Pantone Classic Blue: il colore che favorisce la riflessione

Pantone Classic Blue: il colore che favorisce la riflessione

Michele Boroni

Si occupa di contenuti e comunicazione per brand, persone e progetti editoriali. Ha scritto e scrive di marketing, cultura pop, media e tecnologia per Il Foglio, Il Messaggero, Wired, Rockol, Elle Decor e LINK....

Come ogni anno Pantone, azienda leader nelle soluzioni cromatiche che è diventata standard ufficiale di classificazione dei colori, ha annunciato quello che sarà, cromaticamente parlando, la tendenza dei prossimi 12 mesi. Quest’anno è stato scelto come Color of the year il Classic Blue (Codice Pantone 19-4052), una sfumatura di blu “intramontabile e senza tempo, elegante nella sua semplicità”.

A differenza del passato, dove le motivazioni erano molto legate alle ultime proposte viste nelle passerelle fashion o durante le design week, questa volta per esprimere il senso del tempo Pantone ha voluto prendere in considerazione una dimensione interiore, capace di infondere sentimenti come pace e tranquillità. In un anno epocale come il 2020 tutti noi abbiamo bisogno di una base stabile e affidabile da cui partire, e il Classic Blue secondo gli analisti di Pantone trasmette proprio questa sensazione di costanza e fiducia, diventando una solida base a cui ancorarsi. Leatrice Eiseman, direttrice esecutiva del Pantone Color Institute, afferma che il Classic Blue “rievoca il vasto e infinito cielo serale e del mare calmo, incoraggiandoci a guardare oltre l’ovvio per espandere il nostro pensiero; sfidandoci a pensare in modo più approfondito, aumentare la nostra prospettiva e aprire il flusso della comunicazione”.

Quindi questo Classic Blue nell’ottica di Pantone favorisce la concentrazione e permette di rifocalizzare i pensieri e gli obiettivi con più chiarezza, incoraggiando la riflessione profonda e la “consapevolezza aperta”.

Ed è proprio per questo che quest’anno, oltre all’inevitabile applicazione nel mondo della moda e del beauty, vedremo sempre più tonalità di blu classico anche all’interno di abitazioni, uffici e sale riunioni che permette di infondere quella dimensione di calma, pace e riflessione. Un divano, un tappeto, una componente di arredo capace di catalizzare l’attenzione senza appesantire lo spazio. Oppure attraverso delle pareti colorate per potersi abbandonare a pace e tranquillità, in alternativa al glaciale bianco scandinavo che solitamente è predominante negli spazi di lavoro condiviso.

È interessante notare come questa tendenza rappresenti un importante tassello per poter favorire un punto d’incontro tra variabile estetiche ed etiche.
A pensarci bene, un tempo queste due dimensioni si trovavano agli antipodi: ciò che era bello spesso era superficiale perché a detta di molti l’immagine rischiava di “vampirizzare” il concetto e il pensiero etico. Un tempo quindi quando si parlava di estetica si faceva unicamente riferimento al lifestyle e quindi alla dimensione narcisista e consumistica
Oggi invece il matrimonio tra estetica ed etica rappresenta il nuovo parametro della qualità (di vita, di pensiero, di processo). In fondo il termine estetica deriva dal greco aesthesis che significa “sentire condiviso”, perciò la dimensione estetica non è solo immagine ed esteriorità, bensì un’esperienza sensoriale a tutto tondo. Quindi in questo caso anche la scelta di un colore o una qualsiasi proposta puramente estetica può avere un’influenza positiva non solo sull’umore, ma anche nell’esperienza lavorativa e di vita: in definitiva oggi l’estetica è più connessa al mindstyle, dove la curiosità del pensiero vince sullo stile di vita prescrittivo.
L’estetica perciò è un sentire e non solo unicamente stile. E tutti noi sappiano quanto sia importante educare un “nuovo sentire” e quindi anche un’etica rinnovata nella vita professionale e personale di tutti noi.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura