A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

Corinne Corci

Nata a Milano, è una giornalista praticante. Dopo essersi laureata in Lettere moderne e aver lavorato come correttrice di bozze per Mondadori, ha frequentato la scuola di giornalismo IULM. Collabora con alcune...

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta americano, del regista che ha segnato almeno due decenni di storia del cinema ed è ancora in piena attività, visto che il testo si conclude parlando di Rifkin’s Festival, il film che ha da poco finito di girare in Spagna. «Non ho intuizioni, pensieri nobili, nessuna comprensione della maggior parte delle poesie che non inizino con “Le rose sono rosse, le viole sono blu”», scrive. «Quello che ho, tuttavia, è un paio di occhiali con montatura nera, e penso che siano queste specifiche, combinate con un talento per appropriarsi di frammenti di fonti erudite per dare l’impressione ingannevole di sapere più di quanto io sappia in realtà».

Ecco, il primo “niente”, simbolo e metafora. La sua non è una vita avventurosa, bensì segnata dalla routine e dalle rigide regole di lavoro, dalla nevrosi che contraddistingue tutti i suoi personaggi principali. Ma è anche un “niente” intimo che riguarda la percezione di sé, visto che l’autore non si è mai considerato un genio né un intellettuale, ma solo una stella minore rispetto ai suoi maestri come Ingmar Bergman e Tennessee Williams: «A sentire mia madre avrei dovuto essere capace di spiegare la teoria delle stringhe. Ma lo vedete anche dai film che ho fatto: alcuni sono divertenti, ma nessuna delle mie idee sarà mai la base di una nuova religione». E, contrariamente alle apparenze, non è così incapace negli sport.

È la diminuzione alleniana di sé, tematizzata dalla maggior parte delle sue pellicole, non una sorta di atarassia, quanto di sfiducia totale nell’universo (è il terzo “niente”, quello che per Allen segue la vita, forte dell’ateismo radicale abbracciato fin da ragazzo, malgrado la fede della famiglia ebraica comunque e sempre amata). 

L’autobiografia di Woody Allen si apre come un film di Woody Allen, simile a Radio Days: racconta la sua nascita e l’infanzia, chi erano i suoi genitori, in uno dei noti ritratti famigliari tanto paradossale quanto esilarante. «Mamma aveva cinque sorelle, una più brutta dell’altra – e lei verosimilmente le batteva tutte. Lasciatemelo dire: la teoria freudiana secondo cui noi uomini desideriamo inconsciamente uccidere nostro padre e sposare nostra madre casca miseramente nel caso della mia genitrice». Eccolo, Allen. Quello umorista di Io e Annie, Basta che funzioni, La rosa purpurea del Cairo. E soprattutto di Melinda e Melinda, la tragedia e la commedia: «Mia [Farrow] si è divertita ad adottare, come se stesse acquistando un nuovo giocattolo», scrive. «Le piaceva la reputazione da santa, la pubblicità, ma non le piaceva crescere i bambini e non si prendeva davvero cura di loro». E infatti molto spazio è dedicato alla storia dolorosa, naturalmente nella sua versione, di come sia diventato oggetto di una causa milionaria e delle accuse di molestie sulla figlia adottiva di Mia, Dylan Farrow, tornata negli ultimi anni malgrado due indagini finite con il non luogo a procedere. 

E poi in A proposito di niente, Allen è semplicemente Allen. Che parla dei suoi film (poco), senza spiegarli nel dettaglio, raccontando alcune riprese e rapporti con gli attori, si dice meravigliato di certi riscontri (non si aspettava il successo di Manhattan e il fallimento di Hollywood Ending), sostiene che La ruota delle meraviglie sia il suo film migliore. 

Ma nonostante questo, o forse proprio per tutto questo, dal suo memoir emerge la difficoltà di Allen nel mantenere le amicizie, conoscere nuove persone, “piacere agli altri”, tra ex amici, ex colleghi a Hollywood che lo hanno denunciato pubblicamente solo per venire incontro alle richieste del pubblico. Ed è improbabile che il libro influenzi coloro che hanno già deciso. Tanto, che riflettendo proprio su questo, e su quello che di lui rimarrà in futuro, il regista ammette «piuttosto che vivere nei cuori e nella mente del pubblico, preferisco vivere nel mio appartamento». Essere sempre sé stessi, prendere la vita non troppo sul serio.

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Cinque mete estive che ti faranno tornare migliorato

Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone». Viaggiare, muoversi, entrare in contatto con nuove culture, nuovi luoghi e nuovi modi di vivere, preparare i...
Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi,...

29 Luglio 2020 | Crescita

Le canzoni della radio sono la colonna sonora della nostra vita

È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari: innanzitutto ce ne possono essere diverse, perché diverse sono i momenti della vita e quasi sempre questi momenti si legano indissolubilmente a una...
È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari:...

27 Luglio 2020 | Arte e Cultura