Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto fragili e insicuri. Ed è dalle ultime pagine che André Aciman recupera la sua storia di passione e scoperta con Cercami (edito da Guanda con traduzione di Valeria Bastia): più che un seguito, il nuovo romanzo ambientato 20 anni dopo quell’incontro, torna a indagare le vite dei due protagonisti attraverso un percorso tortuoso, che approfondisce la storia del padre di Elio, Samuel, e di Miranda, una giovane fotografa incontrata su un convoglio diretto a Roma. Nel giro di poche ore, nonostante la differenza di età – come nel primo capitolo era stata quella tra Elio e Oliver – pianificheranno una vita insieme.

Amore e ritorno. In Cercami i personaggi si innamorano reciprocamente attraverso le parole nei discorsi, che si muovono dalla letteratura alla musica, fino alle nozioni sul tempo («Il tempo è sempre il prezzo che paghiamo per quella vita che avremmo voluto vivere, e che invece non abbiamo vissuto»); intraprendono nuove relazioni come quella tra Elio e Michael, un uomo più anziano di lui, in chiaro parallelo con la relazione di suo padre e Miranda; vivono ricordando il primo amore, che è sempre lì, immobile in qualche angolo della mente, pronto a farci sognare e stare male di nuovo:

«Potrebbero passare tanti, mille anni, eppure resterei sempre attaccato a qualcuno che è diventato una presenza invisibile».

Confida Elio a un certo punto ricordando Oliver, che nel frattempo si è sposato e che tornerà dal ragazzo solo nelle ultime pagine del romanzo. Dicono che non si scordi mai, e che rappresenti un importante passaggio della nostra evoluzione: il primo amore, esperienza unica e impossibile da dimenticare. Che sia durato un mese, un anno oppure sette. Che non sia durato affatto, rimanendo un groviglio di spine conficcate nello stomaco. Motore del racconto, il primo amore è quanto fa incontrare le loro vite apparentemente a sé stanti, ambientate in tre diverse città del mondo, così che ogni storia risolva la precedente. Dall’estate calda e umida del capitolo introduttivo, passano inverni e autunni uggiosi, e loro continuano a credere nei giochi del destino, nell’esistenza del colpo di fulmine.

Ognuno prova a tirare le fila della propria esistenza lasciata a metà, andando a recuperare quell’amore per metterci un punto che ne segni la fine, o solo per capirci qualcosa che era andato perso. Seguono il filo conduttore del rimpianto per venire a capo del bandolo della matassa, come quando ci siamo riscoperti a cercare su Instagram quello che ci aveva rapito il cuore al secondo anno di liceo. Nel libro di Aciman, i protagonisti lo fanno attraverso gite fuori porta, sperando di imbattersi in qualcosa o in qualcuno; trascorrendo le notti in bianco e non riuscendo più a lavorare o mangiare. Che poi non è solo il primo amore: lo sono un po’ tutti, quelli intensi.

Corinne Corci

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura