Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Corinne Corci

Nata a Milano, è una giornalista praticante. Dopo essersi laureata in Lettere moderne e aver lavorato come correttrice di bozze per Mondadori, ha frequentato la scuola di giornalismo IULM. Collabora con alcune...

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti, dal bambino Johannes Betzler (Jojo) al Capitano Klen, il libro e il film raccontano con apparente leggerezza una pagina tragica della nostra storia, sottolineando l’importanza del coraggio di chi ha provato a cambiare le cose.

È il 1938 in Austria, annessa alla Germania, e a scuola arrivano nuovi insegnanti che trasmettono teorie razziali tese a fare presa sui giovani come Jojo. «Eravamo potenziali eroi di un mondo a venire», si ripete nella testa: tanto da crearsi un amico immaginario speciale, frutto dei suoi ragionamenti da bambino indottrinato: Adolf Hitler. Quindicenne ausiliario alla contraerea, è vittima di un incidente che lo sfigura in volto e gli fa perdere una mano (il film in realtà è molto meno crudo), e durante i momenti in cui resta in casa per riprendersi, scopre che i genitori nascondono dietro a una parete un’adolescente ebrea, Elsa, amica della sorella scomparsa. Quello che la ragazza vede ogni giorno è un cielo in gabbia, nascosta nella stanza della camera da letto della figlia dei Betzler, così come lo è quello del protagonista. Una prigione edificata con mattoni di bugie.

Jojo è un ragazzino come molti, intelligente, sensibile, cresciuto colmo d’amore. Ma l’antisemitismo prima, e l’ideale hitleriano poi, investono il Paese con una violenza progressiva, piantando radici profonde, invadendo ambiti e menti. Uno dei motivi è che l’ammaestramento nazista parte proprio dalla scuola, mutandone la struttura dall’interno, sostituendo materie e insegnanti al fine di infondere l’ideale della supremazia della razza ariana a scapito di tutte le altre: a inculcare il credo per cui i sentimenti rendono l’uomo debole.
E se in questo libro, così come il film (che è arrivato nelle sale italiane dal 23 gennaio), si evince quanto sia facile plagiare i bambini sino a farli sentire perduti di fronte ai gesti più nobili o solidali, saranno proprio questi (l’amore e la forza di volontà di Jojo) a imprimere un cambiamento in una realtà brutale come quella degli anni Trenta.

Dall’istante in cui i suoi occhi vedono Elsa per la prima volta, Jojo comincia una progressiva maturazione. Dapprima, la sua esistenza clandestina in casa è causa di uno stato di delirio, dovuto al pensiero del protagonista di poter piegare su un essere ritenuto inferiore una sorta di volontà. Poi si tramuta in interesse, in paura di perdere quella presenza, e vi si attacca in modo ossessivo, immaginando una relazione con lei. Tanto che, quando la guerra finisce e cade il nazismo, non le dice che è libera di andare via. Le mente, raccontandole che la guerra l’ha vinta il Fuhrer, e che lei deve continuare a restare nascosta, lì, in casa sua, se vuole sopravvivere. Le cose andranno diversamente.
Leggere Il cielo in gabbia, guardare i film di Roberto Rossellini (soprattutto Germania anno zero, che accoglie uno dei finali forse più tragici della storia del cinema), guardare l’adattamento di Waititi che ha trasformato il romanzo in una satira dal tono scherzoso tipico di Wes Anderson, sono tutti modi per approcciarsi meglio ai peggiori momenti della nostra storia, e per osservarli da un punto di vista differente. E quindi cosa apprendiamo? Cosa possiamo trarre dalla vicenda di un bambino ossessionato con il nazismo e innamorato dell’ebrea nascosta tra i muri di casa? Che di errori l’umanità ne ha commessi tantissimi, fetidi, imperdonabili. Ma che da qualche parte dobbiamo trovare il coraggio di modificare il corso degli eventi. Facendoci più grandi di quanti sono venuti prima di noi e recuperando quei valori e quel candore che anche Jojo sembra aver perso a già a 15 anni. Ci vorrà del tempo, ma è necessario.

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento....
Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio...

27 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: Liberati dagli oggetti superflui per volare più in alto

«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di vivere in modo semplice, con meno abitudini, ma più solide, meno oggetti e distrazioni, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ancora...
«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di...

26 Marzo 2020 | Crescita

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l'epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus,...
L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo...

25 Marzo 2020 | Arte e Cultura

No alle barriere tra manager e lavoratori – Cosa imparare da Jack Welch

Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra rispetto al brand aziendale. Una figura, quella di Jack Welch, che ha segnato un prima e un dopo di lui all'interno di General Electric. Ingegnere chimico...
Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra...

24 Marzo 2020 | Innovability

Smart life, quello che stiamo imparando “grazie” al virus

Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire e trattare ogni aspetto della vita come proficuo per sé e per gli altri. Mai come in questi giorni capiamo quanto è differente qualcosa di intelligente...
Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire...

23 Marzo 2020 | Innovability

Tutto sommato, Le Ragazze stanno bene

A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque dire non benissimo), anche perché spesso l'effetto è quello di ricevere, più che dati, opinioni personali, quando non addirittura provocazioni o...
A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque...

20 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: imponiti autodisciplina, soprattutto lavorando da casa

Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti sbagliati. Stare in pigiama per un’intera settimana, evitare di lavarci il viso e perché no, magari nemmeno lavarci i capelli (tanto, chi ci vede)....
Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti...

19 Marzo 2020 | Crescita

Sembra incredibile ma la vulnerabilità è la nostra unica forza

Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi in un progetto senza garanzie di successo, esporsi con chi può potenzialmente farci del male o deriderci, chiedere il tanto meritato aumento...
Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi...

18 Marzo 2020 | Crescita

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera...
Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano...

17 Marzo 2020 | Crescita

Elogio delle riviste aziendali (ai tempi del coronavirus)

La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni ‘40 alla fine degli anni ’60: finita l’economia di guerra e andando verso la società dei consumi, in parallelo con la crescita e la maturità dell’editoria,...
La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni...

16 Marzo 2020 | Arte e Cultura