Se vuoi smettere di procrastinare iscriviti al Club delle 5 del mattino

Se vuoi smettere di procrastinare iscriviti al Club delle 5 del mattino

Redazione Centodieci

La redazione di Centodieci seleziona le migliori notizie e i migliori consigli per crescere non solo professionalmente, ma anche nella vita....

Dicono che il mondo si divida in due tipi di persone: le allodole e i gufi. I primi sono quelli che amano e riescono a svegliarsi presto la mattina, mentre i secondi – chiaramente – sono quelli che preferiscono dormire qualche ora di più mentre tutti stanno andando in ufficio per poi tirare tardi durante la notte. In effetti se non si hanno obblighi di orario lavorativo potrebbero funzionare entrambi, dopotutto basta che si rispettino le date di consegna e la sua qualità, a prescindere da quando una persona abbia fatto quel lavoro.
E se invece i nostri tempi lavorativi osservano la classica tabella di marcia 9/18 5/7? Beh in questo caso purtroppo i più penalizzati sono certamente i gufi. Anche loro, però, potrebbero trovare beneficio nel leggere questo volume di crescita e di autoconsapevolezza che parte proprio dall’assunto che svegliarsi all 5 del mattino faccia bene a tutti. Proprio a tutti. Si tratta de Il club delle 5 del mattino, di Robin Sharma.

Certo, è molto difficile convincere il nostro corpo che la sveglia verrà anticipata di qualche ora (a seconda di quelle che sono le nostre tradizionali abitudini). L’autore però ne è certo: una volta entrati nel meccanismo i benefici saranno così tanti da non volere più tornare indietro. Innanzitutto, il mattino si avrebbe più tempo per sé: le cinque sono il classico orario in cui quasi tutti dormono, quindi le notifiche del telefono sono azzerate. Ciò ci può permettere di leggere qualcosa di lungo e magari più complesso (diverse ricerche scientifiche confermano che la mente il mattino è particolarmente reattiva), di dedicare tempo a qualcosa di creativo che però ha bisogno di concentrazione, relax e freschezza neuronale. In più quello stesso tempo può essere utilizzato per praticare delle attività sportive – dallo yoga alla corsa – per cucinare, o ordinare la spesa online, fare colazione con calma e leggendo qualche giornale estero, magari.

Sharma inoltre si sofferma sull’importanza di segnare su un foglio, ogni giorno, 5 cose che si vorrebbero fare quella stessa giornata. Ciò ci permetterebbe di eliminare, anche avendo un po’ più tempo a disposizione, molte delle cose che tendiamo ad accumulare nella cartella “procrastinazione” e, perché no, anche di anticipare il nostro arrivo in ufficio – riuscendo dunque ad andarcene altrettanto prima.
È chiaro, per non sacrificare il sonno (almeno 7 ore a notte!), sacro per Robin Sharma, questa regola della sveglia alle 5 del mattino ci costringerebbe a vivere meno la sera: meno seratacce, meno cene ad orari tardi, ma questo non deve suonare come una limitazione della vita in società: ci sono infatti tantissimi modi per godere appieno anche della vita fuori, magari sostituendo la cena con un pranzo, un film lungo con un episodio di serie tv.
Chissà che, con la regola della sveglia delle 5 di mattina, non riusciamo, nel 2020, a scrivere il nostro primo libro, o a dare vita a quel progetto che posticipiamo da tempo.

Il contagioso inno alla vita di Giusy Versace

Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti mai, perché quando pensi che sia tutto finito, è il momento in cui tutto ha inizio” parole che fin quando non le si sperimenta sulla propria pelle...
Uno dei più grandi cantautori dei nostri anni, Jim Morrison, recitava queste parole: “Non arrenderti...

25 Febbraio 2020 | Centodieci

La benedetta necessità di reinventarsi ogni volta

Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che hanno fatto i nostri padri e i nostri nonni. Vite da posto fisso, dove i più fortunati entravano in ditta ventenni e ne uscivano sessantenni, dopo una...
Non passeranno molte generazioni prima che il senso comune bolli come assolutamente folle la vita che...

24 Febbraio 2020 | Crescita

Ne Il cielo in gabbia di Leunens e il film Jojo Rabbit tutto è possibile

Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit, portato sullo schermo da Taika Waititi, che ha vinto il Premio Oscar come Miglior Sceneggiatura non originale. Tra le ombre e le luci dei suoi protagonisti,...
Il cielo in gabbia è il romanzo della neozelandese Christine Leunens da cui è stato tratto Jojo Rabbit,...

21 Febbraio 2020 | Centodieci

#CentodieciTip: Apprezza i piccoli “piaceri proibiti”, ti fanno sentire meglio

Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è assolutamente sbagliato. E poco importa se si tratta dei libri di Inga Lindstrom che finiscono sempre con il matrimonio tra la proprietaria di un maneggio...
Sentirci in colpa per amare ciò che ci fa divertire e ci distrae dalle preoccupazioni quotidiane è...

20 Febbraio 2020 | Centodieci

Il nostro bagaglio ci dice tutto di come siamo

È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì per la prima volta che i bagagli per ciascuna persona fossero di dimensioni e quantità limitate.Da quel momento e con le modifiche continue che hanno...
È cambiato tutto con gli aerei. E non ora, già 90 anni fa. Nel 1938, Civil Aeronautics Board stabilì...

19 Febbraio 2020 | Centodieci

Cosa vuol dire essere genitori e figli secondo Massimo Recalcati

«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto di vista della psicanalisi, è davvero un erede», spiega Massimo Recalcati nell’ambito degli incontri del progetto RiVedere Matera, organizzato da...
«Questa città è viva perchè c’è qualcuno che la rende costantemente viva, cioè che, dal punto...

18 Febbraio 2020 | Crescita

Lavorare meno e lavorare meglio è possibile?

Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena il tempo per figli e hobby, correre sul tapis-roulant e andare a dormire presto, finché non arriva il sabato per una passeggiata sul lungomare e...
Non è forse vero che vivere da adulti significa lavorare, portare a casa il salario, ritagliarsi appena...

17 Febbraio 2020 | Innovability

Cercami di André Aciman ci fa capire quanto importante sia il primo amore

Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver se ne era andato via. Con Chiamami col tuo nome eravamo arrivati qui, a un amore descritto quasi come fosse una febbre, che li aveva fatti sentire tanto...
Elio aveva amato per la prima volta, sperimentando lo strappo tremendo della separazione quando Oliver...

14 Febbraio 2020 | Crescita

#CentodieciTip: Non fasciarti la testa prima del tempo, prova a pensare positivo

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore dialettale ci ha da tempo fornito le formule perfette per comprendere i rischi che corre chi, tendendo a un atteggiamento negativo e apprensivo, si...
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Il folclore...

13 Febbraio 2020 | Crescita

Il negazionismo non è un'opinione, è un reato

“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché le teorie negazioniste non trovino nuovo consenso. È responsabilità di tutti noi non sottovalutare questi dati". Lo ha affermato il vice ministro...
“Il negazionismo continua a infangare la memoria di questa tragedia, dobbiamo fare di più affinché...

12 Febbraio 2020 | Arte e Cultura