A lezione di creatività con la Milano fashion week 2019 - Centodieci

A lezione di creatività con la Milano fashion week 2019

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

«Creatività e marketing, è questo che dovrebbe essere la moda. Un binomio perfetto in grado di dare vita a personalità uniche attraverso scelte estetiche. Di raccontare dove andiamo e dove potremmo arrivare». Ciò di cui parla Mauro Ferraresi, direttore del Master di Fashion, Wellness and Beauty Management dell’Università IULM di Milano, è un equilibrio di idee, necessario per intendere la moda come rappresentazione dei tempi odierni. Mentre Milano sta ospitando gli eventi e sfilate per la fashion week 2019 (dal 17 al 23 settembre), alcune novità in programma hanno catturato l’attenzione degli addetti ai lavori, promuovendo una riflessione profonda su quanto il mondo del fashion abbia ancora da dire. E se al calendario sono state apportate modifiche sostanziali svelando così la preoccupazione di mantenere i buyer in città il più a lungo possibile, ogni orlo, piega e cucitura racconta più di quanto appaia dall’esterno.

I brand si raccontano alla Milano fashion week 2019

Certo, l’idea di spostare alcuni appuntamenti da tempo fissati con rigore sacrale (come la sfilata di Giorgio Armani, che cede al grande assente dello scorso anno, Gucci, la sua tradizionale posizione nella domenica di chiusura) ha a che fare con la sfera più commerciale del settore: «ma c’è dell’altro», dice Ferraresi. «I grandi brand riescono a raccontare e a raccontarsi attraverso la qualità dei propri prodotti e le loro scelte stilistiche. Parlano di fatica, del talento dei sarti e dei designer, di cosa funziona nel mondo e cosa no. Il problema nasce quando la moda diventa autoreferenziale, disinteressandosi alla percezione dei consumatori. Il suo essere criptica è il segno che il binomio tra creatività e marketing si è fortemente sbilanciato», continua.

Quel giusto mix di creatività e marketing

Nel 2017, un articolo apparso sul New York Times sembrava segnare la fine di un’epoca. Quella golden age perenne che ha identificato il capoluogo lombardo nel mondo come “città della moda”. La moda milanese era “uncool”, scrivevano, troppo focalizzata sul tentativo di sorprendere; così incapace di tenere il passo con Parigi, in cui è ancora intesa come atto d’amore. «Sono ragioni che non so per quanto ancora dureranno. Parigi detta legge, ma sarebbe giusto spiegarne la vera motivazione»: l’equilibrio. «New York è inferiore rispetto a Milano sul versante della creatività, perché è molto forte dal punto di vista commerciale. Cosa di cui la nostra moda è più carente». Ma come si crea allora il binomio perfetto? «Ci deve essere un pensiero», afferma Ferraresi. «Il marketing può correre il rischio di trovare pensieri che siano solo commerciali, niente di più. In questo modo un progetto non riuscirà mai a soddisfarci davvero. Occorre sempre cercare una storia, crederci e saperla raccontare». Perché la moda è essa stessa una narrazione. Fatta di stasi e rivolgimenti, sintomo di una sensibilità culturale, di un’evoluzione dei costumi e di una visione precisa del mondo. Che racconta «il cielo, la strada», come affermava Chanel, «il nostro modo di vivere e che cosa sta accadendo». Ma il suo processo creativo è un gioco, che si sviluppa intrecciando arte, intuizione e una piccola dose di follia. E se tutte le aziende in campo scommettono sulla nebulosa di significati che la parola “creatività” porta con sé, «è necessario maneggiarla con cura», evitando di derubricarla ad accessorio. «Privo di creatività, il marketing è come la ruota di una bicicletta a cui manca il mozzo. Senza ciò che gli permette di muoversi, tutto crolla», conclude il docente. Ogni ingranaggio deve cooperare per lo stesso scopo, «muovere la macchina, permettendoci di arrivare ovunque vogliamo».

Di Corinne Corci

Impegno, relazione, libertà, innovazione: i 4 valori dell'arte di Christo

Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato nel 1935 in Bulgaria, è a Parigi che dà vita alla sua espressione artistica e sempre qui che incontra Jeanne-Claude, sua moglie e compagna di sodalizio...
Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato...

01 Giugno 2020 | Centodieci

Non è vero che Favole al telefono è un libro per bambini

Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori e designer internazionali, scritti da autori che hanno anche scritto romanzi e libri che hanno emozionato i genitori di quei libri che vengono definiti...
Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori...

29 Maggio 2020 | Centodieci

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

I software possono conoscerci meglio di noi stessi?

Il linguista è una figura professionale molto ricercata da colossi aziendali quali Google, Facebook o Amazon. La loro ricerca diventa fondamentale per sviluppare quello che è definito il “sentiment analysis”, ovvero lo studio delle reti sociali...
Il linguista è una figura professionale molto ricercata da colossi aziendali quali Google, Facebook...

11 Marzo 2020 | Centodieci

Un Paese terribile di Keith Gessen e l’importanza di perseverare

Andrej, per la Russia, non aveva fatto un granché. Certo, aveva letto tanti libri, insegnato letteratura russa in America per anni e nemmeno con troppe soddisfazioni, ma non era riuscito a modificare l’opinione di nessuno riguardo questo Paese. Perché...
Andrej, per la Russia, non aveva fatto un granché. Certo, aveva letto tanti libri, insegnato letteratura...

06 Marzo 2020 | Centodieci