Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi - Centodieci

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento. In meno parole significa rischiare, ed è in questa direzione che Mattia Ferraresi si è mosso con il suo ultimo saggio, Solitudine. Nel libro edito da Einaudi il giornalista de Il Foglio si concentra su un fenomeno che – lascia intendere fin da subito – considera parte integrante e persino sostanziale della forma mentis dell’uomo occidentale. Il suo percorso si articola in tre tappe: inizia illustrando il “quadro clinico”, ovvero l’insieme di modalità tramite le quali il morbo della solitudine si dispiega; prosegue con un tentativo di individuarne l’origine attraverso un’analisi storica, durante la quale si appoggia ad alcuni classici della filosofia politica; e conclude con una profonda riflessione di carattere spirituale, proponendo «la ricerca di un tu che possa rispondere adeguatamente al malessere che pesa sul presente».

La tesi che Ferraresi sostiene ed argomenta nella seconda parte è probabilmente quella più significativa: se la solitudine è un problema drammaticamente serio nella società del Ventunesimo secolo (lo è non soltanto per l’autore o per la casa editrice, ma anche e soprattutto per un ampio e crescente filone della ricerca scientifica), il problema va ricercato nella deriva per così dire maligna di una certa idea di libertà; quella stessa idea che da secoli permea la società e la cultura occidentale, e che più di ogni altra ha contribuito a dargli una forma. Un passaggio dall’introduzione è particolarmente esplicativo: «Nel divincolarsi dalle autorità, dalle gerarchie e dalle costrizioni tradizionali che lo opprimevano», scrive Ferraresi, «l’uomo moderno si è ritrovato solo». Sta facendo ed ha fatto a pezzi ogni forma fisica di mediazione: «Ordinamenti, strutture, sistemi, partiti, chiese, leggi, abitudini, tradizioni, dogmi, codici, regimi, opinioni, usanze, costumi e perfino assetti biologici». E una volta liberatosi di tutto, ha perso al contempo quei punti di riferimento indispensabili al suo orientamento.

L’intento di Ferraresi non è tanto quello di orchestrare un processo al liberalismo, reo di aver condotto l’uomo occidentale ad un punto di non ritorno, stordendolo con l’inganno, quanto piuttosto quello di costruirgli una critica positiva, di metterne in evidenza questo limite strutturale; o per usare le sue parole, «problematizzare laddove tutto cospira a semplificare».

Tra le pagine di Solitudine non emerge un rinnegamento dell’idea di libertà, casomai un certo scetticismo sulla sua sacralizzazione: l’individuo moderno è meno soggetto a vincoli e obblighi rispetto al passato, suggerisce Ferraresi, ma questo stato è lungi dal garantirgli una strada sicura verso la realizzazione – e quindi, in termini più generici, verso la felicità.

Il saggio si chiude con qualcosa di simile ad una proposta di soluzione. Se la solitudine «si configura come assenza di significato», come l’autore argomenta ponendo le basi per l’ultimo capitolo, allora il senso di comunità che scaturisce dall’esperienza religiosa può tornare ad essere uno strumento valido per recuperare quel significato. «L’esperienza del sacro», scrive Ferraresi, è d’altronde quella che «più esplicitamente di ogni altra pretende di fornire risposte alle domande sul senso della vita degli uomini e dell’universo che abitano». Una provocazione non banale, se associata come per l’appunto in Solitudine alla rivendicazione della de-secolarizzazione cavalcante, un “ritorno del religioso”, che l’autore individua nell’Occidente moderno. Senz’altro un’interpretazione dalla quale si può dissentire, ma che va tenuta in considerazione in quanto componente di un più ampio e coraggioso tentativo di districarsi nei meandri dello stato esistenziale dell’uomo contemporaneo. Un tentativo che è pane per i denti di chi ha l’ambizione e il coraggio di mettere in discussione le proprie certezze.

Simone Torricini

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento....
Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio...

27 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: Liberati dagli oggetti superflui per volare più in alto

«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di vivere in modo semplice, con meno abitudini, ma più solide, meno oggetti e distrazioni, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ancora...
«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di...

26 Marzo 2020 | Crescita

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l'epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus,...
L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo...

25 Marzo 2020 | Arte e Cultura

No alle barriere tra manager e lavoratori – Cosa imparare da Jack Welch

Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra rispetto al brand aziendale. Una figura, quella di Jack Welch, che ha segnato un prima e un dopo di lui all'interno di General Electric. Ingegnere chimico...
Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra...

24 Marzo 2020 | Innovability

Smart life, quello che stiamo imparando “grazie” al virus

Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire e trattare ogni aspetto della vita come proficuo per sé e per gli altri. Mai come in questi giorni capiamo quanto è differente qualcosa di intelligente...
Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire...

23 Marzo 2020 | Innovability

Tutto sommato, Le Ragazze stanno bene

A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque dire non benissimo), anche perché spesso l'effetto è quello di ricevere, più che dati, opinioni personali, quando non addirittura provocazioni o...
A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque...

20 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: imponiti autodisciplina, soprattutto lavorando da casa

Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti sbagliati. Stare in pigiama per un’intera settimana, evitare di lavarci il viso e perché no, magari nemmeno lavarci i capelli (tanto, chi ci vede)....
Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti...

19 Marzo 2020 | Crescita

Sembra incredibile ma la vulnerabilità è la nostra unica forza

Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi in un progetto senza garanzie di successo, esporsi con chi può potenzialmente farci del male o deriderci, chiedere il tanto meritato aumento...
Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi...

18 Marzo 2020 | Crescita

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera...
Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano...

17 Marzo 2020 | Crescita

Elogio delle riviste aziendali (ai tempi del coronavirus)

La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni ‘40 alla fine degli anni ’60: finita l’economia di guerra e andando verso la società dei consumi, in parallelo con la crescita e la maturità dell’editoria,...
La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni...

16 Marzo 2020 | Arte e Cultura