Chimamanda Ngozi Adichie - Il lato femminile del femminismo - Centodieci

Chimamanda Ngozi Adichie – Il lato femminile del femminismo

Lorenza Gentile

Nata a Milano, ha pubblicato due romanzi con Einaudi Stile Libero, ha una laurea in Arti dello Spettacolo alla Goldsmiths University di Londra e un Master in Marketing, Comunicazione e Digital strategy presso la...

Tre romanzi di successo, due conferenze su Ted viste da milioni di persone, un nome difficile da pronunciare, una voce impossibile dimenticare.Chimamanda Ngozi Adichie è un’autrice nigeriana i cui romanzi e saggi, tradotti in oltre trenta lingue, sono pubblicati in Italia da Einaudi. Scrive su varie testate tra cui il New Yorker e il Financial Times; ha ottenuto lauree e dottorati onorari dalle Università più prestigiose del mondo, tra cui, il più recente, Yale; ha vinto premi come il National Book Critics Circle Award; il suo terzo romanzo, Americanah, è stato incluso dal TIME tra i dieci romanzi migliori degli anni 2010; è apparsa nella celebre edizione di settembre di Vogue del 2019, Le forze del cambiamento, insieme a Michelle Obama e il Primo Ministro neozelandese; l’associazione umanitaria Action Against Hunger l’ha premiata per la complessità e profondità umana del suo lavoro intellettuale a favore delle donne e dei rifugiati. Nel 2015 è stata inserita dal TIME nella lista delle cento donne più influenti al mondo.

Ma la cosa interessante è che i suoi meriti non sono solo di carattere intellettuale.
Ngozi Adichie è stata definita icona di stile dal New York Times e inclusa da Vanity Fair nella lista delle donne meglio vestite al mondo, anche grazie alla scelta di vestire solo abiti firmati da designer emergenti nigeriani. Potrebbe sembrare una contraddizione per alcuni, se si considera che a renderla veramente famosa è stato il suo discorso sul femminismo. Il termine femminista, infatti, si porta dietro un bagaglio negativo notevole: si pensa che le femministe odino gli uomini, non si trucchino, vogliano equipararsi agli uomini con la forza, fino a volerli soverchiare, rifiutino tutto ciò che è considerato femminile, perché visto come un segno di debolezza.

Nel 2012, Ngozi Adichie ha tenuto una conferenza su Ted sulla condizione della donna nella nostra epoca, con lo scopo di depurare la parola femminista dalla sua connotazione negativa. La conferenza, intitolata Dovremmo essere tutti femministi, è stata vista da quasi quattro milioni di persone e ha dato origine a un discorso mondiale sul femminismo.
«Sono una felice femminista africana – dichiara – che non odia gli uomini e mette il rossetto e i tacchi alti non per compiacere gli uomini, ma sé stessa». Un messaggio che ha avuto un impatto rivoluzionario nell’immaginario collettivo. La rivoluzione risiede in questo: si può essere femminili e anche femministe. La forma perde valore in favore del contenuto.

Sminuire una donna perché si interessa di cose considerate femminili, come il trucco o il vestire, è parte della cultura sessista.

Nel mondo occidentale, dichiara Ngozi Adichie in una celebre intervista, se una scrittrice vuole essere presa sul serio non deve dare l’impressione di guardarsi troppo allo specchio, di tenere al suo aspetto. In Nigeria è il contrario: se una donna vuole essere presa in considerazione deve curarsi moltissimo, truccarsi e vestirsi in modo impeccabile.
Una questione culturale. In entrambi i casi, però, la donna subisce l’obbligo di adeguarsi a un modello di comportamento prestabilito, se vuole essere presa sul serio.
La forma prevarica il contenuto.
Perché, si chiede la Adichie, agli uomini è consentito curare il proprio aspetto se lo desiderano, senza per questo perdere la propria autorità? Anche le donne dovrebbero essere libere di farlo, se lo vogliono, mantenendo la propria credibilità professionale.

Il femminismo non nasce dal bisogno di prevaricare gli uomini, ma da quello di arrivare a una parità economica e sociale tra i sessi pur celebrandone le diversità.
Si può credere nelle pari opportunità e mettersi i tacchi a spillo. Si può crederci e non mettere un filo di trucco. O essere uomini sensibili alla questione (i migliori).
Sì, perché il femminismo non è prevaricazione, ma uguaglianza. Esaltazione e rispetto della diversità. È femminile, ma anche maschile.
Non ha obbligo di forma, conta solo il contenuto.
Un femminista, secondo Chimamanda Ngozi Adichie, è un uomo o una donna che dice sì, esiste un problema di genere come è concepito oggi e dobbiamo risolverlo, dobbiamo fare meglio. Infatti il suo femminista preferito è suo fratello Kene – un ragazzo buono, bello e molto virile.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura