Perché ai colloqui vi domandano «Dove ti vedi fra dieci anni?» - Centodieci

Perché ai colloqui vi domandano «Dove ti vedi fra dieci anni?»

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Durante i colloqui di lavoro ci sono quelle tre-quattro domande che, nonostante si ripetano ogni volta, mettono sempre in difficoltà. Perché pensi di essere la persona giusta per questa posizione? Quali sono i tuoi pregi? Dove ti vedi fra cinque o fra dieci anni?

Soprattutto quest’ultimo è un interrogativo delicato, nella cui risposta bisogna trovare il giusto bilanciamento tra remissività ed eccessiva ambizione. Ma perché ai colloqui fanno questa domanda? Ci sono vari motivi. Innanzitutto, vogliono vedere se siete persone con obiettivi precisi, con voglia di crescere e passione per il lavoro per cui vi state candidando. Esitare troppo nella risposta, o essere troppo vaghi, non è un buon segnale.

Inoltre, come scritto nel blog dell’autorevole compagnia di consulenza sulle risorse umane Robert Half, l’interrogativo è un sondaggio indiretto su una vostra eventuale fedeltà aziendale: se fate capire di voler cambiare dieci lavori nei successivi dieci anni e che vedete questa posizione come solo temporanea, difficilmente investiranno su di voi. Meglio quindi rispondere che nel vostro futuro vedete una carriera luminosa in quell’azienda. Se per esempio, si legge su Roberthalf.ae, siete candidati per la posizione di junior accountant, potreste rispondere che, grazie alle opportunità di crescita che ci sono nella compagnia, tra dieci anni vi piacerebbe essere accounting manager. Ovviamente, senza esagerare e cadere nella sfrontatezza con risposte come: «Tra dieci anni sarò il Ceo della compagnia» (soprattutto qualora al colloquio ci fosse il Ceo stesso!).

Come imparare a dire no agli altri per poter dire sì a te stesso

Nel film Yes man, del 2008, Jim Carrey si iscrive a un programma in cui deve sempre dire di sì. Oggi molti di noi siamo diventati tutti come lui: non riusciamo a dire di no. Questo però rischia di avere effetti molto negativi sulla nostra vita. Come...
Nel film Yes man, del 2008, Jim Carrey si iscrive a un programma in cui deve sempre dire di sì. Oggi...

20 Agosto 2019 | Crescita

Se vuoi smettere di procrastinare la psicologia è la tua alleata

Rimandare a domani è tipico dei sognatori più incalliti. Ma più restiamo fermi a pensare, più il lavoro, la relazione e la vita che sogniamo diventano grandi e irraggiungibili. Con il rischio, una volta raggiunta la meta, di ritrovarsi delusi da quello...
Rimandare a domani è tipico dei sognatori più incalliti. Ma più restiamo fermi a pensare, più il...

23 Luglio 2019 | Crescita

Perché andare dallo psicologo serve in questi 7 casi

Non solo ognuno di noi ha dei canoni ben precisi che definiscono il suo personale benessere, ma questi variano a seconda dell’età, delle circostanze, della situazione che sta vivendo. Se prendiamo in senso ampio quello che Freud a suo tempo disse,...
Non solo ognuno di noi ha dei canoni ben precisi che definiscono il suo personale benessere, ma questi...

17 Luglio 2019 | Crescita

Shirley Jackson ci insegna a trasformare le nostre paranoie in creatività

Shirley Jackson ha scritto ogni giorno della sua vita. Lo ha raccontato il figlio Laurence Jackson Hyman e lo testimonia l’enorme quantità di lavori pubblicati: racconti (molti sul New Yorker), romanzi e saggi. Shirley, però, ha cominciato ad essere...
Shirley Jackson ha scritto ogni giorno della sua vita. Lo ha raccontato il figlio Laurence Jackson Hyman...

04 Luglio 2019 | Crescita

Gestire il proprio tempo è un'arte. Ecco i segreti per impararla

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, ha esclamato – vorrei che le mie giornate fossero di 48 ore. La sensazione di non avere abbastanza tempo a disposizione ci conforta quando non riusciamo a dedicarci a un particolare progetto, lavorativo...
Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, ha esclamato – vorrei che le mie giornate fossero di...

03 Luglio 2019 | Crescita

Altra questione nascosta dietro la domanda Dove ti vedi tra dieci anni? è allo stesso tempo quella della flessibilità. Gli esaminatori potrebbero voler verificare la vostra attitudine verso i cambiamenti, se per la compagnia dovrete viaggiare molto e variare spesso ambito di competenza. In tal caso, non è una buona idea dire che in futuro vorreste rimanere sempre allo stesso posto e che nella vita e professionalmente siete persone restie ai cambiamenti.

In ogni caso, oltre a verificare il vostro grado di ambizione e motivazione, due caratteristiche fondamentali per ottenere un lavoro, questa domanda sul futuro serve al vostro potenziale datore di lavoro per capire se siete davvero la persona giusta per quella posizione. Come suggerisce Alison Doyle, Ceo di CarrerToolBelt.com, nel suo libro The Balance: quando non c’è un chiaro percorso professionale, nella risposta bisogna concentrarsi sui miglioramenti che potete sviluppare in ambito lavorativo, mostrando interesse nell’inserimento in quell’azienda e voglia di crescervi all’interno.