Non fermarti mai, il futuro è di chi impara ogni giorno - Centodieci

Non fermarti mai, il futuro è di chi impara ogni giorno

Paolo Gallo

Ha lavorato con Citigroup a Milano, Londra e New York, e con la International Finance Corporation a Washington DC. È stato Direttore Risorse umane alla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo a Londra,...

“L’uomo mi ha creato, ma sarò io a comandare”. Sono le prime parole del mostro appena creato dal dottor Frankenstein, nel capolavoro di Mary Shelley del 1818. Un presagio di un’evoluzione piuttosto terrificante. Fin dalla prima rivoluzione industriale, l’umanità si è divisa tra due opposte fazioni: gli ottimisti, che ritengono che i progressi tecnologici portino a un miglioramento complessivo della nostra vita, grazie soprattutto alla creazione di posti di lavoro, e i pessimisti che la pensano esattamente al contrario.

Entrambe le prospettive sono supportate da valide argomentazioni, ma vivendo oggi in una società caratterizzata da cambiamenti tecnologici esponenziali e dirompenti, i cui effetti impattano a una velocità di implementazione mai vissuta in passato, le domande da porsi dovrebbero essere:

– In un contesto di trasformazione continua, come devo comportarmi? A quali capacità dovrei fare ricorso e quali dovrei sviluppare?
– Come si pianificano le attività aziendali se i mercati, le esigenze, i concorrenti, i prodotti, le tecnologie produttive cambiano così vertiginosamente?
– Se abbiamo un ruolo manageriale, qual è la chiave perché le nostre aziende possano mantenersi competitive e i nostri dipendenti e colleghi rilevanti?

Per restare competitive e rilevanti, le aziende di successo investono sul costante allineamento delle abilità dei propri dipendenti alle continue novità tecnologiche (hard skill), e sul potenziamento e la valorizzazione delle abilità personali (soft skill), poiché riuscire a emergere in un mondo in continuo cambiamento richiede in modo crescente competenze di gruppo. Ognuno di noi, personalmente e professionalmente, deve imparare a muoversi lungo due coordinate fondamentali: restare in ascolto e restare connesso. Non ascoltare significa perdere conoscenza del contesto, ma se non so dove mi trovo è difficile che possa capire dove andare. Restare isolati vuol dire rinunciare all’ascolto degli altri, mentre le strade percorse dagli altri possono rivelare occasioni impensabili per la mia.

Chiunque, dallo studente al professore, dal grande manager al pensionato, dal timido al networker incallito, deve sentirsi investito del dovere non più rinviabile di potenziare e rinnovare le proprie abilità personali, necessarie per affrontare i cambiamenti del futuro. Solo per citarne alcune, tratte dagli elenchi del World Economic Forum e dell’OCSE: leadership, empatia, capacità di team building, autonomia, flessibilità, adattabilità, capacità di pianificare e organizzare, problem solving, capacità comunicativa. Possederle è importante, ma come tante mollette sparse su un tavolo assumono valore se appese ad un “filo rosso” che permetta di valorizzarle, nella quotidianità delle soft skill il fil rouge è la capacità di saper creare, gestire e manutenere le relazioni interpersonali nel tempo. C’è chi è portato naturalmente e chi meno, ma è una competenza che si può (e si deve) acquisire con impegno e allenamento costanti, applicando pratiche che avvengono in momenti relazionali chiamati “di networking”.

Dopo circa quarant’anni dall’introduzione dei primi computer, abbiamo finalmente imparato una lezione: “loro” vincono la gara di velocità e precisione, mentre “noi” possiamo ancora vincere la “gara” delle relazioni, attraverso lo sviluppo dell’empatia, della creatività, della capacità di creare connessioni persone/discipline, e in contesti diversi.

Per fronteggiare machine-learning dobbiamo diventare noi stessi learning-machines.
Le skill che dobbiamo sviluppare sono riassumibili con 4 C: Creatività, Critical Thinking, Contextual Intelligence (la capacità di collegare discipline diversa tra loro) e infine la Collaborazione. Perché proprio la collaborazione? Perché i problemi, divenuti da complicati a complessi, richiedono la capacità di costruire relazioni collaborative con le altre unità all’interno di uno stesso sistema. Ma questo sistema occorre saperselo creare e manutenere nel tempo.

Possiamo così rispondere al mostro di Frankenstein dicendo che l’essere umano rimarrà al centro di questa ennesima rivoluzione, con le sue conoscenze, connessioni e relazioni, basate sulla fiducia e rispetto reciproci. A patto che punti sulla continua formazione tecnica e maturi una cura particolare del potenziamento delle abilità “soft”, indispensabili in un mondo che cambia ogni giorno.

Gianfranco Minutolo, Autore de “I robot non sanno fare networking (per adesso)”
Paolo Gallo, Autore de “La Bussola del successo”

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Cinque mete estive che ti faranno tornare migliorato

Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone». Viaggiare, muoversi, entrare in contatto con nuove culture, nuovi luoghi e nuovi modi di vivere, preparare i...
Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi,...

29 Luglio 2020 | Crescita

Le canzoni della radio sono la colonna sonora della nostra vita

È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari: innanzitutto ce ne possono essere diverse, perché diverse sono i momenti della vita e quasi sempre questi momenti si legano indissolubilmente a una...
È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari:...

27 Luglio 2020 | Arte e Cultura