Merito e successo sono correlati?

Merito e successo sono correlati?

Roberto Panzarani

Presidente dello Studio Panzarani & Associates, docente di Innovation Management marzo 2020 e  di Governo dell'innovazione tecnologia presso la facoltà di Economia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore...

Albert-László Barabási, fisico rumeno, o, più propriamente, studioso delle reti come meglio viene definita la sua professione, con il suo nuovo libro The Formula: The universal laws of success (Little Brown and Co. – in italiano per Einaudi La formula. Le leggi universali del successo) fa riflettere se ci sia o meno correlazione tra meritocrazia e successo personale. Barabasi è sicuro che il successo non dipende solo dalla perfomance, da quanto la persona sia meritevole, perché buona parte del successo è dovuta all’apprezzamento della comunità in cui si opera. “Se vogliamo misurare il nostro successo o capire come saremo ricompensati alla fine, non possiamo considerare solo le nostre prestazioni o conquiste. Dobbiamo invece studiare la nostra comunità ed esaminare la reazione ai contributi che offriamo.” È il giudizio collettivo che dà luogo al prestigio determinando quindi il successo di una abilità artistica o professionale che sia: la perfomance è quello che facciamo, ma il successo è quanto la comunità apprezzi o ignori la nostra perfomance. E, sempre secondo Barabasi, i fattori che la comunità giudica sono indiscutibilmente i condizionamenti che si creano nel momento in cui si entra nella cerchia: classe, di genere, di etnia, provenienza.
La prima legge recita: “A portare al successo sono le prestazioni, quando però le prestazioni non sono misurabili, a determinare il successo sono le reti”.
Prima di Barabasi, comunque, il grande medico italiano Giuseppe Moscati diceva: “la mia riuscita non significa vittoria mia, ma vittoria di tutto un partito di amici, stretti l’un l’altro. Oggi l’individuo non ha più alcuna probabilità di successo, se non quando avrà compreso che deve fare parte di una catena, il suo merito consiste solo nel sapere scegliere la catena, di cui deve divenire un anello.”

Cosa imparare dalla visione imprenditoriale di Ferruccio Lamborghini

A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno imparato a usare il touch screen prima di saper leggere e scrivere. Dei favolosi anni Sessanta del secolo scorso, quando il nostro Paese sbalordiva il...
A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno...

27 Maggio 2020 | Innovability

Una giornata nella Zona rossa del Covid-19

La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso giornali e media è un racconto sporcato, ogni nuovo racconto si addensa di un particolare, finché non si arriva al punto della confusione. Tale narrativa...
La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso...

26 Maggio 2020 | Innovability

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli...
Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il...

22 Maggio 2020 | Arte e Cultura

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile Guérard È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità...
Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile...

20 Maggio 2020 | Crescita

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

Lo Stato dell’Unione di Nick Hornby ci racconta le crisi di coppia

Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può far creare situazioni inedite che inaspriscono o rendono migliori lo stare insieme. I protagonisti de Lo Stato dell’unione di Nick Hornby parla proprio...
Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può...

15 Maggio 2020 | Arte e Cultura

Il contagio delle emozioni che ti rende un buon leader

Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del primo trimestre la metà della popolazione mondiale sarebbe stata chiusa in casa, che non avremmo potuto andare a trovare i nostri amici o familiari,...
Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del...

13 Maggio 2020 | Crescita

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la...
Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe...

12 Maggio 2020 | Innovability

Il successo arriva non solo se si ottengono meritatamente grandi perfomance, ma quando si riescono ad individuare presto e con chiarezza le proprie mete, che vanno raggiunte con costante energia e che, incontestabilmente, devono essere inserite in contesti dove vengono apprezzate e condivise.
L’influenza sociale entra di diritto, quindi, tra le componenti essenziali per avere successo.
Non c’è solo questo, però. Tre studiosi dell’Università di Catania (i fisici Alessandro Pluchino e Andrea Rapisarda e l’economista Alessio Emanuele Biondo) hanno determinato anche quanto nel successo entri in gioco forza la fortuna che molti sottovalutano. Il loro modello matematico, Talent vs Luck, studia i fattori base del talento (l’intelligenza, la capacità e la determinazione) che vengono poi influenzati, durante il percorso di carriera, nel bene o nel male, dalla fortuna.
“Una certa quantità di talento è necessaria per avere successo nella vita”, si legge nello studio, “ma quasi mai i soggetti più dotati sono quelle che raggiungono il maggior grado di successo venendo regolarmente sopravanzati da persone con talento mediocre ma sensibilmente più fortunate”. Importante sottolineare che lo studio non vuole in alcun modo demotivare i meritevoli ad impegnarsi sempre, ma è più una considerazione sull’abitudine di valutare il talento di una persona dai risultati che ha ottenuto, non pensando che questi hanno una buona dose di fortuna.
Se è difficile calcolare con indici prestabiliti il merito, entrambe le ricerche sicuramente ci dicono che per avere successo bisogna lavorare tanto, essere determinati, perseveranti, capaci ed avere buone idee e avere un buon network, il tutto sotto lo sguardo della dea bendata.