Perchè è importante per le imprese tutelare l'ambiente - Centodieci

Come tutelare l’ambiente davvero

Lisa Casali

Lisa Casali è una scienziata ambientale, scrittrice e influencer sui temi della sostenibilità. Come Responsabile del Pool Ambiente si occupa quotidianamente, da più di dieci anni, di supportare le aziende nella...

Immaginate di essere su un aereo, pieno di persone, vi aspetta un lungo viaggio. Il pilota vi comunica che sul vostro aereo vi garantiscono emissioni di CO2 ridotte grazie a nuovo motore all’avanguardia, che però non hanno avuto tempo di controllare e c’è il rischio che in volo smetta di funzionare. La sola rassicurazione circa le emissioni di CO2 è sufficiente a farvi stare tranquilli?

Tutelare l’ambiente, il ruolo delle imprese

Quando scegliamo un’azienda da cui acquistare, rifornirci, su cui investire, e la scelta è guidata dal suo impegno alla Sostenibilità, Economica Circolare, Lotta ai Cambiamenti Climatici, spesso sottovalutiamo un aspetto che dovrebbe essere alla base di tutto: quanto investe per la protezione dell’ambiente e della salute dei cittadini.

Rispetto a quei temi su cui le imprese italiane si misurano, fanno ricerca, definiscono politiche di impegno, azioni concrete e in alcuni casi vere e proprie campagne di sensibilizzazione, ce n’è infatti uno prioritario di cui non si parla mai: la prevenzione dei danni all’ambiente.

Eppure ogni giorno in ogni angolo d’Italia si verificano casi di incendio, rotture di serbatoi, sversamenti, percolamenti, malfunzionamenti dei depuratori aziendali o dei filtri dei camini. Per quanto l’azienda sia attenta e abbia attivato adeguate misure di mitigazione il rischio che si verifichino eventi di danno all’ambiente non è mai zero.

Le conseguenze per la nostra salute

Le conseguenze possono essere molto gravi e solitamente comportano contaminazione del terreno, dell’aria, delle acque sotterranee (che spesso alimentano l’acquedotto), di fiumi, laghi, torrenti, delle acque marine, di specie e habitat naturali protetti. A pagarne le conseguenze non solo l’ambiente ma anche noi e la nostra salute visto che l’esposizione a terreno o acque contaminate può portare allo sviluppo di gravi patologie oltre a peggiorare la qualità della vita. Perché quindi di questo tema si parla così poco?

Parlare di efficace prevenzione dei danni all’ambiente porta a dover affrontare temi tecnici relativi a manutenzione, specifiche impiantistiche che sono complesse da comunicare e che non hanno molta presa né sui media né sui consumatori, ma probabilmente solo per mancanza di cultura.

 

Il pregiudizio che questo tipo di problematiche sia prerogativa solo di grandi “inquinatori” contribuisce all’aggravamento della falsa illusione, nella maggior parte degli imprenditori, di essere immuni o comunque poco esposti, a questo tipo di rischi.

A peggiorare la situazione il fatto che nel nostro Paese non esistono obblighi a livello nazionale per la manutenzione degli impianti e in questo siamo tra i peggiori in Europa. Se ad esempio in uno stabilimento è presente un vecchio serbatoio di più di 20 anni contenente combustibile non vi è alcun obbligo su prove di tenuta, controlli strutturali o altro, allo stesso modo il rischio che si corroda e cominci a perdere è altissimo così come sono gravissime e particolarmente onerose le possibili conseguenze. Il parco serbatoi del nostro Paese è ogni anno più vetusto, la situazione in cui ci troviamo ora, non ha precedenti ed esistono migliaia di vecchi serbatoi privi di alcun sistema di mitigazione, il cui rischio di perdite è elevatissimo.

Come fare innovazione aziendale e restare al passo coi tempi

“La vita è adesso” cantava Claudio Baglioni nel bel mezzo degli anni ‘80, mentre il mondo prendeva la rincorsa verso il terzo millennio e quella sorta di profezia pop iniziava ad avverarsi al punto di far impallidire il “carpe diem” di Orazio,...
“La vita è adesso” cantava Claudio Baglioni nel bel mezzo degli anni ‘80, mentre il mondo prendeva...

01 Agosto 2019 | Innovability

L'innovazione tecnologica in Italia e il futuro delle imprese

“Chi non applica nuovi rimedi dev'essere pronto a nuovi mali; perché il tempo è il più grande degli innovatori” diceva Sir Francis Bacon, il filosofo, politico, giurista, saggista inglese nonché strenuo sostenitore della Rivoluzione scientifica...
“Chi non applica nuovi rimedi dev'essere pronto a nuovi mali; perché il tempo è il più grande degli...

29 Luglio 2019 | Innovability

Come fare innovazione secondo la biografia di Lee Iacocca

A chi ha meno di trent’anni il suo nome dice poco o nulla. Eppure, a chi ha meno di trent’anni e lavora in azienda leggere la biografia di Lee Iacocca risulterebbe assai utile. La sua è la storia di un innovatore che nonostante i profitti, una montagna,...
A chi ha meno di trent’anni il suo nome dice poco o nulla. Eppure, a chi ha meno di trent’anni e...

25 Luglio 2019 | Innovability

5 insegnamenti di vita dal discorso sul clima di Greta Thunberg

Dallo scorso settembre, a Stoccolma, ogni venerdì la quindicenne Greta Thunberg siede davanti al Parlamento svedese con il cartello Skolstrejk för klimatet (sciopero scolastico per il clima). Il suo attivismo per l’ambiente ha coinvolto migliaia di...
Dallo scorso settembre, a Stoccolma, ogni venerdì la quindicenne Greta Thunberg siede davanti al Parlamento...

24 Luglio 2019 | Innovability

3 requisiti fondamentali per essere un buon team leader

All’interno delle professioni culturali, negli ultimi anni, il valore del “co” è divenuto sempre più centrale. Progetti, politiche culturali e persino piani di sviluppo industriale da parte di imprese culturali e creative si fondano su una politica...
All’interno delle professioni culturali, negli ultimi anni, il valore del “co” è divenuto sempre...

18 Luglio 2019 | Innovability

Cosa accade alle imprese che si rendono responsabili di un danno all’ambiente? Le conseguenze economiche degli obblighi di bonifica e ripristino cui l’impresa deve far fronte spesso bastano da sole a metterne a repentaglio la solidità.

Saper gestire il rischio è una questione culturale

Le conseguenze di un’inadeguata gestione dei rischi ambientali e una prevenzione non efficace vanno sfortunatamente oltre al danno economico subito dall’azienda, riguardano il territorio e le sue risorse naturali, la salute delle persone, e possono avere impatti anche sull’economia locale e sul turismo. Per tutte queste ragioni è importante sensibilizzare le aziende a una migliore gestione dei propri rischi ambientali e partire dalla formazione. È altrettanto importante valorizzare le imprese maggiormente impegnate su questo fronte per un riconoscimento da parte delle istituzioni e dei consumatori.

Le imprese più impegnate nella prevenzione e gestione dei rischi ambientali difficilmente riescono ad averne un ritorno in comunicazione e come vantaggio competitivo. Semplicemente non si comunica e magari ci si gioca l’impegno green su aspetti meno rilevanti per la protezione dell’ambiente.

È il momento di chiedere alle aziende un impegno reale per la protezione dell’ambiente a partire proprio dalla prevenzione dei danni all’ambiente e da un’efficace gestione dei rischi ambientali. È il momento anche per i media di allargare i temi di discussione relativamente alla tutela delle risorse naturali.

È giunto il momento di tutelare l’ambiente davvero.