Il negazionismo non è un'opinione, è un reato - Centodieci

Il negazionismo non è un’opinione, è un reato

Rosamaria Salatino

Giornalista. Si è occupata a lungo di relazioni con i media in Banca Mediolanum dove ora ha assunto la responsabilità dei contenuti redazionali della Direzione Innovation, Sustainability and Value Strategy. La...

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati”. Lo ha affermato il vice ministro dell’Interno Matteo Mauri commentando i dati presentati nel “Rapporto Italia 2020” da Eurispes che, oltre a raccontarci un paese sempre più xenofobo e sempre meno propenso a credere alla politica e ai mezzi di informazione, ci evidenziano l’allarmante aumento del numero dei nostri connazionali convinti che la Shoah non sia mai avvenuta. Numero cresciuto in soli 15 anni dal 2,7 per cento del 2004 all’attuale 15,6 per cento.

Ma cos’è il negazionismo?

Con questo termine, dice l’enciclopedia Treccani, “si indica la corrente antistorica e antiscientifica del revisionismo, che con l’uso ideologizzato e spregiudicato di uno scetticismo storiografico portato all’estremo, non si limita a reinterpretare determinati fenomeni della storia contemporanea ma, specialmente con riferimento ad alcuni avvenimenti connessi al fascismo e al nazismo, come ad esempio l’istituzione dei campi di sterminio nella Germania nazista, si spinge a negarne l’esistenza”.
Come sia nata questa corrente e perché, sono elementi che possiamo individuare nel tentativo di alcuni intellettuali di sollevare i nazisti dalle loro responsabilità avviatosi già dal primo dopoguerra. Tuttavia, sia il pensiero del francese Bardèche sia quello dell’ex deportato politico Rassinier che definì la Shoah una “menzogna storica” ordita dagli alleati a detrimenti dei tedeschi, inizialmente rimasero circoscritti ai circoli neonazisti europei. Poi, alla fine degli anni Settanta del secolo scorso, il negazionismo divenne un tratto comune di alcuni gruppi estremisti di diversa estrazione in contemporanea con la pubblicazione negli Stati Uniti del libro “La menzogna del ventesimo secolo” nel quale l’autore metteva in dubbio l’Olocausto.

Questa pubblicazione trovò larga eco in Francia con la pubblicazione su importanti quotidiani di alcune lettere del professor Faurisson, professore di letteratura francese all’Università di Lione, la cui visione revisionista gli costò la sospensione dall’insegnamento ma nello stesso tempo avviò un dibattito pubblico tra molti storici che lo accusavano di “oltraggio alla verità” e molti intellettuali di sinistra che difendevano il suo diritto alla libertà di parola.
Sin dai primi anni del XXI secolo, per contrastare la reviviscenza delle teorie negazioniste, i ministri della Giustizia dell’Unione Europea, hanno introdotto sanzioni detentive per l’incitamento pubblico alla violenza e all’odio razziale e per l’apologia in pubblico e la negazione, per la banalizzazione del genocidio e dei crimini contro l’umanità e di guerra.
In Italia il negazionismo è reato dal 2016, anno in cui il legislatore ha aggiunto alla legge previgente, una sanzione aggravata da due a sei anni di reclusione per i comportamenti di discriminazione e di odio a sfondo razziale.

Ma il negazionismo degli italiani non guarda soltanto al passato, ci dice lo studio di Eurispes. Infatti, rileva un fenomeno molto diffuso che riguarda i giorni nostri: ben il 61,7 per cento dichiara candidamente che i recenti episodi di antisemitismo sono casi isolati e non sono indice di un reale problema.

Al tempo stesso, il 60,6 per cento ritiene che questi episodi siano la conseguenza di un linguaggio basato su odio e razzismo oramai diffuso a tutti i livelli. Il 37,2 per cento la butta sull’ironia, sostenendo che quegli episodi di antisemitismo altro non sono che «bravate messe in atto per provocazione o per scherzo». Solo per meno della metà del campione (47,5 per cento) gli atti di antisemitismo avvenuti anche in Italia sono il segnale di una pericolosa recrudescenza del fenomeno.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura