Sei sicuro che il lavoro che fai ti renda felice? - Centodieci

Sei sicuro che il lavoro che fai ti renda felice?

Andrea Di Turi

Giornalista, blogger, storytweeter. Da metà anni ’90 segue il dibattito sui temi di finanza sostenibile (SRI), CSR, economia sociale. Blogga su mondosri.info e twitta su @andytuit...

Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni, emozioni, conciliazione, cura, serenità, dignità, dialogo, ascolto. È solo un piccolo esempio dei termini, anzi, dei concetti, anzi, delle dimensioni di cui si dovrebbe tener conto quando si affronta il tema della felicità in azienda. O, meglio, della felicità legata al lavoro. Dove per felicità s’intende, come recita il dizionario: “stato d’animo di chi è sereno, non turbato da dolori o preoccupazioni e gode di questo suo stato”.

Il lavoro che faccio mi rende felice? Esiste un lavoro per sua natura felice – o più felice del mio – a prescindere da chi lo fa?

Già la numerosità ed eterogeneità delle dimensioni a cui si è accennato fanno capire come sia estremamente complesso, per non dire impossibile, rispondere in modo univoco a queste domande. Allo stesso tempo, però, impossibile è non provare a farlo. Anche perché, se vogliamo dirci la verità, sono domande che ognuno di noi si pone un giorno sì e l’altro pure. E sarebbe un guaio se così non fosse, perché vorrebbe dire che si è smesso di ricerca la “felicità”, o la migliore e più soggettiva approssimazione che ognuno vuol dare al concetto di felicità, non solo sul lavoro ma nella propria vita, su cui il lavoro incide in maniera fondamentale anche se evidentemente non esclusiva. Che il lavoro ci renda il più possibile felici o quantomeno non infelici è allora una questione primaria che ci riguarda tutti e da vicino: persone, imprese, istituzioni, collettività. Finalmente pare che il messaggio, sebbene con fatica, sia cominciato a entrare in circolo anche nella cultura imprenditoriale.

Lo dimostra in generale il fatto che la responsabilità sociale e la sostenibilità, dove la “felicità” dei dipendenti occupa un posto di primo piano, sono ormai ambiti strategici con cui le aziende di ogni ordine e grado non possono non confrontarsi. A richiederlo in modo pressante alle aziende come a tutti gli attori socio-economici e istituzionali sono tra l’altro gli SDGs, gli Obiettivi di Sviluppo sostenibile definiti dalle Nazioni Unite nel 2015, che al goal numero 8 parlano esplicitamente di “lavoro dignitoso per tutti”: vero è che dignità non è la stessa cosa che felicità, ma è difficile pensare che la prima non sia un mattoncino indispensabile per la seconda. Che un lavoro che rende felici non sia almeno un lavoro che tutela e promuove la dignità della persona. O un lavoro che, anche se stanca, nobilita, per dirla col celebre adagio.

A dimostrarlo in modo ancora più specifico, però, e a renderlo assai visibile, è la presenza in un numero ancora ristretto ma crescente di realtà aziendali della figura del manager della Felicità. Il Chief Happiness Officer (CHO), che si è già guadagnato una voce su Wikipedia. In Italia esiste anche un percorso di certificazione per diventare CHO.

Sia chiaro: la ricetta per il lavoro felice, o per essere felici lavorando, non è ancora stata trovata e forse non potrà mai esserlo, se si ha in mente qualcosa che possa essere valido per chiunque e in qualsiasi contesto. Ma la notizia è che oggi nelle aziende si sta diffondendo una spinta importante a mettere in relazione – concretamente, con metodo, sperimentando e discutendo – felicità e lavoro. Che essere felici sul lavoro conta, economicamente oltre che personalmente. E che, soprattutto, si può fare. Cioè che anche attraverso o sul lavoro – comunemente associato a fatica, obbligo, controllo, ansia di risultato, stress e via discorrendo – si può aspirare a raggiungere quello “stato d’animo di chi è sereno, non turbato da dolori o preoccupazioni e gode di questo suo stato”. In Danimarca hanno coniato addirittura un nuovo termine, “arbejdsglæde”, che significa appunto felicità sul lavoro: pare esista solo lì.

Certo, se si pensa che “fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno nella tua vita” è una massima attribuita a Confucio, c’è voluto – come dire – giusto un attimo di tempo. Ma ci siamo arrivati.

London Breed: la sindaca che ha salvato San Francisco dal contagio

La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del 2018 quando è diventa sindaco della città di San Francisco. La prima donna di colore e la seconda donna in generale a ricoprire questa carica. London...
La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del...

07 Luglio 2020 | Crescita

Il colibrì di Veronesi celebra gli eroi normali e vince il Premio Strega

“Colibrì” è il soprannome di Marco Carrera, protagonista dell’ultimo romanzo di Sandro Veronesi e vincitore del Premio Strega 2020. È intitolato appunto Il colibrì, come quei piccoli uccellini che riescono a stare quasi sospesi a mezz’aria,...
“Colibrì” è il soprannome di Marco Carrera, protagonista dell’ultimo romanzo di Sandro Veronesi...

03 Luglio 2020 | Arte e Cultura

È ora di fare impresa per il mondo

Non si torna indietro. È ancora così incredibilmente difficile accettare di dover cambiare molti dei nostri comportamenti, per accogliere il futuro e disegnarlo secondo le aspettative dei più giovani e di chi verrà dopo. Spesso sostenibilità è solo...
Non si torna indietro. È ancora così incredibilmente difficile accettare di dover cambiare molti dei...

01 Luglio 2020 | Innovability

Non fermarti mai, il futuro è di chi impara ogni giorno

“L’uomo mi ha creato, ma sarò io a comandare”. Sono le prime parole del mostro appena creato dal dottor Frankenstein, nel capolavoro di Mary Shelley del 1818. Un presagio di un’evoluzione piuttosto terrificante. Fin dalla prima rivoluzione industriale,...
“L’uomo mi ha creato, ma sarò io a comandare”. Sono le prime parole del mostro appena creato dal...

30 Giugno 2020 | Innovability

Sei sicuro che il lavoro che fai ti renda felice?

Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni, emozioni, conciliazione, cura, serenità, dignità, dialogo, ascolto. È solo un piccolo esempio dei termini, anzi, dei concetti, anzi, delle dimensioni...
Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni,...

29 Giugno 2020 | Crescita

Almarina di Valeria Parrella: l’importanza di una seconda possibilità

In copertina, una donna galleggia sull’oceano. Ha le braccia spalancate, come se fosse pronta ad accogliere e ricevere tutto l’amore del mondo. Eppure, quella sensazione di infinita libertà che la copertina di Almarina di Valeria Parrella evoca sin...
In copertina, una donna galleggia sull’oceano. Ha le braccia spalancate, come se fosse pronta ad accogliere...

26 Giugno 2020 | Arte e Cultura

Il cinema asiatico e lo scambio culturale: scoprire un Paese grazie ai film

La crisi economica conseguente al Coronavirus ha colpito sensibilmente il mondo dello spettacolo e, fra le sue attività, non è scampata nemmeno la grande industria cinematografica. Ne hanno risentito non solo gli addetti ai lavori, bensì pure i cinefili,...
La crisi economica conseguente al Coronavirus ha colpito sensibilmente il mondo dello spettacolo e, fra...

24 Giugno 2020 | Arte e Cultura

Passione e sostenibilità: perché scegliere la bici a scatto fisso

Chi pensa che una bicicletta costi poco si sbaglia di grosso. È uno dei motivi che ha mosso il Governo a varare degli incentivi per comprarne una nuova, così da diminuire il numero di persone che viaggiano sui mezzi pubblici (evitare contagi) e privati...
Chi pensa che una bicicletta costi poco si sbaglia di grosso. È uno dei motivi che ha mosso il Governo...

23 Giugno 2020 | Innovability

4 cose che possiamo imparare da Enrico Mattei

Partire da un background familiare umile per diventare uno dei più grandi e influenti manager del tuo Paese, tanto da essere indicato come esempio. Non è una storia americana, ma tutta italiana, quella di Enrico Mattei, nato nel 1906 ad Acqualagna e...
Partire da un background familiare umile per diventare uno dei più grandi e influenti manager del tuo...

22 Giugno 2020 | Innovability

Città sommersa di Marta Barone scava nel passato del padre

Il Sessantotto, gli Anni di Piombo sono al centro di Città Sommersa, il primo romanzo di Marta Barone, candidato al Premio Stega 2020. Fuori dalle finestre c’è molto silenzio, c’è una città silenziosa, come silenziose sembrano essere le ricerche...
Il Sessantotto, gli Anni di Piombo sono al centro di Città Sommersa, il primo romanzo di Marta Barone,...

19 Giugno 2020 | Arte e Cultura