Perché lavorare meno è innovativo (e come farlo) - Centodieci

Perché lavorare meno è innovativo (e come farlo)

Silvio Gulizia

Scrittore, giornalista e consulente di comunicazione. Ha lavorato venti anni nel giornalismo, come cronista prima ed esperto di tecnologia e innovazione poi, scrivendo per quotidiani e riviste. Questo l’ha portato...

Lavorare meno è uno dei nuovi trend del mondo del lavoro, secondo una ricerca del 2017 di Gartner. Perché è innovativo: chi lavora meno ha più tempo per contaminare il proprio cervello con informazioni diverse, che rendono creativi. Vediamo perché e come questo è possibile.

La settimana di 4 ore (o quattro giorni)

Nel 2007 l’autore americano Tim Ferris pubblicò il libro The 4-Hour Workweek che scatenò un lungo dibattito: si può diventare ricchi lavorando solo 4 ore al giorno? Ferris individuò un trend oggi più che mai evidente: sempre più lavoratori vogliono anteporre la vita al lavoro. Una recente indagine di PricewaterhouseCoopers ha rilevato che il 46% dei lavoratori considera un orario flessibile e la possibilità di organizzare al meglio impegni lavorativi e personali/familiari gli aspetti più importanti di ogni impiego.

I casi di aziende che hanno sperimentato in materia sono diversi e si va dall’orario di lavoro ridotto a 5 o 4 ore al giorno al numero di giorni lavorativi scesi da 5 a 4. Si registrano risultati diversi, ma per lo più vanno in un’unica direzione: produzione stabile, a volte migliorata. Secondo il vice presidente di Gartner, le persone sono produttive mediamente 4 o 5 ore al giorno, e di conseguenza ridurre l’orario di lavoro non è un costo per l’azienda.

Lasse Rheingans, managing director di Digital Enabler, startup tedesca celebrata di recente dal Wall Street Journal come valido esperimento della 4 hours workweek, sostiene che lavorare 5 ore al giorno in completa concentrazione, anziché 8 continuamente distratti, consente di raggiungere almeno gli stessi risultati. Le regole ferree per riuscirci sono:

  • niente social;
  • telefonini rigorosamente in borsa;
  • meeting di massimo 15 minuti;
  • controllo della posta di lavoro solo 2 volte al giorno.

Deep Work

Il punto più interessante del libro di Ferris è la definizione della pensione: non un periodo di pace in cui godersi quanto messo da parte, ma qualcosa da consumare a piccole dosi durante tutto l’arco della propria vita. 

Per rendere questo possibile, l’imprenditore Shawn Blanc ha organizzato la produzione del proprio team intorno a un ciclo di sei settimane: 6 di deep work, 1 di cuscinetto e 1 di vacanza. 

Il deep work è un concetto definito dal matematico Cal Newport nel libro Deep Work: rules for focused success in a distracted world, ovvero un lavoro privo di distrazioni e focalizzato sulle cose davvero importanti. Secondo Newport la capacità di concentrazione è una competenza che permette di processare informazioni complesse in breve tempo e questo aiuta a raggiungere rapidamente ottimi risultati. 

Diminuire l’orario di lavoro è funzionale a tutto questo. Cosa succede infatti quando hai meno tempo per lavorare su una cosa? Elimini le distrazioni e ti concentri sugli aspetti importanti.

Il valore del tempo libero

Il modo in cui spendiamo il nostro tempo libero incide sulle nostre prestazioni, perché le esperienze svolte al di fuori del lavoro funzionano da stimolo per il cervello. Avere più tempo per esporsi a contesti diversi e riposarsi consente al cervello di avere maggiori risorse per affrontare e risolvere i compiti quotidiani. Chiunque può sperimentare questa cosa semplicemente definendo un problema e cercando la soluzione con una camminata o una corsa al parco: gli stimoli che il contesto produrrà sul cervello lo aiuteranno a risolvere il problema. Provare per credere.

Più tempo libero, in sostanza, significa più tempo da dedicare a corpo e mente, ovvero gli strumenti con cui svolgiamo il nostro lavoro. Se funzionano meglio siamo in grado di ottenere gli stessi risultati in meno tempo. O addirittura fare meglio dei nostri colleghi perché siamo più riposati, più felici, e abbiamo più lance al nostro arco per innovare quello che stiamo facendo, ormai liberi da quelle routine come controllare la posta o i commenti alla nostra ultima foto su Instagram che ci privavano del tempo per riflettere.

Come convincere il datore di lavoro

Come vendere tutto questo a un datore di lavoro? C’è poco da fare: se si è vincolati a un orario di lavoro, è necessario innanzitutto passare a monitorare i risultati ottenuti e il tempo speso, e piano piano tagliare il tempo a propria disposizione facendo altro sul posto di lavoro se proprio non ci si può assentare – per esempio leggendo un libro o articoli online, scrivendo un diario o parlando con i colleghi di altro – senza diminuire i risultati ottenuti. E poi si può provare a convincere il proprio datore di lavoro a concedere un orario di lavoro flessibile, basato sui risultati. Oppure proporre di lavorare di meno anziché avere un aumento di salario.

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Cinque mete estive che ti faranno tornare migliorato

Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone». Viaggiare, muoversi, entrare in contatto con nuove culture, nuovi luoghi e nuovi modi di vivere, preparare i...
Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi,...

29 Luglio 2020 | Crescita

Le canzoni della radio sono la colonna sonora della nostra vita

È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari: innanzitutto ce ne possono essere diverse, perché diverse sono i momenti della vita e quasi sempre questi momenti si legano indissolubilmente a una...
È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari:...

27 Luglio 2020 | Arte e Cultura