Cosa rispondere a chi dice di bilanciare vita e lavoro? Sbagliato!

Cosa rispondere a chi dice di bilanciare vita e lavoro? Sbagliato!

Silvio Gulizia

Scrittore, giornalista e consulente di comunicazione. Ha lavorato venti anni nel giornalismo, come cronista prima ed esperto di tecnologia e innovazione poi, scrivendo per quotidiani e riviste. Questo l’ha portato...

Bilanciare vita e lavoro? Impossibile. Il lavoro è parte della vita. Se prendi tutta la tua vita, che comprende anche il lavoro, e la metti su un piatto di una bilancia, e sull’altro ci metti solo il lavoro, come possono rimanere in equilibrio?

Cos’è l’armonia

Dunque, armonia è una parola che viene dal greco e deriva dalla radice ar- che indica collegamento, disposizione e proporzione e che ritroviamo in parole come arte e aritmetica. Viene utilizzata per indicare una sintesi di parti diverse formanti un tutto proporzionato e nello specifico una concordanza fra elementi che viene trovata piacevole. Ci può essere armonia in pensieri, parole e azioni, nei suoni, nei colori, nei segni e più in generale in ogni composizione e relazione. Armonia può anche indicare una concordanza di vedute o un’unità di intenti, un meccanismo assemblato alla perfezione o un’insieme di persone che si muovono all’unisono secondo uno schema preciso, come nel calcio, nel basket o nel football americano.
Nella musica l’armonia è uno degli elementi costitutivi di un brano, insieme a melodia e ritmo. Si ottiene scegliendo note in grado di veicolare una specifica tonalità, definita da scale (successioni di note) e accordi (note suonate insieme, a loro volta relativi alle scale). Se siete musicisti provetti, mi perdonerete la semplificazione.

Le regole dell’armonia applicate alle vita quotidiana: bilanciare vita e lavoro

Proviamo a fare un parallelo tra musica e quotidianità. Il pentagramma (le righe su cui si scrivono le note) è la nostra vita, e ogni battuta è una giornata. Di corsa, lenta, triste o gioiosa, piena di note o concentrata su poche di esse, ogni battuta dura un giorno. Le scale sono i nostri valori e ideali: ci dicono quali note e quali accordi suonare. Gli accordi ci aiutano a mettere insieme le cose che facciamo in modo che durante ogni battuta troviamo il piacere di ascoltare quello che stiamo suonando, e ci aiutano anche a relazionarci con la musica degli altri.

Per raggiungere l’armonia nella vita di tutti i giorni occorrono:
chiarezza: dobbiamo sforzarci di guardare in modo distaccato alle note che suoniamo, verificando che appartengano alla scala scelta (i nostri valori e ideali) e rimuovendo le note non allineate;
rituali: i rituali sono i ritmi che scandiscono le nostre battute, strutture su cui suonare le note scelte, e come la batteria scandiscono il tempo del brano, rappresentando un ottimo strumento per disciplinare anche i più anarchici e garantire tempo a quello a cui abbiamo scelto di dedicarci;
margini: ovvero degli spazi bianchi, delle pause nelle nostre battute che ci consentono di prepararci alle note successive, riflettere su quelle passate e ascoltare la musica degli altri strumenti.

Un esempio pratico: anziché leggere email, notizie e sfogliare le timeline dei miei social network, la mattina appena sveglio pratico Yoga e medito. Allo stesso modo, prendere del tempo per pianificare gli obiettivi di una giornata, di un meeting o di una telefonata ci aiuta a non deviare dai nostri piani.
Ora, proviamo ad allargare la visione e pensare alla nostra vita come a uno spartito composto di diversi pentagrammi: uno come padre, uno come figlio, fratello, zio, uno per le nostre passioni e uno per il nostro lavoro. Ogni pentagramma è assegnato a uno strumento e mentre alcuni possono suonare insieme, altri (forzando un po’ la metafora) non dovrebbero mai incrociarsi per non rovinare il piacere che scaturisce dalla nostra partitura. Come non puoi pensare di portarti tuo figlio di un anno a giocare a calcetto e parcheggiarlo a bordo campo, allo stesso modo non puoi rispondere alle email di lavoro mentre studi il pianoforte o guardare la partita durante un rapporto intimo.

A ben vedere, anche creare armonia tra vita e lavoro sarebbe sbagliato: è il lavoro che necessita di essere in armonia con gli altri aspetti della nostra vita. E quindi ha bisogno dei suoi spazi, deve seguire certe regole e non si deve sovrapporre agli altri strumenti, ma rimanere in pausa quando sono gli altri a suonare. Quanto più spazio il lavoro occupa in ogni singola battuta del nostro pentagramma, tanto meno spazio c’è per tutto il resto. Siamo noi che dobbiamo decidere a priori quanto spazio riservargli e quanto riservare ad altro perché il brano che stiamo suonando sia di nostro gradimento.

Circa l’improvvisazione

A differenza della musica, nella vita di tutti giorni siamo spesso chiamati a improvvisare. Guarda caso, esiste un genere di musica di cui l’improvvisazione è parte integrante: il jazz. Nel jazz ogni brano prevede un’introduzione, una melodia, l’improvvisazione a turno di tutti i membri della band, e poi di nuovo melodia e chiusura. Improvvisare è molto più complicato che suonare uno spartito, perché richiede una conoscenza superiore della musica, delle sue regole e della melodia suonata. Il jazzista improvvisa utilizzando dei lick, ovvero delle frasi fatte, in armonia con gli accordi della melodia, e rispettando regole che lo portano a suonare determinate note in coincidenza di specifiche note suonate dagli altri, così che possa passare il testimone a un altro strumento o la melodia possa riprendere per concludere il brano. Non è poi esattamente così: il jazz è fatto per il 99 per cento di elementi che sono spiegabili, analizzabili, categorizzabili e riproducibili e per l’1 per cento di magia. Ma questa magia, nel jazz come nella vita, è possibile solo se tutto il resto è in armonia.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura