Sfidare i competitor più agguerriti – Cosa imparare da Adriano Olivetti

Sfidare anche i competitor più agguerriti – Cosa imparare da Adriano Olivetti

Matteo Muzio

Giornalista professionista, è nato a Genova nel 1985. Ha scritto di economia, di cultura e di attualità per il Foglio, Il Secolo XIX, IL mensile del Sole 24 Ore, il Fatto Quotidiano e per Linkiesta....

Anche partendo da un contesto difficile, con un regime dittatoriale come quello fascista si può fare innovazione. Adriano Olivetti, nato nel 1901, era un figlio del Ventesimo secolo in tutto e per tutto. Nella sua parabola imprenditoriale e umana c’era proprio quella fiducia di inizio Novecento sull’azienda come potenziale creatrice di welfare e di un ordine politico e sociale più vicino ai bisogni dell’uomo e lontano dalle ideologie prevalenti. Ma anche a livello di prodotto la Olivetti fu estremamente rivoluzionaria e innovatrice, creando brand di successo come la macchina da scrivere Lettera 22 o la calcolatrice Divisumma, divenuti prodotti di uso comune negli uffici italiani. Ma vediamo cosa si può imparare, analizzando i suoi scritti.

Se un prodotto è semplice, allora funziona: il design della Olivetti pare non avere tratti distintivi, o meglio, ne aveva uno: la linearità, abbinata alla maneggevolezza. Grazie alla sua leggerezza, divenne l’equivalente del laptop nell’epoca analogica. E divenne l’indispensabile strumento di lavoro per migliaia di impiegati in viaggio e di giornalisti, come nella storica foto di Indro Montanelli seduto su un gradino. Allo stesso modo la Divisumma fece capolino su tutti i banchi dei collaboratori e dei contabili. Come se ci fosse sempre stata.

L’impresa può fare molto per la comunità: Olivetti fu molto critico in vita dei suoi colleghi imprenditori italiani, fautori di una rigida etica del lavoro per cui il valore dell’esempio di una vita austera e integralmente dedicata al lavoro, tramite la quale dovevano ispirare anche i dipendenti. Olivetti chiamava questa tendenza “moralismo-dolorismo”. Lui invece rispondeva creando un welfare aziendale generoso attraverso il quale il lavoratore si doveva sentire parte di un tutt’uno, di una comunità vera e propria, offrendo ad esempio abitazioni e asili nido. Un modello che, seppur datato nei suoi sviluppi, fornisce ancora una traccia utile per far stare meglio i propri dipendenti.

Sfidare i competitor internazionali, senza timore: in uno dei core business di Olivetti, la produzione di macchine da scrivere, nell’immediato Secondo Dopoguerra il business era dominato da due grandi aziende americane: la Remington Rand e la Underwood. Olivetti non si perse d’animo e continuò a innovare: la Lettera 22 fu un successo tale che la Remington Rand dovette fondersi con la Sperry Corporation mentre la Underwood venne comprata dalla stessa Olivetti. Ma anche nella sfida dell’elettronica si lanciò a viso aperto: grazie al genio dell’inventore italo-cinese Mario Tchou, realizzò il primo computer tutto italiano, l’Elea 9003, lanciato nel 1959, che cambiò le regole del gioco.

Elea 9003 Olivetti era così bello da far vincere a Ettore Sottsass il premio «Compasso d’oro» per il design.

Le morti improvvise di Adriano Olivetti nel 1960 e di Tchou nel 1961 interruppero tutto questo e la Olivetti entrò dunque in un periodo di declino irreversibile. Ma la loro eredità rimane come esempio di come sia comunque possibile conquistare il mondo anche partendo da una piccola cittadina in provincia di Torino, Ivrea.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura