato tutti da piccoli quando a scuola ci hanno insegnato a colorare dentro i margini. è un esercizio che si fa fare ai bambini in un’età in cui si sviluppa l’intelligenza motoria, si sta educando il corpo di un giovane...
Non ci sono dubbi: ci hanno fregato tutti da piccoli quando a scuola ci hanno insegnato a colorare dentro...

09 Dicembre 2019 | Crescita

Il tempo dei nuovi eroi

«Qualsiasi cambiamento, anche il più piccolo, influenza il tutto. Dobbiamo assumerci la responsabilità di ogni pensiero, di ogni emozione, di ogni azione che compiamo». Ne è convinto Oscar di Montigny, che lo scorso 5 dicembre a Matera ha raccontato...
«Qualsiasi cambiamento, anche il più piccolo, influenza il tutto. Dobbiamo assumerci la responsabilità...

06 Dicembre 2019 | Crescita

Fare business con uno stakeholder speciale: il pianeta

I quattro ragazzini delle scuole medie seduti in prima fila al seminario Centodieci è Innovability sono un messaggio di speranza e il segno dei tempi. «Sono uno stimolo, ma anche un monito, perché lasciamo il mondo in mano a loro» ha detto Gianluca...
I quattro ragazzini delle scuole medie seduti in prima fila al seminario Centodieci è Innovability sono...

05 Dicembre 2019 | Crescita

Phoebe Waller-Bridge, da autrice e sceneggiatrice ad attrice

Si chiama Phoebe Waller-Bridge. È un’attrice e sceneggiatrice inglese.A trentaquattro anni, è anche la prima donna nella Storia a vincere nello stesso anno un Emmy Award per la sceneggiatura, uno per il ruolo di protagonista e uno per la miglior serie...
Si chiama Phoebe Waller-Bridge. È un’attrice e sceneggiatrice inglese.A trentaquattro anni, è anche...

04 Dicembre 2019 | Crescita

State pensando che tutto ciò sia roba da bambini? Assolutamente no! Certo con loro è sempre più facile perché non hanno schemi e costruzioni mentali radicate, così già a 3 anni sono in grado di costruire il loro robot e decorarlo con tanta creatività. Ma il metodo funziona anche con gli insegnanti ai quali mostriamo come replicare in classe il nostro metodo di apprendimento creativo e divertente, utilizzabile in tutte le materie e con tanti collegamenti trasversali.
E con i manager in giacca e cravatta? I 40-50-60enni che hanno una posizione ai vertici della piramide? Che magari si sentono arrivati. Che pensano di non aver bisogno di imparare certe cose giocando? Anche loro scalzi ed in cerchio! All’inizio c’è un po’ di perplessità, magari un po’ di ostruzionismo nel vederci arrivare. Anche perché, non ve l’ho detto prima, ma io, Valeria, ho 18 anni e Francesco ne ha 26! Il primo pensiero è spesso: cosa vogliono insegnarci questi due ragazzini! Noi la prendiamo come una sfida: riuscire a dimostrare il contrario! E ci riusciamo quasi sempre, perché il nostro metodo è efficace e funziona.
Abbiamo infatti lavorato e lavoriamo con grandi nomi: Mediolanum, BNP Paribas, Electrolux, Allianz, Disney, Michelin, Cisco, Arval, Intesa S. Paolo, Enel,… Giriamo tutta l’Italia, l’Europa e il mondo: Bruxelles, Principato di Monaco, Barcellona, Parigi, Monaco di Baviera,… siamo arrivati persino a Boston e S. Francisco con le nostre attività! I media più importanti parlano di noi (TG1, TG2, Millionaire, Forbes, Ansa, SKYtg24,…).
Crediamo che imparare divertendosi sia un must e che a tutte le età l’apprendimento possa e debba essere creativo e interessante, oltre che sempre positivo per permettere alle persone di essere contente di imparare e continuare a farlo per tutta la vita.
Siamo partiti da poco con una rete di Ambassador. La nostra vision è quella di riuscire a rivoluzionare il mondo dell’education per fare in modo che ogni persona, nel mondo, possa imparare divertendosi, possa scoprire presto la propria passione per poterla trasformare in lavoro ed essere felice ogni giorno della propria vita.
Questo può essere fatto a qualunque età, non è mai troppo tardi per essere felici, per creare un mondo in cui ogni persona sia contenta il venerdì quando arriva il weekend, ma sia altrettanto carica il lunedì mattina, felice di quello che ogni giorno può costruire. Niente è impossibile! Con determinazione, impegno e duro lavoro si arriva dove si vuole, ricordandosi sempre che solo sul dizionario successo viene prima di sudore!