Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere - Centodieci

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

Antonio Potenza

Laureato in Comunicazione, si specializza in Editoria e Scrittura presso l'Università LaSapienza di Roma. Collabora come editor con la rivista Sundays Storytelling. Ha lavorato come redattore televisivo presso...

L’attesa è un’arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l’epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus, ciò che è certo e lampante a tutti è che il tempo libero è decisamente aumentato. Dovrebbe essere una gran conquista, visti i ritmi della vita moderna. Tuttavia non manca quel pizzicorio da horror vacui. E allora che fare se non leggere? Ecco qualche consiglio utile, in quarantena non guasta mai. Se fino ad ora i classici non ci sono stati simpatici, non li sopporteremo meglio nemmeno adesso. La questione dell’abbondanza di tempo non è solo quantitativa. Avere più tempo a disposizione non significa per forza avere maggior voglia di leggere un maggior numero di pagine. Piuttosto è l’occasione di scoprire, per categoria – narrativa, poesia e saggistica – piccole perle più o meno contemporanee che magari fuori dalla quarantena non avremmo avuto l’attenzione adatta per apprezzare appieno. 

Narrativa in quarantena

Rayuela, Julio Cortàzar

L’opera principale di Julio Cortàzar è praticamente un dedalo. Corposa come pagine, ma accattivante: è un vero e proprio viaggio dalle vertigini labirintiche. Una Parigi infuocata da tramonti è lo scenario in cui si consuma l’amore del protagonista e della Maga. La bellezza di questo libro sta nella particolarissima struttura narrativa. I modi per leggere quest’opera sono due: o in senso ordinato, seguendo la fabula e l’ordine cardinale delle pagine; oppure ascoltare il consiglio di Cortàzar stesso che dopo un paio di pagine consiglia al lettore di seguire una sua tabella di marcia.
Scegliere questa strada significa lasciarsi trasportare dal flusso del genio creatore di Cortàzar, ritrovandosi balzati da una pagina all’altra, da un orizzonte e l’altro, con l’estrema leggerezza di un zeffiro.

Maestoso è l’abbandono, Sara Gamberini

La storia di Maria è una storia mentale, tutto il flusso narrativo lascia poco spazio alle connotazioni temporali. Maria cresce durante lo scorrere del romanzo ma ce ne accorgiamo da pochi indizi. Ma poi, questi stessi indizi, ci sembreranno anche poco necessari, alla fine, perché il flusso morbido della narrazione ci coccole anche quando la vita di Maria da spallate forti. Maestoso è l’abbandono è un’opera psichica che si snoda tutta all’interno della mente di Maria, ma che non annoia e non si perde in inutili ghirigori. Le domande, i dissidi, gli “amori altissimi”, quelli che nel libro sono definiti inutili, sono tutti denocciolati attraverso una prosa levigata e affascinante. Piccola perla da non perdere. E poi le pagine scelte da Hacca, profumano di buono.

La Vita Sconosciuta, Crocifisso Dentello

Per chi invece preferisce le storie crude, questo libro fa per loro. Dopo l’esordio con “Finchè dura la colpa”, Dentello mette in scena una confessione del reale con estrema lealtà. Ernesto, cinquantenne disoccupato, reduce da un incontro sessuale con un gigolò arabo, rincasa nel cuore della notte e scopre la moglie Agata riversa senza vita sul divano. L’evento è il l’inciting incident, direbbe Vogler, che porta Ernesto in un vortice di colpa. Da anni conduce una doppia vita e la scomparsa della moglie apre il vaso di pandora delle colpe e delle confessioni. L’eleganza della prosa di Dentello è la giusta cura per allietare i giorni di quarantena.

Menzione d’onore va a Follia di Mc Grath. Edito in una bellissima versione da Adelphi, l’opera è adatta per chi preferisce un ritmo serrato e ama le storie che lo folgorino inaspettatamente. Senza dubbio la storia della moglie di uno psicanalista che si innamora e perde le proprie sicurezze sociali per un malato di mente non vi lascerà tempo per lo smart working. Avvisati.

Saggistica in quarantena

Uomo diventa lupo, Eisler

Avere tanto tempo libero significa anche mettere in discussione la propria routine, o semplicemente approcciarsi a nuove forme di lettura. O più semplicemente ritornare con più calma su vecchi saggi smozzicati qua e là in ritagli di tempo. Comunque un’ottima occasione per iniziarne uno nuovo. Qualunque sia il caso Uomo diventa lupo è una piccola perla di saggistica da conoscere e curare e leggere con estrema calma. Questo tomo ha anch’esso una struttura curiosa e particolare. Il saggio di Eisler copre praticamente all’incirca trenta pagine. Le rimanenti, fino ad arrivare un totale di su per giù trecento pagine, sono costellazioni di note a piè pagina che arricchiscono il discorso.
Anche qui la scelta è l’ordine o i rimandi.  La tesi è che l’uomo sia di base un animale buono. Intere tribù tropicali non conoscono il concetto di guerra, ma la loro alimentazione non è carnivora. Così, con un’erudizione rara e maestosa, Eisler ritrova nel cambio di alimentazione dell’uomo preistorico la virata fondamentale della sua modalità di esistere nel sociale.

