Perché il magnetismo è la dote indispensabile di ogni leader

Perché il magnetismo è la dote indispensabile di ogni leader

Gian Luca Bianco

Ho scelto di me una fotografia non posata, perché considero l’imprevedibilità della vita la sua anima fondamentale. Mi preparo molto, amo studiare, mi piace approfondire qualunque argomento che riguarda l’essere...

“Un bravo leader attira bravi collaboratori – o, in alcuni casi,
infonde semplicemente del suo magnetismo, così da farli diventare bravi”

Swami Kryananda

Ci sono persone che entrano in un luogo, parlano e sono in grado di affascinare e tenere in mano platee mentre ci sono altre persone che non sono in grado di suscitare alcun genere di interesse nonostante la qualità dei contenuti che esprimono. Quale è il segreto di questo potere? Il magnetismo.

È abbastanza certo che ognuno di noi sia dotato di magnetismo però non è altrettanto chiaro perché in alcune persone si manifesti chiaramente e in altre sia invece offuscato. I talenti che la natura ci dona sono potenziali, necessitano di essere scoperti e poi allenati per poterli manifestare nella quotidianità, il magnetismo è certamente uno di quelli di fondamentale importanza specialmente per tutti coloro che sono impegnati quotidianamente nelle relazioni che siano personali o professionali, ma se questo magnetismo non è associato alla qualità del contenuto tutto rimane fine a se stesso.

Quando pensiamo allo sviluppo del nostro corpo, non intendiamo certamente uno sviluppo di un braccio o di una gamba a discapito del resto, al contrario ricerchiamo un allenamento armonioso che equilibri ogni parte senza trascurarne alcuna. E’ esattamente lo stesso se ci limitassimo a sviluppare alcuni nostri talenti, virtù, facoltà mentali trascurandone altre, avremmo uno sviluppo del tutto parziale, disequilibrato.

Dunque che cosa è il magnetismo? 

Diceva Erickson associandolo all’ipnosi “è il mezzo per poter accedere all’inconscio che ci protegge e si prende cura di noi, nell’inconscio sono contenute le risorse per la risoluzione dei nostri problemi.” Il magnetismo perciò ha a che fare con una capacità di introspezione e di risoluzione dei problemi che ci assillano e che possiamo affrontare in modo semplice, chiudendo innanzitutto gli occhi concedendoci un momento di pace e silenzio e concentrandoci profondamente su un obiettivo. Quante volte ci è capitato di pensare intensamente a qualche cosa, a qualcuno, a desiderare di raggiungere un obiettivo che poi si è materializzato?

La capacità di concentrazione, di focalizzazione di prefigurazione di un desiderio/obiettivo magnetizza le nostre energie in una direzione precisa facendoci raggiungere da ciò che stiamo cercando. Il magnetismo è quindi un sorta di flusso energetico che noi stessi siamo in grado di generare una volta messo a punto e chiarito le nostre vere e profonde istanze, una sorta di appunto di autoipnosi che possiamo innescare dentro di noi.

Molteplici sono i fattori che influiscono sullo sviluppo del magnetismo, vediamone alcuni che possiamo allenare:

Le abitudini alimentari

Un’alimentazione eccessiva e sbagliata nuoce allo sviluppo del magnetismo, ha un effetto negativo sulle energie vitali del nostro corpo. Appesantire l’organismo indebolisce ed inibisce il nostro magnetismo, e la stessa cosa può dirsi per altri alimenti non adatti al corpo umano. Dobbiamo sempre dominare il corpo e i nostri istinti e non permettere mai che sia il corpo a dominarci.

Siamo simili ad antenne

Quando entriamo in contatto con qualcuno stringendo la mano per esempio si innesca uno scambio di magnetismo, il più forte, il più positivo dei due trasmette le proprie vibrazioni all’altro che le riceve e ne viene influenzato. Così ogni azione positiva o negativa genera delle vibrazioni. Il nostro corpo attraverso i sensi dunque le riceve, ne viene attraversato, ce ne possiamo accorgere vivendo a contatto con persone che si comportano male, ne sentiremo le vibrazioni qualsiasi cosa proviamo a fare per evitarle. Fondamentale pertanto è evitare il più possibile di frequentare persone che quando se ne vanno ci lasciano stanchi e con una sensazione negativa addosso.

