Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va - Centodieci

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Claudio Gagliardini

Cinquantenne, romano trapiantato a Cremona. Esperto, formatore e autore di testi su comunicazione, marketing, social media, tecnologia e cultura digitale. Progetta e cura strategie di marketing online per aziende,...

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera foltissima dei “professionisti del non detto”; persone che solitamente etichettiamo come educate, riservate, taciturne, ma dietro le quali si nascondono molte differenti identità e caratteri, difficili da esplorare e quasi sempre impossibili da intercettare.
Dietro quei non detti si celano molti più rischi e problemi che opportunità, e questo vale in famiglia, tra amici e ancor più sul lavoro, dove quei silenzi pesano come macigni e fanno perdere tempo e soldi, oltre che rodere il fegato di chi li consuma.

Abbandonare questa attitudine è spesso frutto dell’esperienza, ma in un mondo così veloce aspettare i capelli bianchi per dire la propria è un limite imperdonabile; una zavorra che ci impedisce di ottenere i risultati che vorremmo e che ostacola in modo drammatico la ricerca del nostro spazio e della nostra credibilità.

Dire o non dire? Questo è il dilemma…

“Chi non fa non falla”, recita un vecchio proverbio, cui fa da contraltare “sbagliando s’impara”. In mezzo a questi due estremi c’è un universo intero di atteggiamenti, caratteri, propensioni, attitudini e traiettorie di vita da esplorare. Qual è la strada giusta? La risposta non sarebbe così difficile, se ogni volta sapessimo davvero dove vogliamo arrivare, ma quasi sempre non è così.
Sul lavoro, ad esempio, chi sa cosa vuole ed ha un briciolo di intelligenza sa già quando gli conviene tacere e quando invece deve parlare, ma in questi casi si tratta soltanto di strategia. Chi non vive la propria vita e lavoro come dei progetti da realizzare, obiettivo dopo obiettivo, vittoria dopo vittoria, dovrebbe invece sempre contare fino a cinque, prima di aprire bocca o di tenerla serrata. Oppure no?
Il secolo che ci siamo lasciati alle spalle ormai venti anni fa sembra aver portato via con sé molti dei meccanismi che tenevano a freno le persone e le loro emozioni. Con essi ha portato via molto altro e, se parliamo di lavoro: il posto fisso e sicuro, le mansioni rigide e ben definite, le carriere lineari e così via. Possiamo ancora permetterci il lusso di non dire, in un ambiente VUCA (Volatile, Incerto, Complesso e Ambiguo) come questo?

Chi tace acconsente

No, non siete capitati alla fiera dei vecchi proverbi e dei luoghi comuni, ma è proprio così che funziona. Nel non detto si cela la nostra incapacità di prendere posizione, di esporci, di metterci la faccia. Qualcosa che in passato ha fatto arrivare in alto molti “yes man” e molti taciturni, ma che ora ha un sapore completamente diverso. Oggi i tempi di azione e reazione sono ridotti all’osso e la tecnologia ha stravolto ogni abitudine e cliché.
In questa nostra “WhatsApp society” contare fino a cinque è un lusso che solo pochi possono permettersi e, soprattutto, ogni non detto è controbilanciato da decine di informazioni che passano in tempo reale su tutti i possibili strumenti di comunicazione. Oggi chi non dice è destinato a soccombere, ad accettare, a subire.

Questo non significa che si debba sempre e comunque parlare, né tanto meno che si possa farlo a vanvera, sperando che ciò che si dice non abbia esiti peggiori di un eventuale silenzio.

Ciò che dobbiamo sapere è che il non detto a prescindere non è più sostenibile e ci mette quasi sempre nella condizione di non poter affrontare ciò che ci circonda. Il motivo è semplice: ciò che non diciamo non resterà al sicuro dentro di noi, proprio perché una grande fetta delle persone da cui siamo circondati non se ne starà in silenzio mentre noi tacciamo. Non necessariamente lo faranno per crearci dei problemi o per ostacolarci,ma perché viviamo in un’era in cui è impossibile non comunicare. Basti pensare, ad esempio, alle spunte dei servizi di messaggistica per capire come si stia in effetti comunicando anche quando si decide di non farlo: ha letto il messaggio ma non risponde è già un grande classico.

