La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta - Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Claudio Gagliardini

Cinquantenne, romano trapiantato a Cremona. Esperto, formatore e autore di testi su comunicazione, marketing, social media, tecnologia e cultura digitale. Progetta e cura strategie di marketing online per aziende,...

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una trentina d’anni di carriera spesso talmente corta da fare sempre lo stesso lavoro, dall’età delle grandi passioni a quella del disincanto.
Che quel modello fosse in crisi era chiaro sin dagli anni ‘90 del secolo scorso, ma dopo la grande crisi del 2008, che si trascina ancora in tutto l’Occidente, il posto fisso è diventato un ricordo del passato. In realtà quella che chiamiamo crisi, altro non è che il passaggio a una nuova era, in cui le persone guarderanno la loro esistenza in un modo completamente diverso rispetto al passato. Un’era in cui il vecchio concetto di “farsi una posizione” e di garantirsi il futuro lavorando per 8 ore al giorno presso un’azienda, just for the money, non avrà più nessuna attrattiva, oltre che pochissimo senso.
Quel vecchio modello era il frutto acerbo di una civiltà che, a partire dalla fine del ‘700, aveva iniziato un rapido percorso evolutivo, focalizzato sulla tecnologia e sull’innovazione costante. Quel modello aveva senso nel mondo analogico, in cui la poca automazione che si andava via via implementando non era sufficiente a liberare le mani degli uomini dalle incombenze meno gratificanti e più povere di valore. Oltretutto il mondo era molto “più grande” di ora, gli spostamenti enormemente più lenti, le frontiere più rigide e nette, gli scambi commerciali più gravosi. Anche in quel mondo molte aziende delocalizzavano e si muovevano sul planisfero con agilità, lasciando a piedi i loro dipendenti e fregandosene della loro sorte, ma all’epoca un altro lavoro prima o poi si trovava.

Oggi la situazione è molto diversa. Chi si immette nel mercato del lavoro sa già che dovrà reinventarsi più volte, nel corso della sua parabola lavorativa. Siamo nell’era dei free lance, delle partite iva, dei contribuenti minimi e di molte altre figure difficili da inquadrare, camaleontiche, in continuo divenire.

Non altrettanto convinto è chi ha iniziato a lavorare nel vecchio mondo e si ritrova oggi senza lavoro nel nuovo. Gente lontana dalla pensione, spesso esasperata da anni di montagne russe emotive in cui nelle loro aziende filtrava ogni genere di informazione: si chiude, si delocalizza, si va in cassa integrazione, ci sono esuberi di personale, si cambia proprietà, si entra in regime di concordato…
Per queste persone reinventarsi è una priorità assoluta, che spesso fanno fatica ad affrontare. Il motivo è semplice e banale: per molti anni si sono cuciti addosso ruoli, etichette, mansioni, stili di vita che alla lunga non sono più capaci di cambiare. Non sono molti quelli che sono arrivati a questa condizione per scelta o per passione; la maggior parte di loro vi è approdata a valle dell’esperienza scolastica e a seguito di enormi giri alla ricerca del posto fisso, sebbene la storia già dicesse altro.

Eppure nessuno di noi è davvero, fino in fondo e per sempre, l’etichetta che si è o che gli hanno cucito addosso dopo la scuola, né il titolo che ha conseguito o la mansione che ha svolto per anni. Siamo molto più di quello che sappiamo fare e infinitamente di più di quello che siamo stati preparati o certificati per fare.

Il problema non è cosa sappiamo o non sappiamo fare, ma cosa siamo disposti a imparare e sperimentare, infatti, tra le infinite nuove opportunità che il nostro mondo oggi offre, dopo 25 anni di disruption che hanno cambiato tutto.

Quello che la tecnologia ci permette oggi di fare ha infatti caratteristiche che lo rendono accessibile ad una platea molto più vasta di quanto non sia mai accaduto. Le nuove tecnologie sono più economiche, più semplici da utilizzare, più performanti. Se negli anni ‘90 ci voleva l’equivalente di molte migliaia di euro odierne per iniziare un’attività in proprio, ora la fase di startup è più morbida da tutti i punti di vista e il solo limite è proprio la determinazione e la convinzione di chi si lancia in una nuova attività. Non solo: oggi partire con qualcosa di nuovo offre anche la possibilità di “cucirsi addosso” quello che si inizia a fare. Reinventarsi non significa dunque necessariamente dover cambiare tutto, ma rimodulare la propria vita in funzione delle esigenze familiari, ad esempio, partendo da un assunto fondamentale: se finora abbiamo fatto qualcosa, che ci piacesse o no, per portare a casa dei soldi a fine mese e garantire un futuro a noi stessi e alle nostre famiglie, ora la musica cambia. I soldi, di cui non possiamo fare a meno, non possono più essere il fine ultimo di quel che faremo, ma la sua conseguenza. Sembra soltanto una sfumatura, ma non lo è affatto. Ciò che facciamo in proprio, senza nessuno che ci dica come dobbiamo farlo, perché e in che tempi, è figlio di un impegno che si estende sull’intera filiera del lavoro: formazione, aggiornamento, tecnologie, relazioni, obiettivi. Siamo noi a scegliere, dall’inizio alla fine del percorso, con tutto ciò che questo comporta.

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento....
Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio...

27 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: Liberati dagli oggetti superflui per volare più in alto

«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di vivere in modo semplice, con meno abitudini, ma più solide, meno oggetti e distrazioni, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ancora...
«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di...

26 Marzo 2020 | Crescita

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l'epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus,...
L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo...

25 Marzo 2020 | Arte e Cultura

No alle barriere tra manager e lavoratori – Cosa imparare da Jack Welch

Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra rispetto al brand aziendale. Una figura, quella di Jack Welch, che ha segnato un prima e un dopo di lui all'interno di General Electric. Ingegnere chimico...
Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra...

24 Marzo 2020 | Innovability

Smart life, quello che stiamo imparando “grazie” al virus

Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire e trattare ogni aspetto della vita come proficuo per sé e per gli altri. Mai come in questi giorni capiamo quanto è differente qualcosa di intelligente...
Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire...

23 Marzo 2020 | Innovability

Tutto sommato, Le Ragazze stanno bene

A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque dire non benissimo), anche perché spesso l'effetto è quello di ricevere, più che dati, opinioni personali, quando non addirittura provocazioni o...
A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque...

20 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: imponiti autodisciplina, soprattutto lavorando da casa

Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti sbagliati. Stare in pigiama per un’intera settimana, evitare di lavarci il viso e perché no, magari nemmeno lavarci i capelli (tanto, chi ci vede)....
Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti...

19 Marzo 2020 | Crescita

Sembra incredibile ma la vulnerabilità è la nostra unica forza

Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi in un progetto senza garanzie di successo, esporsi con chi può potenzialmente farci del male o deriderci, chiedere il tanto meritato aumento...
Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi...

18 Marzo 2020 | Crescita

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera...
Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano...

17 Marzo 2020 | Crescita

Elogio delle riviste aziendali (ai tempi del coronavirus)

La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni ‘40 alla fine degli anni ’60: finita l’economia di guerra e andando verso la società dei consumi, in parallelo con la crescita e la maturità dell’editoria,...
La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni...

16 Marzo 2020 | Arte e Cultura