Le cinque qualità di un buon leader non hanno a che fare con l’autorità

Le cinque qualità di un buon leader non hanno a che fare con l’autorità

Gianluca Cedolin

nasce a Venezia e lavora come giornalista freelance. Ha pubblicato su molte testate e blog come La Repubblica, Rivista Undici, Gq, Yanez Magazine e Zona Cesarini. Appassionato di sport e di cinema, ambientalista...

Ci sono persone naturalmente predisposte a essere leader. Lo dimostrano in una vacanza tra amici o quando devono guidare una nazione, negli sport di squadra e a capo di una multinazionale. Altri invece si allenano duramente per acquisire le qualità che contraddistinguono un leader. Ma quali sono le caratteristiche per essere una buona guida? Ne abbiamo individuate cinque.

Ottimismo
Una ricerca del Centre for creative leadership ha evidenziato come un leader debba avere sempre un’attitudine positiva. Se le persone guardano a noi come una guida, dobbiamo essere in grado di trasmettere fiducia al team, trascinarle con il nostro entusiasmo. Se invece siamo pessimisti, è facile che anche gli altri si deprimano, e i risultati difficilmente arriveranno in questo caso.

Empatia
«Il mio metodo prevede di costruire costantemente relazioni, di stabilire una buona intesa con il direttore generale e di creare un rapporto di confidenza con i giocatori. Nella costruzione delle relazioni investo moltissimo, pur non dimenticando mai chi comanda» ha scritto l’allenatore Carlo Ancelotti nel suo libro Il leader calmo. È fondamentale creare un buon rapporto con ogni membro del team e sviluppare uno spirito di squadra, senza però correre il rischio di perdere il controllo. Un leader deve sempre ragionare con il noi, mai con l’io, per far sentire tutti parte integrante del gruppo. Per questo l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama usava sempre il we e mai l’I nei suoi discorsi.

L’arte all’epoca dei social media: Amalia Ulman ha predetto gli influencer

Non di rado i giornali danno notizia di personaggi famosi che acquistano opere d’arte attraverso i social media (caso eclatante quello di Leonardo Di Caprio che comprò via telefono un’opera di Jean-Pierre Roy dopo averla vista sul profilo Instagram...
Non di rado i giornali danno notizia di personaggi famosi che acquistano opere d’arte attraverso i...

26 Febbraio 2020 | Centodieci

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Comunicazione
Possiamo anche essere leader illuminati e integerrimi, ma se non riusciamo a comunicare, difficilmente otteniamo risultati. Sempre il Centre for creative leadership ha inserito al primo posto l’abilità comunicativa nella lista delle dieci caratteristiche del buon leader. Di tutti i capi del passato e del presente restano indelebili i loro discorsi, le call to action: dall’I have a dream di Martin Luther King allo Stay hungry stay foolish di Steve Jobs.

Decisione
Alla fine, dei buoni risultati, ma soprattutto dei cattivi, risponderà in prima persona il leader. Che deve quindi farsi sentire in fase decisionale, ascoltare tutti ma poi non tentennare al momento di decidere, perché è lui a doverlo fare, questo comporta l’essere leader. «I veri leader devono essere in grado di sacrificare tutto per il bene della loro gente» diceva Nelson Mandela.

Integrità
Un leader disonesto e corruttibile non sarà mai in grado di guidare il team, rischia solo di trascinarlo in una spirale negativa. «Prima di tutto il buon esempio. Chi guida deve comportarsi meglio degli altri, altrimenti perde ogni autorevolezza» ha scritto Dacia Maraini. Il vero leader deve comportarsi meglio di tutti, essere integerrimo. Solo così lo saranno anche gli altri. Sunnie Giles, esperta in organizzazione aziendale, ha intervistato 195 leader di 15 paesi, chiedendo quali fossero le 10 caratteristiche che un leader deve avere (a scelta su 75): la prima venuta fuori è stata proprio l’avere una spiccata moralità.