Almarina di Valeria Parrella: l’importanza di una seconda possibilità

Almarina di Valeria Parrella: l’importanza di una seconda possibilità

Corinne Corci

Nata a Milano, è una giornalista praticante. Dopo essersi laureata in Lettere moderne e aver lavorato come correttrice di bozze per Mondadori, ha frequentato la scuola di giornalismo IULM. Collabora con alcune...

In copertina, una donna galleggia sull’oceano. Ha le braccia spalancate, come se fosse pronta ad accogliere e ricevere tutto l’amore del mondo. Eppure, quella sensazione di infinita libertà che la copertina di Almarina di Valeria Parrella evoca sin dal primo sguardo, è la stessa che viene negata all’interno della storia: quella dei ragazzi del carcere minorile di Nisida, a Napoli, e di Elisabetta Maiorano, docente di matematica che ogni mattina, varcata la sbarra di ingresso, abbandona insieme alla borsa e al suo telefono tutto ciò che esiste davvero, nel mondo esterno, per introdursi in un piccolo microcosmo in cui, prima delle equazioni, deve insegnare ai ragazzi a rispettarsi a vicenda, e ad amare. Nisida, un carcere sull’acqua in cui Elisabetta prova a imbastire il futuro, fino all’arrivo in classe di Almarina, una ragazza nuova, che per la donna, cinquantenne, vedova e solitaria, diventerà come una figlia. 

Entra in classe. «Oggi a lezione c’è una ragazza nuova. […] Ci dice che ha sedici anni, che è una rumena. Non riesce a farsi capace che quella vita che ricorda sia la stessa che mena ora: la morte della madre, la perdita del fratello, non vedere mai più i boschi neri, la neve. […] Almarina sa che quello che non è presente alla vista non esiste più». Ed è in quel momento, da subito, e poi gradualmente giorno dopo giorno, che le loro rispettive solitudini si riconoscono. Così che Elisabetta vedrà negli occhi della ragazza la luce di un nuovo futuro, l’incarnazione di quella figlia che ha sempre sognato e che non ha potuto avere, mentre Almarina una nuova – e finalmente serena – possibilità di esistenza. Inizia la loro rinascita, il cammino di scoperta e il riconoscimento della via di fuga, incarnato da una per l’altra, da tutto ciò che non ha funzionato. «Tutto quello che scegliamo si rivelerà sbagliato se saremo tristi e giusto se saremo felici», dice la protagonista. Ed è questo ciò che più di tutto resta dentro, una volta terminata la lettura, sulla necessità personale di riconoscere la salvezza, di non abbandonarsi.  

Almarina è una storia di tenerezza e amore, a cui Parrella, nella cinquina del Premio Strega, affida il proprio pensiero di accoglienza verso il prossimo, che in un momento storico come quello che stiamo vivendo ha la capacità di emergere dal contesto – le pagine, la storia di Elisabetta – per farsi valore universale, uno schierarsi con fierezza dalla parte dei più deboli, dei dimenticati, di quelli che la società ha condannato come casi irrecuperabili. E ha gettato alle spalle senza preoccuparsene troppo. Tutto questo è poi rappresentato dalla scuola, sulla cui assenza tanto si è detto nel corso di questi mesi – così come della sua importanza, di cui le istituzioni sembrano aver perso memoria – un angolo abbandonato da cui si vede il mare in cui è permesso ai ragazzi trovare una seconda possibilità, capire cosa voglia dire avere una famiglia, un lavoro onesto, qualcuno che li ami profondamente. La scuola, che è l’esatto punto da cui Almarina riparte, il porto sicuro. L’emblema di chi sente più che mai l’esigenza di una giustizia che non sempre si trova nelle aule dei tribunali, di chi prova a lottare, come la stessa Elisabetta, affinché chi ne ha più bisogno possa finalmente ricevere amore. 

Almarina è un pensiero reale. Di Valeria Parrella che ci dona, romanzandola, la sua esperienza di insegnante nel penitenziario di Nisida, obbligandoci a fermarci ai punti, alle espressioni più crude, drammatiche, in un romanzo che è espressione di una convinzione che assume un peso specifico importante nelle nostre circostanze: permetterti di ascoltare chi non ha avuto voce in capitolo. Sapere che esiste sempre una nuova, seconda, possibilità per cambiare. 

London Breed: la sindaca che ha salvato San Francisco dal contagio

La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del 2018 quando è diventa sindaco della città di San Francisco. La prima donna di colore e la seconda donna in generale a ricoprire questa carica. London...
La prima volta che abbiamo sentito parlare di London Breed a livello globale è stato nel giugno del...

