I benefici psicologici del mare nella nostra vita - Centodieci

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Antonio Potenza

Laureato in Comunicazione, si specializza in Editoria e Scrittura presso l'Università LaSapienza di Roma. Collabora come editor con la rivista Sundays Storytelling. Ha lavorato come redattore televisivo presso...

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:
incarnano la vita, le indicano una rotta.
– Cécile Guérard

È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità cittadina.
Dagli albori dei tempi, il mare si configura come l’orizzonte in cui l’umanità si specchia, scorgendo in quel riflesso la finitezza della condizione antropologica – chiusa com’è nel recinto metropolitano e sociale. I viaggi, le scoperte, l’invenzione della barca, la pesca, ogni cosa e ogni azione relativa al mare porta con sé il bisogno intrinseco dell’uomo di ritornare all’infinitezza, poiché è nell’impossibilità dello sguardo totale sull’immensità del mare che si cela la restituzione di quel pacifico senso di nulla.
Andare al mare, di per sé, è un’espressione errata. Non c’è mai una prima volta verso il mare, ma è sempre un tornare. E una volta sulla soglia della riva quel ritorno fa bene prima di tutto alla psiche.

La sensazione di rigeneramento una volta a contatto con il mare è comune a tutti. Il processo è sia fisico che psicologico. Una ricerca di Connie e Marcel Hernandez ha dimostrato che l’ecosistema salmastro aiuta ad abbassare i livelli di stress. Contribuiscono a questo obiettivo gli ioni negativi nell’aria marina che combattono i radicali liberi, ma aiuta anche il sale che preserva i livelli di melatonina, triptamina e serotonina. Se si prende in considerazione l’immersione, poi, la temperatura dell’acqua svolge un ruolo fondamentale, per ovvie ragioni. Insomma, i benefici fisici sono tanti e ancestrali, conosciuti già dalle prime civiltà che si stabilirono sulle rive del Mediterraneo. E al netto dei consigli “benessere”, vi è un legame stretto a livello psicologico tra mare e individuo che si sviluppa prettamente sul piano psicologico. Tale condizione non permette un’osservazione diretta o di facile strutturazione. Carl Gustav Jung analizzò approfonditamente il legame che intercorre tra l’acqua e l’inconscio, riconoscendo nel primo caratteristiche del secondo, e viceversa. In questo modo il mare diventa una variabile simbolista: lì, tra un’onda e l’altra, si nasconde un fil rouge, delicatissimo, attraverso il quale la psiche umana si immerge nelle profondità del proprio inconscio. In “Simboli della trasformazione”, Jung esplicava così questo rapporto arcaico:

«La proiezione dell’imago materna sull’acqua conferisce a quest’ultima una serie di qualità numinose o magiche, peculiari della madre. Il simbolismo dell’acqua battesimale della Chiesa ne è un buon esempio. Nei sogni e nelle fantasie il mare, o una qualsiasi vasta distesa d’acqua, significa l’inconscio. L’aspetto materno dell’acqua coincide con la natura dell’inconscio, in quanto quest’ultimo (specialmente nell’uomo) può essere considerato madre o matrice della coscienza. In tal modo l’inconscio, quando interpretato in riferimento al soggetto, ha al pari dell’acqua significato materno».

Riassumendo, potremmo azzardare a racchiudere qualsiasi tipo di beneficio, che sia la riduzione dello stress, la guarigione del raffreddore stagionale, o il senso di pace, in un unico solo effetto: il mare riporta l’uomo alla propria origine. Come in un processo di reset, l’individuo lascia le proprie bottiglie piene di messaggi e futili preoccupazioni sulle rive, e nel riverbero della risacca passa dal proprio big bang psicologico, per ritornare alla propria vita quasi nuovo, sporcato appena dalla spuma.
Prova di questo richiamo del mare alla parte più profonda e abissale della mente umana, sono le immagine archetipiche sviluppatesi nei miti. Se per l’appunto i punti più profondi del mare richiamano i posti più oscuri dell’inconscio, le acque stagnanti, ad esempio, rappresentano simbolicamente una stasi dei processi psichici o il legame con la morte. Tutto quanto sorge dall’acqua e a essa ritorna nello stadio finale, come il carro di Elios che nasce da Oceano e ogni sera torna a dimorarvi per riprendere forza e risorgere ogni mattina. Faraoni e guerrieri vichinghi, benché lontani chilometri per cultura e posizione geografica, raggiungevano l’oltretomba attraverso l’acqua, ad esempio. Il mare è stato l’inconscio trasversale dell’umanità.

Non è sorprendente pensare quindi che di tanto in tanto risulti necessario stringere lo sterzo e correre verso il mare con la scusa di un gelato. Che sia di sera, infrasettimanale, o durante un weekend soleggiato poco importa, fuggire dal grigiume cittadino verso uno specchio d’acqua rappresenta l’unico atto di rivoluzione dell’uomo moderno, per ritrovare sé stesso, per accarezzare – almeno una volta – il proprio inconscio, bistrattato troppo spesso da tasks, brief, e da tutta quella serie di inutili inglesismi di questa nuova quotidianità, così lontana dal mare.

Impegno, relazione, libertà, innovazione: i 4 valori dell'arte di Christo

Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato nel 1935 in Bulgaria, è a Parigi che dà vita alla sua espressione artistica e sempre qui che incontra Jeanne-Claude, sua moglie e compagna di sodalizio...
Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato...

01 Giugno 2020 | Centodieci

Non è vero che Favole al telefono è un libro per bambini

Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori e designer internazionali, scritti da autori che hanno anche scritto romanzi e libri che hanno emozionato i genitori di quei libri che vengono definiti...
Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori...

29 Maggio 2020 | Centodieci

Cosa imparare dalla visione imprenditoriale di Ferruccio Lamborghini

A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno imparato a usare il touch screen prima di saper leggere e scrivere. Dei favolosi anni Sessanta del secolo scorso, quando il nostro Paese sbalordiva il...
A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno...

27 Maggio 2020 | Innovability

Una giornata nella Zona rossa del Covid-19

La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso giornali e media è un racconto sporcato, ogni nuovo racconto si addensa di un particolare, finché non si arriva al punto della confusione. Tale narrativa...
La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso...

26 Maggio 2020 | Innovability

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli...
Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il...

22 Maggio 2020 | Arte e Cultura

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile Guérard È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità...
Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile...

20 Maggio 2020 | Crescita

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

Lo Stato dell’Unione di Nick Hornby ci racconta le crisi di coppia

Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può far creare situazioni inedite che inaspriscono o rendono migliori lo stare insieme. I protagonisti de Lo Stato dell’unione di Nick Hornby parla proprio...
Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può...

15 Maggio 2020 | Arte e Cultura

Il contagio delle emozioni che ti rende un buon leader

Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del primo trimestre la metà della popolazione mondiale sarebbe stata chiusa in casa, che non avremmo potuto andare a trovare i nostri amici o familiari,...
Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del...

13 Maggio 2020 | Crescita

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la...
Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe...

12 Maggio 2020 | Innovability