5 canzoni da ascoltare nel 2019 prima di andare in ufficio - Centodieci

5 canzoni da ascoltare prima di iniziare la giornata in ufficio

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Uno dei metodi migliori per influenzare il proprio stato d’animo è certamente la musica. A tutti sarà capitato di cambiare umore dopo una canzone incontrata per caso alla radio, quella che era tantissimo tempo che non si ascoltava o che magari non si conosceva per nulla, ma che con le sue parole e con il suo ritmo riesce a dare la giusta carica per affrontare una situazione complessa.

Le canzoni da ascoltare per trovare la carica

In un film degli anni Novanta, tratto da uno dei libri più famosi di Nick Hornby Alta Fedeltà, il protagonista (John Cusack) si chiedeva: «Ascoltavo la pop music perché ero un infelice. O ero infelice perché ascoltavo la pop music?». Certo la musica pop è una galassia grandissima e in continua espansione, e al suo interno ci sono pezzi tanto diversi che hanno la forza di poter essere tristissimi ma anche tanti altri che invece possono infondere una sensazione di positività e carica fondamentali per riuscire a trovare la giusta motivazione per completare un lavoro o per svegliarsi con il piede giusto.

Le canzoni e gli artisti che si possono ascoltare in questi momenti sono ovviamente influenzati dai propri gusti musicali, e non è detto che una canzone abbia lo stesso effetto su tutti, però abbiamo provato a raccogliere cinque differenti canzoni di altrettanti differenti generi che possono senza dubbio veicolare l’energia necessaria (ma anche il giusto approccio) per affrontare un nuovo giorno e le sue sfide.

1 The Beatles – Blackbird 

È difficile scegliere una canzone sola del gruppo che ha fatto la storia (e la rivoluzione) della storia della musica mondiale. Questa però riesce a mettere di buon umore senza esagerare con le tipiche chitarre dei Fab4, entra con calma nella nostra quotidianità e la accompagna nelle sue abitudinarie operazioni. Contenuta nel famoso White Album uscito nel 1968, è perfetta anche come sveglia.

https://open.spotify.com/track/5jgFfDIR6FR0gvlA56Nakr?si=zJfkPiz4Qf-y3yJMf11q9Q

2 Beethoven – Sinfonia 9 

Il rullo di tamburi che apre questa opera non può che introdurre nel nuovo giorno con il piede giusto. L’andamento molto vivace, poi, sembra da fare colonna sonora alla preparazione della colazione o della scelta dei vestiti. L’ultima sinfonia scritta da Beethoven nel 1824, che contiene anche il celebre Inno alla gioia, è poco meno di un quarto d’ora di pura energia.

https://open.spotify.com/track/6lnttZF0hDaVyVZBEgpJ3I?si=KR1cqHrySem6wuN2gA0PFQ

Le fake news fanno parte di noi: impossibile sconfiggerle?

Siamo bombardati da ogni parte: radio, TV, giornali, social media, ma anche amici, parenti, colleghi e semplici conoscenti, ogni giorno ci sottopongono a massicce dosi di notizie “da prendere con le molle”. Inesatte, travisate, incomplete o addirittura...
Siamo bombardati da ogni parte: radio, TV, giornali, social media, ma anche amici, parenti, colleghi...

14 Novembre 2019 | Crescita

Perché essere gentili con i colleghi migliora il nostro stato d’animo

Quando deve essere incentivata la produttività in azienda, usualmente si ricorre a bonus di tipo economico. Un aspetto poco valorizzato ma altrettanto efficace, è la gentilezza. Una ricerca condotta presso l’Università di Warwick in UK, ha evidenziato...
Quando deve essere incentivata la produttività in azienda, usualmente si ricorre a bonus di tipo economico....

13 Novembre 2019 | Crescita

Le foreste non hanno bisogno dell’uomo ma noi abbiamo bisogno di loro

Fin dai suoi albori il destino della nostra specie è legato a doppio filo a quello delle foreste. Tra le fronde degli alberi i nostri progenitori hanno trovato riparo e sostentamento e, in seguito, dalle foreste hanno ricavato legname per realizzare...
Fin dai suoi albori il destino della nostra specie è legato a doppio filo a quello delle foreste. Tra...

12 Novembre 2019 | Crescita

Michelle Obama – First Lady d’America

Michelle Obama è ancora la first lady più amata della storia. E non solo. È anche la donna più ammirata al mondo.Lo ha rivelato il sito yougov.com, che come ogni anno ha condotto un’indagine in tutto il mondo, su un campione di persone di qualsiasi...
Michelle Obama è ancora la first lady più amata della storia. E non solo. È anche la donna più ammirata...

06 Novembre 2019 | Crescita

A lezione con Stephen King, il maestro del brivido

5 lezioni di vita che ci ha insegnato Stephen KingPuò uno degli scrittori più prolifici degli ultimi decenni insegnarci qualcosa di prezioso per la nostra vita lavorativa e, ancora meglio, per la nostra vita quotidiana? La risposta è sicuramente affermativa...
5 lezioni di vita che ci ha insegnato Stephen KingPuò uno degli scrittori più prolifici degli ultimi...

31 Ottobre 2019 | Crescita

3 LL Cool J – Phenomenon

L’hip-hop è il genere fatto per iniziare a muoversi anche se non si ha ancora bevuto un caffè. Questo pezzo rientra tranquillamente nella storia del rap e non è difficile comprenderne il motivo. Da una parte perché LL Cool J è un vero e proprio punto fermo dell’East Coast Hip Hop, dall’altra perché il suo groove è perfetto per infondere una sicurezza nelle proprie capacità che si dimostra già dal titolo. Nel 1997 esce l’album omonimo, Phenomenon, che diventa platino in pochissimo tempo. Chiudete la porta di casa alle spalle e premete play.

https://open.spotify.com/track/7Jc0l11j0Ehx6smWHqDXtX?si=P11Jq3vGS9m3Hm86GzbLVw

4 Antonello Venditti – Sara

Il disco è Sotto il segno dei pesci e si può considerare uno dei dischi più belli e completi del cosiddetto “cantautorato italiano”. Esce il giorno della Festa della donna del 1978 e raccoglie tante altre bellissime canzoni dell’artista romano, ma questa, sin dai primi versi, riesce a descrivere perfettamente quella velocità e quel correre giù dalle scale, quando si è un po’ in ritardo, per andare a scuola o in ufficio. Sara! Sono le sette e devi andare a scuola!

https://open.spotify.com/track/7yWrz5tbl9zaycoJESogO1?si=LHE1RC6mSoiOHIyJbvhaTg

5 Madonna – American Pie

Questo pezzo, una cover di un successo del 1971 di Don McLean che Madonna ha ricantato per inserirla nella colonna sonora del film Sai che c’è di nuovo?, ha quel tipico ritmo che assomiglia a quell’immagine che a seconda di come la si guarda può sembrare o una giovane ragazza o un’anziana signora. Se il mood è lievemente malinconico può in qualche modo cullarlo, mentre invece se si è gioiosi aiuta a canticchiare girando per la casa. In realtà, anche se il pretesto con cui è stata scritta è stato un incidente aereo del 1951 dove persero la vita Buddy Holly, Ritchie Valens e J.P. Richardson, il suo segreto è il suo ritmo che culla, a metà tra il folk e il rock, tra la luce e il buio, esattamente come può esserlo l’alba di un nuovo giorno.

https://open.spotify.com/track/3afv9TL8ixr4T9VbiKnrwe?si=baFieiUESjWP50olQPsybA