Perché lavorare meno è innovativo (e come farlo) - Centodieci

Perché lavorare meno è innovativo (e come farlo)

Silvio Gulizia

Scrittore, giornalista e consulente di comunicazione. Ha lavorato venti anni nel giornalismo, come cronista prima ed esperto di tecnologia e innovazione poi, scrivendo per quotidiani e riviste. Questo l’ha portato...

Lavorare meno è uno dei nuovi trend del mondo del lavoro, secondo una ricerca del 2017 di Gartner. Perché è innovativo: chi lavora meno ha più tempo per contaminare il proprio cervello con informazioni diverse, che rendono creativi. Vediamo perché e come questo è possibile.

La settimana di 4 ore (o quattro giorni)

Nel 2007 l’autore americano Tim Ferris pubblicò il libro The 4-Hour Workweek che scatenò un lungo dibattito: si può diventare ricchi lavorando solo 4 ore al giorno? Ferris individuò un trend oggi più che mai evidente: sempre più lavoratori vogliono anteporre la vita al lavoro. Una recente indagine di PricewaterhouseCoopers ha rilevato che il 46% dei lavoratori considera un orario flessibile e la possibilità di organizzare al meglio impegni lavorativi e personali/familiari gli aspetti più importanti di ogni impiego.

I casi di aziende che hanno sperimentato in materia sono diversi e si va dall’orario di lavoro ridotto a 5 o 4 ore al giorno al numero di giorni lavorativi scesi da 5 a 4. Si registrano risultati diversi, ma per lo più vanno in un’unica direzione: produzione stabile, a volte migliorata. Secondo il vice presidente di Gartner, le persone sono produttive mediamente 4 o 5 ore al giorno, e di conseguenza ridurre l’orario di lavoro non è un costo per l’azienda.

Lasse Rheingans, managing director di Digital Enabler, startup tedesca celebrata di recente dal Wall Street Journal come valido esperimento della 4 hours workweek, sostiene che lavorare 5 ore al giorno in completa concentrazione, anziché 8 continuamente distratti, consente di raggiungere almeno gli stessi risultati. Le regole ferree per riuscirci sono:

  • niente social;
  • telefonini rigorosamente in borsa;
  • meeting di massimo 15 minuti;
  • controllo della posta di lavoro solo 2 volte al giorno.

Deep Work

Il punto più interessante del libro di Ferris è la definizione della pensione: non un periodo di pace in cui godersi quanto messo da parte, ma qualcosa da consumare a piccole dosi durante tutto l’arco della propria vita. 

Per rendere questo possibile, l’imprenditore Shawn Blanc ha organizzato la produzione del proprio team intorno a un ciclo di sei settimane: 6 di deep work, 1 di cuscinetto e 1 di vacanza. 

Il deep work è un concetto definito dal matematico Cal Newport nel libro Deep Work: rules for focused success in a distracted world, ovvero un lavoro privo di distrazioni e focalizzato sulle cose davvero importanti. Secondo Newport la capacità di concentrazione è una competenza che permette di processare informazioni complesse in breve tempo e questo aiuta a raggiungere rapidamente ottimi risultati. 

Diminuire l’orario di lavoro è funzionale a tutto questo. Cosa succede infatti quando hai meno tempo per lavorare su una cosa? Elimini le distrazioni e ti concentri sugli aspetti importanti.

Il valore del tempo libero

Il modo in cui spendiamo il nostro tempo libero incide sulle nostre prestazioni, perché le esperienze svolte al di fuori del lavoro funzionano da stimolo per il cervello. Avere più tempo per esporsi a contesti diversi e riposarsi consente al cervello di avere maggiori risorse per affrontare e risolvere i compiti quotidiani. Chiunque può sperimentare questa cosa semplicemente definendo un problema e cercando la soluzione con una camminata o una corsa al parco: gli stimoli che il contesto produrrà sul cervello lo aiuteranno a risolvere il problema. Provare per credere.

Più tempo libero, in sostanza, significa più tempo da dedicare a corpo e mente, ovvero gli strumenti con cui svolgiamo il nostro lavoro. Se funzionano meglio siamo in grado di ottenere gli stessi risultati in meno tempo. O addirittura fare meglio dei nostri colleghi perché siamo più riposati, più felici, e abbiamo più lance al nostro arco per innovare quello che stiamo facendo, ormai liberi da quelle routine come controllare la posta o i commenti alla nostra ultima foto su Instagram che ci privavano del tempo per riflettere.

