Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Corinne Corci

Nata a Milano, è una giornalista praticante. Dopo essersi laureata in Lettere moderne e aver lavorato come correttrice di bozze per Mondadori, ha frequentato la scuola di giornalismo IULM. Collabora con alcune...

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli assomigliava. È cambiata perché attraverso quell’amore, Beatrice, seguirà una storia piena di misteri, gioia, follia, disperazione. È questo il racconto a cui dà vita Giorgio Nisini, autore del romanzo Il tempo umano, in cui attraverso i personaggi che insegue e le cui vite si incontrano in epoche e luoghi diversi, riflette sul senso del tempo nelle nostre esistenze. Non sembra un caso che sia uscito proprio adesso, un momento in cui l’attesa – questo tempo sospeso – ha iniziato ad occupare un posto centrale nelle vite di tutti.

Lui, il suo docente di Letteratura, non l’aveva mai notata e improvvisamente gli accende una sorta di “desiderio di potenza”. Lei si è appena laureata in Filologia con una tesi sulle liriche amorose di Cino da Pistoia. È la figlia di un importante industriale, Alfredo Del Nord, noto nel mondo dell’orologeria di lusso per aver creato la Dea Nigra, marchio importante nel settore. Dall’incontro con la famiglia, e soprattutto con la sorella di Beatrice, Maria, ribelle e anticonformista che Tommaso spia di nascosto, prende forma la vicenda che porterà velocemente a un disastro, tanto che la storia con la giovane ex studentessa finirà in tragedia e Tommaso verrà per sempre allontanato dalla villa.

Nello stesso tempo, creando una linea temporale in cui tutto sembra mescolarsi (accade nella mente di Tommaso, in cui Beatrice gli ricorda Valentina, e Valentina un momento trascorso con Annabella, e così via in un susseguirsi di donne e vite del passato) Nisini segue la vita di Alfredo, che coltiva da quando aveva nove anni il desiderio di decifrare un antico motto latino trovato sull’orologio di un partigiano in una fiera in Maremma. Un «orologio del tempo», come l’aveva chiamato il venditore ambulante, in grado di scacciare e sconfiggere la morte. Un piccolo amuleto con quadrante a forma di uovo, da cui ha avuto origine la fortuna dell’impresario.

Ma in realtà, oltre alle storie dei protagonisti, nelle parole di Nisini esiste tutto un sottotesto. Più dell’ossessione sessuale di Tommaso, più di quella intellettuale del padre di Beatrice che conta, misura i minuti, i secondi, gli attimi da registrare su un cronometro, rendendo il romanzo una lunga ponderazione sul tempo inteso come lo aveva inteso Bergson: «Del resto era il tempo in sé, prima ancora che il calcolo, ad affascinare Alfredo: quell’inesorabile movimento in avanti in cui gli sembrava di intravedere il senso dell’esistere». Perché oltre al tempo conosciuto, Alfredo aveva capito che ne esisteva un altro, quello della psiche, dell’interiorità. «Quante volte uno stesso intervallo di ore ci sembra diverso a seconda del nostro stato d’animo? Quante giornate corrono più veloci rispetto ad altre pervase dalla noia? Rallentare il tempo, velocizzarlo, fermarlo, erano tutte possibilità della coscienza più che della conoscenza scientifica o della meccanica».

C’è questo nel libro di Nisini, nascosto nelle sue atmosfere alla Jacques Deray, negli spazi che sembrano quelli di una pellicola di Bertolucci, negli sguardi che richiamano al languore e alla passione tra Jean-Paul Belmondo e Jean Seberg in Fino all’ultimo respiro: una digressione sull’importanza del tempo interiore e del valore che attribuiamo ai momenti della nostra vita. Soprattutto adesso, quando ci sembra più difficile ricordarci che giorno sia, che ora sia, perché non ci è rimasto quasi più niente a scandire e definire le nostre giornate. Perché la verità è che il tempo non esiste – ce lo ha detto anche la fisica con la teoria della gravità quantistica a loop – o meglio, non esiste al di fuori di noi, come ha scritto Proust nella Ricerca: «Un’ora non è solo un’ora, è un vaso colmo di profumi, di suoni, di progetti, di climi», proprio perché personale. Un’ode a un concetto di tempo tanto connaturato all’esperienza umana da regolare i nostri ritmi come una forza incombente, eppure così profondamente e intimamente nostro.

Impegno, relazione, libertà, innovazione: i 4 valori dell'arte di Christo

Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato nel 1935 in Bulgaria, è a Parigi che dà vita alla sua espressione artistica e sempre qui che incontra Jeanne-Claude, sua moglie e compagna di sodalizio...
Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato...

01 Giugno 2020 | Centodieci

Non è vero che Favole al telefono è un libro per bambini

Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori e designer internazionali, scritti da autori che hanno anche scritto romanzi e libri che hanno emozionato i genitori di quei libri che vengono definiti...
Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori...

29 Maggio 2020 | Centodieci

Cosa imparare dalla visione imprenditoriale di Ferruccio Lamborghini

A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno imparato a usare il touch screen prima di saper leggere e scrivere. Dei favolosi anni Sessanta del secolo scorso, quando il nostro Paese sbalordiva il...
A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno...

27 Maggio 2020 | Innovability

Una giornata nella Zona rossa del Covid-19

La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso giornali e media è un racconto sporcato, ogni nuovo racconto si addensa di un particolare, finché non si arriva al punto della confusione. Tale narrativa...
La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso...

26 Maggio 2020 | Innovability

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli...
Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il...

22 Maggio 2020 | Arte e Cultura

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile Guérard È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità...
Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile...

20 Maggio 2020 | Crescita

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

Lo Stato dell’Unione di Nick Hornby ci racconta le crisi di coppia

Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può far creare situazioni inedite che inaspriscono o rendono migliori lo stare insieme. I protagonisti de Lo Stato dell’unione di Nick Hornby parla proprio...
Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può...

15 Maggio 2020 | Arte e Cultura

Il contagio delle emozioni che ti rende un buon leader

Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del primo trimestre la metà della popolazione mondiale sarebbe stata chiusa in casa, che non avremmo potuto andare a trovare i nostri amici o familiari,...
Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del...

13 Maggio 2020 | Crescita

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la...
Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe...

12 Maggio 2020 | Innovability