Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus - Centodieci

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Gianluca Randazzo

Responsabile della Corporate Social Responsibility, grazie alla quale Banca Mediolanum ha ricevuto il premio nazionale ABI per l’innovazione. La sua attività passa dalla realizzazione del Bilancio Sociale, alla...

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la catena di contagio di questo nuovo virus che corre molto in fretta. Quello che non tutti sappiamo è cos’altro è accaduto e accade nel mondo in questo momento di sospensione in cui gli aerei sono rimasti a terra e non hanno volato, in cui le nostre auto si sono immobilizzate nei parcheggi dove una buona parte resterà ancora per qualche tempo, in cui le industrie sono rimaste chiuse. Poiché l’arresto della mobilità e della produttività ha coinvolto a livello globale circa 2,6 miliardi di persone, è accaduto che nel mondo i livelli di inquinamento sono calati e stanno calando rapidamente. Nell’Unione Europea le emissioni quotidiane si sono ridotte del 58% rispetto a prima della crisi. Negli USA, il governo stima che per il 2020 caleranno del 7,5%. Metropoli come Pechino, Los Angeles o New Delhi non hanno mai avuto nella storia recente un’aria così pulita. Alcuni dei cambiamenti più immediati in Italia sono già visibili nelle nostre quotidianità. Un esempio su tutti l’acqua dei canali a Venezia che è tornata limpida per via delle barche ferme che non smuovono il fondale. Stiamo dunque assistendo a dei veri e propri effetti collaterali benefici che tuttavia dobbiamo valutare attentamente poiché ci insegnano da un lato che un trauma come questo può alterare le emissioni, ma dobbiamo anche evitare di dover ricorrere a traumi come questo per poter raggiungere un risultato come questo che ha senza alcun dubbio un costo enorme dal punto di vista sociale e umano. Costo che certamente e giustamente occuperà la totalità del dibattito politico dei prossimi mesi e anni impegnato com’è sul fronte medico-sanitario e su quello della ripresa economica e produttiva.

Dunque, la pandemia che pur ha prodotto effetti positivi sul fronte climatico, ha certamente distolto l’attenzione dalla lotta alla crisi climatica proprio quando stava diventando una priorità globale. Sembra essere avvenuto in un passato remoto ma era solo il 26 febbraio scorso il giorno in cui la Commissione UE ha pubblicato le relazioni per Paese in cui vengono analizzate le grandi sfide socioeconomiche ritenute necessarie per realizzare la “sostenibilità competitiva” per la transizione verso la neutralità climatica e, più in generale, verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU al 2030. «Muoviamo oggi il primo passo nel cammino che porterà la sostenibilità al centro della politica e dell’azione economica dell’UE aveva dichiarato in quel periodo Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia –  Le relazioni per Paese 2020 fanno il punto dei progressi compiuti nel perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e comprendono una sezione specificamente dedicata alla sostenibilità ambientale. Quest’aspetto va di pari passo con il tema centrale del semestre europeo: le questioni economiche e sociali e la correzione degli squilibri macroeconomici. Il ritmo di riduzione dei livelli di debito pubblico e privato non è omogeneo e, nonostante la correzione della maggior parte dei disavanzi delle partite correnti, restano preoccupazioni per le situazioni di avanzo ingente».

Ma in un mondo stravolto dal nuovo coronavirus che oltretutto ci porta come prospettiva una profonda recessione se non forse una depressione, il tema clima rischia di diventare distante. Sarebbe un grave errore impostare il dibattito sulle politiche future, perdendoci uno degli aspetti fondamentali. Vorrebbe dire perderci un’occasione epocale per un cambio di paradigma un modello di sviluppo che deve considerare e mantenere l’equilibrio gli impatti sociali, ambientali ed economici. Se tutti i Paesi hanno accettato misure senza precedenti come il distanziamento sociale, è auspicabile pensare che i tempi siano quelli giusti per elaborare e maturare sistemi evolutivi verso un modello competitivo e, allo stesso tempo, collaborativo, fedele ai principi di sostenibilità. Produttività, stabilità, equità e ambiente, sono i quattro pilastri su cui fondare ogni comportamento umano, che sia individuale, sociale o produttivo. La pandemia ci ha insegnato che la cooperazione è la bussola comportamentale che può guidare i nostri passi d’ora in avanti. Proteggendo l’altro proteggo me stesso e allo stesso tempo produco un impatto significativo per tutto l’insieme. Un chiaro esempio di coopetition for impact.

Impegno, relazione, libertà, innovazione: i 4 valori dell'arte di Christo

Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato nel 1935 in Bulgaria, è a Parigi che dà vita alla sua espressione artistica e sempre qui che incontra Jeanne-Claude, sua moglie e compagna di sodalizio...
Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato...

01 Giugno 2020 | Centodieci

Non è vero che Favole al telefono è un libro per bambini

Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori e designer internazionali, scritti da autori che hanno anche scritto romanzi e libri che hanno emozionato i genitori di quei libri che vengono definiti...
Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori...

29 Maggio 2020 | Centodieci

Cosa imparare dalla visione imprenditoriale di Ferruccio Lamborghini

A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno imparato a usare il touch screen prima di saper leggere e scrivere. Dei favolosi anni Sessanta del secolo scorso, quando il nostro Paese sbalordiva il...
A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno...

27 Maggio 2020 | Innovability

Una giornata nella Zona rossa del Covid-19

La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso giornali e media è un racconto sporcato, ogni nuovo racconto si addensa di un particolare, finché non si arriva al punto della confusione. Tale narrativa...
La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso...

26 Maggio 2020 | Innovability

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli...
Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il...

22 Maggio 2020 | Arte e Cultura

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile Guérard È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità...
Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile...

20 Maggio 2020 | Crescita

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

Lo Stato dell’Unione di Nick Hornby ci racconta le crisi di coppia

Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può far creare situazioni inedite che inaspriscono o rendono migliori lo stare insieme. I protagonisti de Lo Stato dell’unione di Nick Hornby parla proprio...
Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può...

15 Maggio 2020 | Arte e Cultura

Il contagio delle emozioni che ti rende un buon leader

Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del primo trimestre la metà della popolazione mondiale sarebbe stata chiusa in casa, che non avremmo potuto andare a trovare i nostri amici o familiari,...
Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del...

13 Maggio 2020 | Crescita

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la...
Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe...

12 Maggio 2020 | Innovability