Come convincere il datore di lavoro

Come vendere tutto questo a un datore di lavoro? C’è poco da fare: se si è vincolati a un orario di lavoro, è necessario innanzitutto passare a monitorare i risultati ottenuti e il tempo speso, e piano piano tagliare il tempo a propria disposizione facendo altro sul posto di lavoro se proprio non ci si può assentare – per esempio leggendo un libro o articoli online, scrivendo un diario o parlando con i colleghi di altro – senza diminuire i risultati ottenuti. E poi si può provare a convincere il proprio datore di lavoro a concedere un orario di lavoro flessibile, basato sui risultati. Oppure proporre di lavorare di meno anziché avere un aumento di salario.

Impegno, relazione, libertà, innovazione: i 4 valori dell'arte di Christo

Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato nel 1935 in Bulgaria, è a Parigi che dà vita alla sua espressione artistica e sempre qui che incontra Jeanne-Claude, sua moglie e compagna di sodalizio...
Lo scorso 31 maggio è venuto a mancare uno dei più grandi artisti contemporanei viventi: Christo.Nato...

01 Giugno 2020 | Centodieci

Non è vero che Favole al telefono è un libro per bambini

Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori e designer internazionali, scritti da autori che hanno anche scritto romanzi e libri che hanno emozionato i genitori di quei libri che vengono definiti...
Cosa vuol dire che un libro è per bambini? Ce ne sono di tantissimi illustrati dai migliori illustratori...

29 Maggio 2020 | Centodieci

Cosa imparare dalla visione imprenditoriale di Ferruccio Lamborghini

A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno imparato a usare il touch screen prima di saper leggere e scrivere. Dei favolosi anni Sessanta del secolo scorso, quando il nostro Paese sbalordiva il...
A volte mi domando che idea possano farsi del cosiddetto “miracolo economico” i ragazzi che hanno...

27 Maggio 2020 | Innovability

Una giornata nella Zona rossa del Covid-19

La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso giornali e media è un racconto sporcato, ogni nuovo racconto si addensa di un particolare, finché non si arriva al punto della confusione. Tale narrativa...
La pandemia da Coronavirus è una situazione tanto nuova quanto controversa. Ciò che arriva attraverso...

26 Maggio 2020 | Innovability

Il tempo umano di Nisini e il valore personale dei momenti della vita

Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il profumo di un’estate sempre più prossima, la vita di Tommaso è cambiata. Ma non perché semplicemente abbia incontrato l’amore o qualcosa che gli...
Quel venerdì pomeriggio, in un giorno di tarda primavera, in cui nell’aria si poteva percepire il...

22 Maggio 2020 | Arte e Cultura

I benefici psicologici del mare nella nostra vita

Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile Guérard È nell’intercapedine tra mare e inconscio che si nasconde il vero beneficio del ritrovarsi sulla riva, al di fuori della quotidianità...
Il mare e la filosofia condividono lo stesso movimento:incarnano la vita, le indicano una rotta.- Cécile...

20 Maggio 2020 | Crescita

Il Coronavirus ha sconvolto davvero il futuro del capitalismo?

Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo immersi nella dinamica che stiamo attraversando e la nostra energia al momento è quasi totalmente presa dalla priorità della salvaguardia della...
Il Coronavirus sta modificando profondamente le nostre vite, ma non sappiamo ancora quanto. Siamo troppo...

19 Maggio 2020 | Centodieci

Lo Stato dell’Unione di Nick Hornby ci racconta le crisi di coppia

Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può far creare situazioni inedite che inaspriscono o rendono migliori lo stare insieme. I protagonisti de Lo Stato dell’unione di Nick Hornby parla proprio...
Le coppie, si sa, vanno in crisi. Si uniscono e si lasciano e magari proprio la convivenza coatta può...

15 Maggio 2020 | Arte e Cultura

Il contagio delle emozioni che ti rende un buon leader

Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del primo trimestre la metà della popolazione mondiale sarebbe stata chiusa in casa, che non avremmo potuto andare a trovare i nostri amici o familiari,...
Leadership sotto pressione Se qualcuno ci avesse detto il primo gennaio del 2020 che entro la fine del...

13 Maggio 2020 | Crescita

Come pensiamo all’ambiente durante il Coronavirus

Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe in atto dai governi per contrastare la pandemia. Tutti abbiamo capito che queste soluzioni restrittive avevano e hanno come scopo quello di fermare la...
Tutti abbiamo fatto esperienza, in questi ultimi mesi, delle misure restrittive che sono state messe...

12 Maggio 2020 | Innovability