Al Festival di Venezia Stupor mundi è un inno alla coesistenza - Centodieci

“Stupor mundi” non è solo un film, ma un inno alla coesistenza

Oscar Di Montigny

Chief Innovation, Sustainability and Value Strategy Officer di Banca Mediolanum; AD di Mediolanum Comunicazione; ideatore di MCU, Mediolanum Corporate University. È editorialista, blogger, divulgatore e speaker...

Nel docufilm Stupor Mundi che Centodieci di Banca Mediolanum ha realizzato, prodotto e sta presentando, in occasione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, all’interno del palinsesto della Fondazione Ente dello Spettacolo, c’è un passaggio in cui il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, racconta la Martorana. Quel passaggio mi ha molto colpito e, siccome non sono un esperto conoscitore della città e del suo patrimonio, per capirlo appieno ho voluto saperne di più di quella chiesa e della sua storia.

Storia della Martorana

La chiesa in realtà si chiama Santa Maria dell’Ammiraglio in quanto fu edificata, verso la metà del XII secolo, dall’Ammiraglio della flotta del re normanno Ruggero II d’Altavilla, Giorgio di Antiochia, che era un siriaco di culto bizantino. La volle dedicare alla Madonna in segno di gratitudine per la protezione ricevuta nella sua lunga vita militare per i mari e la fece costruire accanto al suo palazzo. Nelle vicinanze del monastero benedettino che la nobildonna Eloisa Martorana fondò nel 1194. Per questo diventò nota successivamente come chiesa della “Martorana”. Dal punto di vista architettonico, la pianta a croce greca, prolungata con il nartece e l’atrio, il portale assiale che affaccia sull’atrio e il nartece, la rendono simile alle prime chiese cristiane mentre gli archi a sesto acuto e i pennacchi della cupola sono di gusto islamico e le decorazioni sono quelle di una chiesa bizantina a 4 colonne: l’apparato dei mosaici, che rivestono interamente le volte e gli archi della croce greca dell’originaria chiesa bizantina, è uno dei più importanti del mondo.

Un inno alla coesistenza

La chiesa si trova dunque nel centro storico di Palermo, è adiacente alla chiesa di San Cataldo, si affaccia sulla piazza Bellini dove affianca l’omonimo Teatro, e fronteggia la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria e il prospetto posteriore del Palazzo Pretorio. In questo contesto già di per sé spettacolare, la Martorana si distingue per la molteplicità degli stili e dei gusti artistici, architettonici e culturali con i quali, secolo dopo secolo, fu arricchita e che oggi in essa si incontrano facendone un esemplare inno alla coesistenza, non a caso fa parte del patrimonio dell’umanità (Unesco) nell’ambito dell’Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale, in una città che a sua volta, sotto ogni punto di vista, nella storia come nell’attualità, è un inno alla coesistenza ancora più potente.

Come edificare un’azienda

Se ci pensiamo, nella sostanza, l’edificazione di una azienda non è poi così dissimile. È il frutto della visione di un individuo che poi si trasforma in volontà realizzativa. Man mano che cresce e si sviluppa, si arricchisce del contributo di tutti quegli individui che partecipano a questa impresa. Ciascuno con le proprie idee, con i propri valori, con le proprie caratteristiche, con i propri gusti, stili, espressioni, con le proprie tendenze. Un equilibrio di coesistenze che si regge sul riconoscimento delle differenze individuali e sulla valorizzazione del potenziale presente in ciascuno.

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura

Se vuoi smettere di procrastinare iscriviti al Club delle 5 del mattino

Dicono che il mondo si divida in due tipi di persone: le allodole e i gufi. I primi sono quelli che amano e riescono a svegliarsi presto la mattina, mentre i secondi - chiaramente - sono quelli che preferiscono dormire qualche ora di più mentre tutti...
Dicono che il mondo si divida in due tipi di persone: le allodole e i gufi. I primi sono quelli che amano...

07 Febbraio 2020 | Arte e Cultura

Giornata della memoria: ecco a cosa serve ricordare

La Giornata della Memoria si chiama così proprio perché è pensata per ricordare, per coltivare e facilitare il ricordo. Ma a cosa serve ricordare? La memoria non è una cosa scontata, va allenata e tenuta costantemente in considerazione nella nostra...
La Giornata della Memoria si chiama così proprio perché è pensata per ricordare, per coltivare e facilitare...

27 Gennaio 2020 | Arte e Cultura

Romantic Italia, istruzioni per innamorarsi della canzone d’amore italiana

Nel suo primo libro, Giulia Cavaliere, critica musicale, costruisce una playlist di carta (ma esiste anche la versione podcast, pubblicata da Storielibere.fm e disponibile su Spotify) con le più belle, significative e originali canzoni d’amore italiane....
Nel suo primo libro, Giulia Cavaliere, critica musicale, costruisce una playlist di carta (ma esiste...

24 Gennaio 2020 | Arte e Cultura

Imparare dalla natura per costruire il futuro. A Matera con Mario Cucinella

Per Mario Cucinella Matera è una straordinaria fonte di ispirazione. «In questa data un po’ mitica del 2020, uno degli obiettivi che ci eravamo posti era raggiungere goal importanti sul tema ecologico» esordisce. «Volevamo de-carbonizzare, vivere...
Per Mario Cucinella Matera è una straordinaria fonte di ispirazione. «In questa data un po’ mitica...

21 Gennaio 2020 | Arte e Cultura