Come capire la solitudine grazie al saggio di Mattia Ferraresi

Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio ambizioso: significa dirsi pronti a mettere in discussione gli equilibri e le distanze che ci tengono insieme, a costo di perdere il senso dell’orientamento....
Fare i conti con sé stessi, nella dimensione di individui parte di una collettività, è un esercizio...

27 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: Liberati dagli oggetti superflui per volare più in alto

«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di vivere in modo semplice, con meno abitudini, ma più solide, meno oggetti e distrazioni, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ancora...
«Ho lavorato per più di 5 anni per semplificare la mia vita, e mentre scoprivo le gioie sublimi di...

26 Marzo 2020 | Crescita

Quarantena e troppo tempo libero? Ecco cosa leggere

L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo momento storico attendere che l'epidemia passi è un obbligo sociale, etico e tecnico. Insomma, senza entrare in merito alla questione coronavirus,...
L'attesa è un'arte fine, di cui non tutti sono forniti o a cui non molti sono avvezzi. Eppure, in questo...

25 Marzo 2020 | Arte e Cultura

No alle barriere tra manager e lavoratori – Cosa imparare da Jack Welch

Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra rispetto al brand aziendale. Una figura, quella di Jack Welch, che ha segnato un prima e un dopo di lui all'interno di General Electric. Ingegnere chimico...
Un manager fuori dal comune, un gigante venuto dopo generazioni di dirigenti che rimanevano in ombra...

24 Marzo 2020 | Innovability

Smart life, quello che stiamo imparando “grazie” al virus

Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire e trattare ogni aspetto della vita come proficuo per sé e per gli altri. Mai come in questi giorni capiamo quanto è differente qualcosa di intelligente...
Mai come oggi – inteso come questi giorni – c’è bisogno di intelligenza, quella capacità di capire...

23 Marzo 2020 | Innovability

Tutto sommato, Le Ragazze stanno bene

A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque dire non benissimo), anche perché spesso l'effetto è quello di ricevere, più che dati, opinioni personali, quando non addirittura provocazioni o...
A che punto siamo con la parità di genere in Italia? Non è facile dirlo (nel dubbio potremmo comunque...

20 Marzo 2020 | Arte e Cultura

#CentodieciTip: imponiti autodisciplina, soprattutto lavorando da casa

Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti sbagliati. Stare in pigiama per un’intera settimana, evitare di lavarci il viso e perché no, magari nemmeno lavarci i capelli (tanto, chi ci vede)....
Essere bloccati responsabilmente in casa durante questo periodo potrebbe fornirci alibi per comportamenti...

19 Marzo 2020 | Crescita

Sembra incredibile ma la vulnerabilità è la nostra unica forza

Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi in un progetto senza garanzie di successo, esporsi con chi può potenzialmente farci del male o deriderci, chiedere il tanto meritato aumento...
Essere il primo a dire ti amo, investire emotivamente in una relazione che potrebbe non funzionare, imbarcarsi...

18 Marzo 2020 | Crescita

Come trovare il coraggio di parlare quando qualcosa non va

Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano Vietcong appostati sull’albero in attesa di poter “sparare” la loro opinione senza troppi riguardi. Non meno pericolosa è però la schiera...
Capita spesso di criticare le persone troppo dirette, quelle che non riescono a contenersi e che sembrano...

17 Marzo 2020 | Crescita

Elogio delle riviste aziendali (ai tempi del coronavirus)

La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni ‘40 alla fine degli anni ’60: finita l’economia di guerra e andando verso la società dei consumi, in parallelo con la crescita e la maturità dell’editoria,...
La stagione in cui sono nati la gran parte dei magazine aziendali in Italia va dalla fine degli anni...

16 Marzo 2020 | Arte e Cultura