Trovare la calma

È dimostrato che quando siamo nervosi manifestiamo maggiore ricettività alle vibrazioni negative e fastidiose che turbano ulteriormente il nostro stato. Quando invece riusciamo a essere calmi, le vibrazioni irritanti non hanno alcuna presa su di noi anzi riusciamo a proteggerci e a rimanerne fuori sentendoci mentalmente forti da non essere influenzati. Siamo rilassati prima di tutto sul piano fisico, non abbiamo tensioni e il respiro è profondo e controllato. In caso contrario possiamo fare un piccolo esercizio mentale affermando: “Sono sereno e calmo”, questo permette di sviluppare una forza magnetica di pace e serenità. Fondamentale per riuscire a generare uno stato vantaggioso è, se riteniamo di vivere in un ambiente non adatto, spostarci in un luogo che ci potenzia supporta nel miglioramento.

Cercare dei modelli

Impariamo a frequentare le persone che incarnano ciò che desideriamo diventare. Se desideriamo migliorare negli affari dobbiamo frequentare uomini d’affari che rappresentano il vostro modello. Proviamo ad agire nella consapevolezza di essere i padroni di noi stessi e la magia ci permetterà di divenire ciò che desideriamo, per esempio vogliamo diventare scrittori, frequentiamo coloro che hanno una vibrazione letteraria. Vogliamo diventare santi, frequentiamo persone sante.

Gestione del tempo

Molto spesso ci ritroviamo a compiere attività inutili durante la nostra giornata, ognuno di noi sa di cosa sto parlando. Quel che conta è di diminuire al minimo la dispersione e aggiungere ogni giorno un tempo per fare delle azioni che ci facciano sentire meritevoli di aver contribuito e dato significato alla nostra vita. Se riusciamo a compiere qualche cosa che non pensavamo di riuscire a fare questo svilupperà magnetismo. Tutto ciò che facciamo e tutto ciò che pensiamo contribuisce al nostro stato magnetico, ci eleva o ci degrada. Possiamo diventare padroni del nostro tempo impegnandoci a fare ciò che ci permette di crescere, meditando, passeggiando in un parco, facendo dell’esercizio fisico, azioni fondamentali che generano magnetismo.

Ascoltare il doppio e parlare la metà

Se desideriamo davvero sviluppare il nostro magnetismo non dobbiamo parlare troppo. I discorsi inutili disperdono il nostro magnetismo. Parlando molto rischiamo di dire cose inutili o fuori posto, le parole sono come proiettili, una volta “sparate” possono far male e distruggere in un istante relazioni e stima. Dobbiamo invece diventare saggi e parlare solo quando siamo in grado di portare un messaggio di pace e crescita. Quando si parla poco si viene ascoltati molto, se non abbiamo nulla da dire il silenzio è la cosa migliore.

Coltivare l’amore

L’amore è certamente il miglior modo per generare magnetismo. Per farlo dobbiamo essere altruisti ed esprimere un amore pulito, libero, disinteressato. L’amore non può essere egoista, non può avere un interesse, scopriremo così il magnetismo dell’amore e lo svilupperemo quando saremo pronti ad aiutare gli altri con l’unico desiderio di essere loro amici e per farlo possiamo imparare ad amare il nostro pianeta, tutte le creature e le persone che ci circondano.

Accrescere la propria cultura

Leggere, studiare, ricercare, essere curiosi di ciò che accade dentro e fuori di noi ci permetterà di accrescere la nostra cultura e di essere in grado di qualificare i nostri contenuti e generare migliori pensieri che nutrono una visione più ampia ed inclusiva. La conoscenza e alla base dello sviluppo umano e se vogliamo diventare magnetici dobbiamo essere capaci di pensare, con la nostra testa!

In definitiva alla base del magnetismo c’e’ la volontà che è un vero e proprio muscolo e così allenandoci impareremo a cadere e a rialzarci e mentre ci risolleveremo staremo già dicendo a noi stessi: “Ho successo, posso essere me stesso e realizzare i miei desideri”.