Prima il dovere e poi il piacere? C’è chi dice il contrario - Centodieci

Prima il dovere e poi il piacere? C’è chi dice il contrario

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

 

C’è una frase che perseguita ogni bambino fin dall’infanzia, un insegnamento che ogni genitore impartisce alla sua progenie per iniziarla a piccoli passi al mondo dei grandi:

Prima il dovere e poi il piacere

È così infatti che gli adulti gestiscono la loro vita, alternando sessioni prolungate di dovere con piccole dosi di raro piacere. Si cresce con la convinzione che solo dopo i compiti si possa giocare, che solo dopo una settimana di dieta si possa mangiare la pizza, solo dopo aver finito una giornata di duro lavoro si possa bere una birra e che solo dopo aver finito la cena potremo concederci un dolce. Questo non è sempre vero. Pensare che il piacere che arriva dopo il dovere sia ancora più gradito, è solo un effetto illusorio: il piacere è sempre lo stesso. Un paio d’anni fa è uscito un articolo sul New York Magazine che spiegava i risultati di uno studio condotto da Ed O’Brien, professore alla Chicago Booth School of Business, pubblicato dalla rivista Psychological Science, che analizza le reazioni di giovani studenti a cui viene data la possibilità di fare un massaggio prima o dopo un esame. Il benessere post relax degli studenti è stato uguale sia per quelli che avrebbero ancora dovuto sostenere l’esame sia per quelli che lo avevano già fatto. C’è una verità incontrovertibile, però, sebbene il piacere possa risultare lo stesso, perché un massaggio è effettivamente sempre rilassante, c’è una grande differenza tra il sentimento di gratificazione che si prova dopo aver adempiuto ai propri compiti e il senso del dovere che incombe quando si ha la preoccupazione di doverli ancora fare.

3 requisiti fondamentali per essere un buon team leader

All’interno delle professioni culturali, negli ultimi anni, il valore del “co” è divenuto sempre più centrale. Progetti, politiche culturali e persino piani di sviluppo industriale da parte di imprese culturali e creative si fondano su una politica...
All’interno delle professioni culturali, negli ultimi anni, il valore del “co” è divenuto sempre...

18 Luglio 2019 | Innovability

Perché andare dallo psicologo serve in questi 7 casi

Non solo ognuno di noi ha dei canoni ben precisi che definiscono il suo personale benessere, ma questi variano a seconda dell’età, delle circostanze, della situazione che sta vivendo. Se prendiamo in senso ampio quello che Freud a suo tempo disse,...
Non solo ognuno di noi ha dei canoni ben precisi che definiscono il suo personale benessere, ma questi...

17 Luglio 2019 | Crescita

Ferie non godute: ne vale la pena?

È arrivata l’estate e molti di noi si preparano ad andare in ferie. Secondo uno studio dell’americana Get Voip (su dati dell'Ocse e dell'International labour organization), l’Italia è al 20esimo posto al mondo per quantità di ferie retribuite...
È arrivata l’estate e molti di noi si preparano ad andare in ferie. Secondo uno studio dell’americana...

16 Luglio 2019 | Centodieci

Come tutelare l'ambiente davvero

Immaginate di essere su un aereo, pieno di persone, vi aspetta un lungo viaggio. Il pilota vi comunica che sul vostro aereo vi garantiscono emissioni di CO2 ridotte grazie a nuovo motore all’avanguardia, che però non hanno avuto tempo di controllare...
Immaginate di essere su un aereo, pieno di persone, vi aspetta un lungo viaggio. Il pilota vi comunica...

15 Luglio 2019 | Innovability

Cos'è la finanza sostenibile (e perché è importante)

Di solito siamo portati a pensare che fare il bene del Pianeta e degli altri sia un gesto disinteressato, che nasce da uno spontaneo moto di generosità. Questa è una (bellissima) parte della storia, ma il quadro è molto più vasto. La felice intuizione...
Di solito siamo portati a pensare che fare il bene del Pianeta e degli altri sia un gesto disinteressato,...

12 Luglio 2019 | Innovability

Questo senso di colpa – che forse non è per tutti, ma di sicuro per la maggior parte – ci fa pensare alla vita come a una lista di cose da fare, ma porta a domandarsi: se esiste un prima e un dopo il dovere, e quest’ultimo si contrappone al piacere, può esistere allora il dovere fatto con piacere?

È in questa ipotesi che si intercetta l’unica possibilità di vivere serenamente e con maturità la nostra vita: se si smettesse di considerare come opposti il dovere e il piacere, allora forse il dovere svelerebbe un suo lato più piacevole.

Non c’è la pretesa, in questo tentativo di arrivare a un compromesso tra i due, di eliminare ogni differenza tra piacere e dovere, ma piuttosto di far riflettere che dovere e piacere potrebbero coesistere e che potrebbero fare entrambi parte della vita di una persona. Nell’ipotesi remota e irreale che arrivi un giorno in cui l’umanità si risvegli completamente libera dagli obblighi morali, sociali, culturali e lavorativi e che possa dedicarsi all’improvviso solamente alle cose piacevoli, al divertimento e a tutto ciò che può essere scelto e desiderato, ci sarebbe un limite a questo piacere? Esisterebbe ancora senza il suo contrario che lo definisce? Dunque ci si domanda se si possa dedicarsi al piacere prima che al dovere, la risposta è sì, per ogni cosa c’è il suo tempo, basta trovare il giusto ritmo.