The Weird and The Eerie, Mark Fisher  

C’è un aspetto fondamentale della realtà che molto spesso ignoriamo, causa anche della demistificazione dell’età adulta o della realtà che siamo chiamati a vivere e affrontare. Questo piccolo squarcio nel cielo di carta, richiamando Pirandello, è ciò che Freud nelle sue sedute psicoanalitiche all’inizio del secolo chiamava perturbante; un qualcosa, insomma, che è familiare ma che allo stesso tempo non lo è e questa idiosincrasia sensibile crea sgomento e disorientamento. Da questo concetto si diramano il weird e l’eeriei, due concetti figli del perturbante ma che si sviluppano in modi differenti. Fisher analizza proprio questo processo evolutivo dei due concetti, incanalati in varie forme artistiche e culturali, anche, tra i vari esempi, attraverso film noti degli ultimi anni come Inception o Interstellar di Christopher Nolan.

Poesia in quarantena

La Voce a te dovuta, Pedro Salinas

La panacea di tutti i mali è la poesia; benché talvolta sia crudele e straziante. Se la monotonia della quarantena vi avvilisce, addentrarsi nell’altalena emotiva della poetica di Salinas è un consiglio spassionato da ascoltare e applicare subito. Poeta spagnolo, generazione del ventisette, Salinas è solitamente conosciuto per la raccolta poetica La Voce A Te Dovuta. La raccolta fa parte di una trilogia poetica uscita negli scorsi anni Trenta. Tutte le edizioni sono solitamente accompagnate da note, introduzioni e soprattutto testo originale in spagnolo. Così tra una lacrima e un impeto di sentimento, si fa in tempo anche a familiarizzare con il testo crudo, non tradotto. Perché si sa, la traduzione è sempre un tradimento della lingua iniziale – come diceva Derrida – e lo spagnolo, alla fine, ha davvero un bel suono.

La gioia di scrivere, Wislawa Szymborska

Il nome suona difficile, ma non estraneo. Insomma, la Szymborska è il mostro sacro della poesia contemporanea. Dal Nobel alla Letteratura del 96, alla morte nel 2009, fino ad oggi la sua poesia è stata ritrovata, ri-accolta, ri-letta e ri-assorbita. Un lavoro enorme, contenuto molto nell’edizione La Gioia di Scrivere di Adelphi, che racchiude l’amore per la vita attraverso i versi della poetessa polacca. Usando le parole di Roberto Saviano, le liriche della Szymborska sono consigliate quando ci si sente sul baratro. Socialmente, probabilmente, mai momento più adatto di questo. Giustifica questa scelta, lo scrittore campano, con il senso di benessere che queste poesie suscitano nel lettore, nel rimedio lirico alla vita. Che poi a pensarci, non è sempre stato così? Non è forse vero che la poesia ci ha sempre salvati dal baratro?

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento....
Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio...

27 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: Liberati dagli oggetti superflui per volare più in alto

«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di vivere in modo semplice, con meno abitudini, ma più solide, meno oggetti e distrazioni, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ancora...
«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di...

26 Marzo 2020 | Crescita

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l'epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus,...
L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo...

25 Marzo 2020 | Arte e Cultura

No alle barriere tra manager e lavoratori – Cosa imparare da Jack Welch

Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra rispetto al brand aziendale. Una figura, quella di Jack Welch, che ha segnato un prima e un dopo di lui all'interno di General Electric. Ingegnere chimico...
Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra...

24 Marzo 2020 | Innovability

Smart life, quello che stiamo imparando “grazie” al virus

Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire e trattare ogni aspetto della vita come proficuo per sé e per gli altri. Mai come in questi giorni capiamo quanto è differente qualcosa di intelligente...
Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire...

23 Marzo 2020 | Innovability

Tutto sommato, Le Ragazze stanno bene

A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque dire non benissimo), anche perché spesso l'effetto è quello di ricevere, più che dati, opinioni personali, quando non addirittura provocazioni o...
A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque...

20 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: imponiti autodisciplina, soprattutto lavorando da casa

Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti sbagliati. Stare in pigiama per un’intera settimana, evitare di lavarci il viso e perché no, magari nemmeno lavarci i capelli (tanto, chi ci vede)....
Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti...

19 Marzo 2020 | Crescita

Sembra incredibile ma la vulnerabilità è la nostra unica forza

Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi in un progetto senza garanzie di successo, esporsi con chi può potenzialmente farci del male o deriderci, chiedere il tanto meritato aumento...
Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi...

18 Marzo 2020 | Crescita

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera...
Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano...

17 Marzo 2020 | Crescita

Elogio delle riviste aziendali (ai tempi del coronavirus)

La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni ‘40 alla fine degli anni ’60: finita l’economia di guerra e andando verso la società dei consumi, in parallelo con la crescita e la maturità dell’editoria,...
La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni...

16 Marzo 2020 | Arte e Cultura