Il ricordo di quel giovedì nero degli anni ‘20 - Centodieci

Il ricordo di quel giovedì nero degli anni ‘20

Ennio Doris

Presidente di Banca Mediolanum. Dopo essere stato consulente finanziario in Fideuram e poi nel Gruppo Ras, nel febbraio del 1982 ha fondato Programma Italia, con il Gruppo Fininvest. L’importante rete di Intermediazione...

Il 24 ottobre scorso i media mondiali, cogliendo l’occasione del novantesimo anniversario del più famoso “giovedì nero” della storia, hanno raccontato al proprio pubblico e soprattutto ai giovani, i fatti di quel giovedì del 1929 che hanno segnato l’avvio di un periodo conosciuto come “la grande recessione”.

Voglio farlo anch’io qui, perché chi conosce la storia determina un futuro diverso e migliore.

Dunque, si racconta che la mattina di giovedì 24 ottobre 1929, Jesse Livermore, che non era un operatore qualunque ma una vera leggenda di quell’epoca, entrò di gran carriera a Wall Street e con piglio deciso e gesti coreografici cominciò a vendere cercando di farsi notare il più possibile. In quegli anni la Borsa era ancora governata dall’essere umano, guidavano le contrattazioni cosiddette “alle grida”, e siccome Livermore era considerato proprio una specie di guida, il suo atteggiamento fu preso dagli altri operatori come modello da emulare il ché diede il via a un effetto domino di vendite che scatenò il panico generale. Dai massimi raggiunti, a quota 381,17 punti, Wall Street iniziò una caduta fino a 200 punti.
Quel giovedì 24 ottobre, che verrà ricordato come il “giovedì nero”, è la data di inizio della fine della crescita dei “ruggenti anni ‘20”. Le cronache dell’epoca raccontano che quell’effetto domino in realtà era partito da Londra, perché in quel momento era l’Inghilterra il centro del mondo. Il tonfo del London Stock Exchange contagiò immediatamente Wall Street che aprì con un ribasso dell’11%. Si narra che in quelle concitate ore di panico, un gruppo di banchieri, tra cui i capi di Morgan Bank e Chase National Bank, nel tentativo di fermare l’emorragia si accordarono per un’immediata iniezione di capitali che sostenesse Wall Street. Un palliativo che durò lo spazio di un weekend: il martedì successivo la pesante ondata di vendite era già ripresa con un movimento al ribasso ancor più forte e capace di spazzare via dal mercato molti protagonisti, oltre che i risparmi di gran parte della popolazione.

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Gli anni ’20 erano detti “anni ruggenti” perché furono un glorioso periodo di espansione economica, finanziaria, sociale, culturale, che fece fiorire le industrie della moda, del cinema e del benessere. Furono la culla del “consumismo” inteso come fenomeno di massa. Un fenomeno che sembrava inarrestabile nella sua corsa trainata da nuove scoperte, nuove invenzioni e nuovi motori di crescita. Simbolo di quell’epoca industriale è l’automobile, e in particolare il marchio Ford. Grazie alla visione di Henry Ford, viene brevettato e realizzato il Model T Ford, l’auto che tutti potevano permettersi di acquistare.

La dimostrazione di quel benessere diffuso avveniva con la diversificazione dei consumi delle persone, oltre che all’acquisto dell’auto, si spendeva in viaggi, vacanze e divertimento. Vi fu una rapida crescita anche del settore media, un momento d’oro per giornali, riviste e soprattutto la radio: un mezzo eccezionale che riusciva a mettere in comunicazione il mondo. Fu l’epoca del sensazionalismo mediatico e dei primi esperimenti di comunicazione di massa.
Il crollo di borsa portò questo tipo di mondo verso la “grande depressione”. Niente più delle cifre possono far capire di cosa stiamo parlando: 15 milioni di posti di lavoro persi, un tasso di disoccupazione che toccò il 30%, la produzione industriale in pochi anni cadde di quasi il 40%, e dato ancor più sconcertante, a pochi anni dalla crisi quasi la metà delle banche americane dell’epoca erano fallite.
I mercati riuscirono a recuperare la caduta del ’29, certo ci sono voluti 15 anni ma dobbiamo tenere conto che c’era anche una guerra mondiale di mezzo. Per questi motivi e per questi numeri, quell’epoca, anche a distanza di 90 anni è ancora oggi indimenticata ed esemplare, anche per chi non l’ha vissuta.

Non ripetere gli errori è un altro segno di progresso, una regola che dovremmo seguire tutti.