A lezione di creatività con la Milano fashion week 2019 - Centodieci

A lezione di creatività con la Milano fashion week 2019

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

«Creatività e marketing, è questo che dovrebbe essere la moda. Un binomio perfetto in grado di dare vita a personalità uniche attraverso scelte estetiche. Di raccontare dove andiamo e dove potremmo arrivare». Ciò di cui parla Mauro Ferraresi, direttore del Master di Fashion, Wellness and Beauty Management dell’Università IULM di Milano, è un equilibrio di idee, necessario per intendere la moda come rappresentazione dei tempi odierni. Mentre Milano sta ospitando gli eventi e sfilate per la fashion week 2019 (dal 17 al 23 settembre), alcune novità in programma hanno catturato l’attenzione degli addetti ai lavori, promuovendo una riflessione profonda su quanto il mondo del fashion abbia ancora da dire. E se al calendario sono state apportate modifiche sostanziali svelando così la preoccupazione di mantenere i buyer in città il più a lungo possibile, ogni orlo, piega e cucitura racconta più di quanto appaia dall’esterno.

I brand si raccontano alla Milano fashion week 2019

Certo, l’idea di spostare alcuni appuntamenti da tempo fissati con rigore sacrale (come la sfilata di Giorgio Armani, che cede al grande assente dello scorso anno, Gucci, la sua tradizionale posizione nella domenica di chiusura) ha a che fare con la sfera più commerciale del settore: «ma c’è dell’altro», dice Ferraresi. «I grandi brand riescono a raccontare e a raccontarsi attraverso la qualità dei propri prodotti e le loro scelte stilistiche. Parlano di fatica, del talento dei sarti e dei designer, di cosa funziona nel mondo e cosa no. Il problema nasce quando la moda diventa autoreferenziale, disinteressandosi alla percezione dei consumatori. Il suo essere criptica è il segno che il binomio tra creatività e marketing si è fortemente sbilanciato», continua.

Quel giusto mix di creatività e marketing

Nel 2017, un articolo apparso sul New York Times sembrava segnare la fine di un’epoca. Quella golden age perenne che ha identificato il capoluogo lombardo nel mondo come “città della moda”. La moda milanese era “uncool”, scrivevano, troppo focalizzata sul tentativo di sorprendere; così incapace di tenere il passo con Parigi, in cui è ancora intesa come atto d’amore. «Sono ragioni che non so per quanto ancora dureranno. Parigi detta legge, ma sarebbe giusto spiegarne la vera motivazione»: l’equilibrio. «New York è inferiore rispetto a Milano sul versante della creatività, perché è molto forte dal punto di vista commerciale. Cosa di cui la nostra moda è più carente». Ma come si crea allora il binomio perfetto? «Ci deve essere un pensiero», afferma Ferraresi. «Il marketing può correre il rischio di trovare pensieri che siano solo commerciali, niente di più. In questo modo un progetto non riuscirà mai a soddisfarci davvero. Occorre sempre cercare una storia, crederci e saperla raccontare». Perché la moda è essa stessa una narrazione. Fatta di stasi e rivolgimenti, sintomo di una sensibilità culturale, di un’evoluzione dei costumi e di una visione precisa del mondo. Che racconta «il cielo, la strada», come affermava Chanel, «il nostro modo di vivere e che cosa sta accadendo». Ma il suo processo creativo è un gioco, che si sviluppa intrecciando arte, intuizione e una piccola dose di follia. E se tutte le aziende in campo scommettono sulla nebulosa di significati che la parola “creatività” porta con sé, «è necessario maneggiarla con cura», evitando di derubricarla ad accessorio. «Privo di creatività, il marketing è come la ruota di una bicicletta a cui manca il mozzo. Senza ciò che gli permette di muoversi, tutto crolla», conclude il docente. Ogni ingranaggio deve cooperare per lo stesso scopo, «muovere la macchina, permettendoci di arrivare ovunque vogliamo».

Di Corinne Corci

Le aziende non devono solo emozionarci, il vero purpose è ripensare i propri valori

Uno degli aneddoti sul marketing più conosciuti, attribuito al noto pubblicitario francese Jacques Séguéla, racconta appunto di un pubblicitario che ogni giorno, sulla sua strada, incrociava un cieco con una latta per le elemosine mezza vuota e il...
Uno degli aneddoti sul marketing più conosciuti, attribuito al noto pubblicitario francese Jacques Séguéla,...

05 Novembre 2019 | Centodieci

A lezione di creatività con la Milano fashion week 2019

«Creatività e marketing, è questo che dovrebbe essere la moda. Un binomio perfetto in grado di dare vita a personalità uniche attraverso scelte estetiche. Di raccontare dove andiamo e dove potremmo arrivare». Ciò di cui parla Mauro Ferraresi, direttore...
«Creatività e marketing, è questo che dovrebbe essere la moda. Un binomio perfetto in grado di dare...

18 Settembre 2019 | Centodieci

4 consigli per affrontare al meglio il rientro dalle vacanze

L'arrivo di settembre, a parte per i fortunati che riescono a partire in questo periodo, significa quasi sempre fine delle ferie. Rientrare dalle vacanze e riabituarsi in fretta alla routine può essere traumatico per molti, ma con alcuni accorgimenti...
L'arrivo di settembre, a parte per i fortunati che riescono a partire in questo periodo, significa quasi...

16 Settembre 2019 | Centodieci

Perché la nuova passione per i podcast ha un significato profondo

La nostra dieta mediatica, ovvero quel mix di fonti di informazione, mezzi di comunicazione e strumenti di intrattenimento che riempiono in modo prioritario il nostro tempo libero, funziona nella maggior parte dei casi secondo mode e trend ben precisi....
La nostra dieta mediatica, ovvero quel mix di fonti di informazione, mezzi di comunicazione e strumenti...

23 Agosto 2019 | Centodieci

I tre allenatori di Serie A che hanno allenato le loro competenze

L’ultima volta in cui Juventus, Inter e Milan hanno iniziato una stagione tutte con un nuovo allenatore risale al 2010. Nove anni dopo, le tre squadre più riconoscibili e vincenti nella storia della Serie A hanno deciso di cambiare, e di affidare la...
L’ultima volta in cui Juventus, Inter e Milan hanno iniziato una stagione tutte con un nuovo allenatore...

22 Agosto 2019 | Centodieci