07 Luglio 2020 | Crescita

Il colibrì di Veronesi celebra gli eroi normali e vince il Premio Strega

“Colibrì” è il soprannome di Marco Carrera, protagonista dell’ultimo romanzo di Sandro Veronesi e vincitore del Premio Strega 2020. È intitolato appunto Il colibrì, come quei piccoli uccellini che riescono a stare quasi sospesi a mezz’aria,...
“Colibrì” è il soprannome di Marco Carrera, protagonista dell’ultimo romanzo di Sandro Veronesi...

03 Luglio 2020 | Arte e Cultura

È ora di fare impresa per il mondo

Non si torna indietro. È ancora così incredibilmente difficile accettare di dover cambiare molti dei nostri comportamenti, per accogliere il futuro e disegnarlo secondo le aspettative dei più giovani e di chi verrà dopo. Spesso sostenibilità è solo...
Non si torna indietro. È ancora così incredibilmente difficile accettare di dover cambiare molti dei...

01 Luglio 2020 | Innovability

Non fermarti mai, il futuro è di chi impara ogni giorno

“L’uomo mi ha creato, ma sarò io a comandare”. Sono le prime parole del mostro appena creato dal dottor Frankenstein, nel capolavoro di Mary Shelley del 1818. Un presagio di un’evoluzione piuttosto terrificante. Fin dalla prima rivoluzione industriale,...
“L’uomo mi ha creato, ma sarò io a comandare”. Sono le prime parole del mostro appena creato dal...

30 Giugno 2020 | Innovability

Sei sicuro che il lavoro che fai ti renda felice?

Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni, emozioni, conciliazione, cura, serenità, dignità, dialogo, ascolto. È solo un piccolo esempio dei termini, anzi, dei concetti, anzi, delle dimensioni...
Soddisfazione, clima, motivazione. Ma anche benessere, coinvolgimento, fiducia. E poi salute, relazioni,...

29 Giugno 2020 | Crescita

Almarina di Valeria Parrella: l’importanza di una seconda possibilità

In copertina, una donna galleggia sull’oceano. Ha le braccia spalancate, come se fosse pronta ad accogliere e ricevere tutto l’amore del mondo. Eppure, quella sensazione di infinita libertà che la copertina di Almarina di Valeria Parrella evoca sin...
In copertina, una donna galleggia sull’oceano. Ha le braccia spalancate, come se fosse pronta ad accogliere...

26 Giugno 2020 | Arte e Cultura

Il cinema asiatico e lo scambio culturale: scoprire un Paese grazie ai film

La crisi economica conseguente al Coronavirus ha colpito sensibilmente il mondo dello spettacolo e, fra le sue attività, non è scampata nemmeno la grande industria cinematografica. Ne hanno risentito non solo gli addetti ai lavori, bensì pure i cinefili,...
La crisi economica conseguente al Coronavirus ha colpito sensibilmente il mondo dello spettacolo e, fra...

24 Giugno 2020 | Arte e Cultura

Passione e sostenibilità: perché scegliere la bici a scatto fisso

Chi pensa che una bicicletta costi poco si sbaglia di grosso. È uno dei motivi che ha mosso il Governo a varare degli incentivi per comprarne una nuova, così da diminuire il numero di persone che viaggiano sui mezzi pubblici (evitare contagi) e privati...
Chi pensa che una bicicletta costi poco si sbaglia di grosso. È uno dei motivi che ha mosso il Governo...

23 Giugno 2020 | Innovability

4 cose che possiamo imparare da Enrico Mattei

Partire da un background familiare umile per diventare uno dei più grandi e influenti manager del tuo Paese, tanto da essere indicato come esempio. Non è una storia americana, ma tutta italiana, quella di Enrico Mattei, nato nel 1906 ad Acqualagna e...
Partire da un background familiare umile per diventare uno dei più grandi e influenti manager del tuo...

22 Giugno 2020 | Innovability

Città sommersa di Marta Barone scava nel passato del padre

Il Sessantotto, gli Anni di Piombo sono al centro di Città Sommersa, il primo romanzo di Marta Barone, candidato al Premio Stega 2020. Fuori dalle finestre c’è molto silenzio, c’è una città silenziosa, come silenziose sembrano essere le ricerche...
Il Sessantotto, gli Anni di Piombo sono al centro di Città Sommersa, il primo romanzo di Marta Barone,...

19 Giugno 2020 | Arte e Cultura