Per raggiungere i tuoi obiettivi fatti aiutare dalla paura - Centodieci

Per raggiungere i tuoi obiettivi fatti aiutare dalla paura

Micaela Terzi

Business Coach. Ha fondato 2 start-up specializzate nello sviluppo di servizi per Smart City; nel 2015 ha deciso di dedicarsi esclusivamente alla consulenza. Affianca professionisti e aziende che vogliono incrementare...

La paura è una sensazione sgradevole, scatenata dalla percezione di un pericolo reale o immaginario. Fa parte delle emozioni primarie, ed è comune sia agli essere umani che agli animali. Un’emozione di difesa: percepisco un pericolo e tutto il mio corpo si prepara ad affrontarlo, solitamente con un atteggiamenti di lotta o di fuga. La paura non riguarda solo la salute del nostro corpo e non innesca solo meccanismi di difesa finalizzati a preservarci da ferite più o meno gravi. Molto spesso le ferite da cui vogliamo difenderci sono quelle dell’anima. La paura, come tutte le emozioni, non è positiva o negativa, ma siamo noi a renderla tale. Può infatti essere la causa dei nostri fallimenti come dei nostri successi, tenerci lontani dalla realizzazione dei nostri obiettivi oppure aiutarci a raggiungerli. Tutto dipende dall’uso che ne facciamo.

Nel suo libro “Playing Big” Tara Mohr parla delle due traduzioni della parola “paura” che si trovano nella Bibbia ebraica. Pachad è la paura delle cose immaginate: è irrazionale e generata dal timore di quello che potrebbe accadere. In pratica è quello che proviamo quando pensiamo al worst-case scenario (non ce la farò mai, non riuscirò mai a raggiungere quel traguardo, non sono abbastanza bravo per riuscirci ecc…). Questo è il tipo di paura che ci assale quando pensiamo di non essere abbastanza bravi o preparati, quando siamo convinti che non ce la faremo mai ad avere successo. Ma esiste un altro tipo di paura: yirah, che ha addirittura 3 significati. È la sensazione che ci assale quando ci troviamo in uno spazio più ampio di quello a cui siamo abituati; quella che proviamo quando improvvisamente entriamo in possesso di molta più energia di quella che avevamo prima; è ciò che sentiamo in presenza del divino. Questo tipo di paura ci assale quando stiamo facendo qualcosa di importante, quando stiamo esprimendo la nostra creatività e quando ci mostriamo al mondo. È un tipo di paura utile perché ci ricorda che queste cose sono importanti per noi. Quando la accogliamo siamo in grado di smetterla di nasconderci e possiamo finalmente “giocarcela alla grande”.

La paura può essere la nostra più grande alleata quando abbiamo un progetto importante da portare avanti, o quando vogliamo esprimere la nostra creatività e le nostre capacità, mostrarle al mondo invece che tenerle solo per noi.

Quando diventa il motore che ci spinge e ci motiva ad andare avanti, è una vera e propria forza propulsiva che ci consente di fare tutto quello che desideriamo e di raggiungere tutti i nostri obiettivi, anche se ci spaventano. Coraggioso non è chi non ha paura, ma chi – nonostante abbia paura – fa quello che deve per esprimere se stesso. Non c’è garanzia di successo quando esprimiamo la nostra creatività, ci ricorda Elizabeth Gilbert nel suo “Big Magic”, ma quello che dobbiamo chiederci, quando vogliamo raggiungere un obiettivo o realizzare un progetto è – sono pronto a portare avanti comunque, anche se non so se avrà successo, anche se dovessi fallire? La differenza tra chi realizza i suoi sogni e chi invece si tira continuamente indietro, sta tutta qui. Il risultato non ha importanza. Quello che conta, e di cui dobbiamo convincerci se vogliamo realizzarci pienamente, è che valiamo, al di là dei risultati che verranno (o non verranno). La domanda da farsi quindi è: che cosa ami fare a tal punto che le parole “fallimento” e “succeso” diventano essenzialmente irrilevanti. La motivazione che ci può spingere a raggiungere i nostri obiettivi la troviamo qui, nel perseguire solo quelli che ci interessano davvero, per cui vincere o perdere non ha alcun significato perché l’importante è intraprendere il viaggio.

Oltre a questo, c’è un modo “pratico” per allenarsi a superare la paura, quando stiamo facendo qualcosa che per noi conta davvero? Il modo più semplice e affornarla, e cioè imparare a scrivere, ogni volta che ci assale, quali sono i timori che ci bloccano. Metterli nero su bianco li rende reali, e ci aiuta a eliminare quelli che sono solo frutto della nostra fantasia. Con quelli che rimangono dobbiamo chiederci che cosa possiamo fare: ci servono maggiori informazioni per poter affrontare una situazione potenzialmente “pericolosa”? Raccogliamole! Ci serve l’aiuto di qualcuno? Chiediamolo! Si tratta qualcosa che non vogliamo fare? Deleghiamo! Questo è un modo estremamente pratico per entrare in azione e “smontare” uno a uno tutti i nostri timori. Perché è facendo qualcosa che possiamo vincere la paura, non certo stando fermi.

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Cinque mete estive che ti faranno tornare migliorato

Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone». Viaggiare, muoversi, entrare in contatto con nuove culture, nuovi luoghi e nuovi modi di vivere, preparare i...
Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi,...

29 Luglio 2020 | Crescita

Le canzoni della radio sono la colonna sonora della nostra vita

È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari: innanzitutto ce ne possono essere diverse, perché diverse sono i momenti della vita e quasi sempre questi momenti si legano indissolubilmente a una...
È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari:...

27 Luglio 2020 | Arte e Cultura