Il colibrì di Veronesi celebra gli eroi normali e vince il Premio Strega

Il colibrì di Veronesi celebra gli eroi normali e vince il Premio Strega

Corinne Corci

Nata a Milano, è una giornalista praticante. Dopo essersi laureata in Lettere moderne e aver lavorato come correttrice di bozze per Mondadori, ha frequentato la scuola di giornalismo IULM. Collabora con alcune...

“Colibrì” è il soprannome di Marco Carrera, protagonista dell’ultimo romanzo di Sandro Veronesi e vincitore del Premio Strega 2020. È intitolato appunto Il colibrì, come quei piccoli uccellini che riescono a stare quasi sospesi a mezz’aria, immobili, grazie a un velocissimo battito d’ali. Il soprannome, datogli da bambino per una carenza dell’ormone della crescita che lo aveva mantenuto piccolo, seppure bello e aggraziato, negli anni finisce per avere un altro significato: «Tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo. Settanta battiti d’ali al secondo per rimanere dove già sei. Sei formidabile, in questo. Riesci a fermarti nel mondo e nel tempo, riesci fermare il mondo e il tempo intorno a te», gli scrive un giorno la donna che ama. Il protagonista ha vissuto la sua vita così, muovendosi per stare fermo, rifuggendo i cambiamenti. Mentre gli altri andavano avanti, lui praticava un immobilismo tenace, volando anche all’indietro, come il colibrì sa fare.

Marco vive, non abbandona la vita, si sposa, fa figli, ama, cerca di essere felice, ma non è l’idea che la felicità sia nel progresso dell’individuo che guida il protagonista. Al contrario è cercando di tenere fermo il tempo che Marco pensa di poter passare anni sereni sulla terra, fino a quando tutte le certezze, ad una ad una, iniziano a vacillare.
Resistenza. La storia di un uomo mediocre, l’inetto di Una vita di Italo Svevo, ma che ha dovuto sopportare prove difficili, dolori insormontabili. Perché Marco, in verità, e anzi proprio per questo, è un eroe del nostro tempo, capace di sopportare in modo stoico le avversità della vita: la separazione, i problemi della figlia, la malattia dei genitori. Cose per cui non ha altra scelta se non quella di accettarle. E poi il grande amore, Luisa, mai consumato, un’ossessione che lo accompagna da sempre, a cui ha provato a dire addio numerose volte senza riuscirci. Poiché infatti, i cambiamenti nella vita di Marco ci sono, e sono violentissimi, dolori che sfondano il cuore, alcuni accettati e altri troppo grandi, anche per riuscire a definirli. «Mi chiedo: ma il male – hai presente? Ha circuiti preferenziali, il male, o si accanisce a caso?»

Marco è il colibrì che riesce a resistere a qualunque urto, tiro mancino, crudeltà che la vita gli ha imposto. Ed è questo il grande insegnamento di Veronesi, vincitore del Premio Strega 2020 proprio con il suo Colibrì, che c’è sempre un motivo per non abbandonarsi e lasciarsi andare. Nonostante la morte – nel romanzo, ce n’è tantissima – il dolore. Alla fine, arriva sempre la vita – nel romanzo, ce n’è ancora di più – tutta custodita nella speranza, e nel bambino che la figlia di Marco porta in grembo.
Resistere, ma soprattutto sopravvivere alla vita: Il colibrì di Sandro Veronesi è un’opera contro il nostro vittimismo, che non vuole consolare, ma riportarci l’umanità autentica e vera che si imbatte tutti i giorni con il dolore. E in questo, è un’ode alla vita intera, e a chi ne fa parte.

Viaggia con questi 4 podcast da non perdere

La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore del turismo, forse più di ogni altro. Se fino a qualche mese fa progettare e immaginare le nostre vacanze era una specie di secondo lavoro per molti...
La pandemia globale che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo ha colpito in maniera durissima il settore...

13 Agosto 2020 | Arte e Cultura

Burnout estivo: 5 rimedi per riequilibrarsi

Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga come un pavimento dorato, all'orizzonte si scorgono appena le chiome degli ulivi. Volete vederli meglio, così decidete di incamminarvi. Un piccolo...
Chiudete per un attimo gli occhi. Immaginate una lunga campagna meridionale, con il grano che si allarga...

11 Agosto 2020 | Crescita

Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin, sull’ottimismo di sapere che niente è perduto

Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della propria. Vive ascoltando le voci della gente, probabilmente per evitare di sentire i tormenti della sua vita, che cela un segreto che scopriremo solo...
Violette Toussaint è la guardiana della vita e della morte degli altri, ma non riesce a esserlo della...

07 Agosto 2020 | Arte e Cultura

È arrivato agosto: e tu sei pronto a cambiare?

Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza per grandi progetti. In un mese come questo, infatti, trova ottimo spazio di applicazione il concetto di “ozio creativo” elaborato dal sociologo...
Per molti agosto è un mese di sana follia, ma può anche essere un incredibile e perfetto punto di partenza...

06 Agosto 2020 | Crescita

5 spiagge italiane bellissime e poco affollate da scoprire

Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio in Italia. La maggior parte sceglie il mare e, anche se ci sono meno persone in viaggio, soprattutto nei weekend l'atmosfera di spiagge altrimenti splendide...
Molti di noi in questa particolare estate post-lockdown stanno riscoprendo la bellezza di un viaggio...

05 Agosto 2020 | Centodieci

Apriti al nuovo della tua vita - Il valore del viaggio per la conoscenza

Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo di conoscenza, ma diventa reticolare; l’esperienza, dunque, non è più unica, ma molteplice, i percorsi sono interconnessi e potenzialmente...
Come ci ricordano Gianluca Bocchi e Mauro Cerruti, nel mondo moderno il sapere non è più solo un accumulo...

04 Agosto 2020 | Crescita

Per essere creativo devi essere esploratore, artista, giudice e guerriero

Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando il tempo limitato, di sicuro abbiamo subito iniziato a fare i conti: 1+2=3, 3+4=7, 7+5=12; poi, dopo altre addizioni, ci siamo confusi e scoraggiati,...
Iniziamo facendo un piccolo esperimento. Fate la somma dal numero 1 al numero 1000 in un minuto. Considerando...

03 Agosto 2020 | Crescita

A proposito di niente o come imparare a prendere la vita meno sul serio

A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita in Italia per La Nave di Teseo. Un racconto personale, fatto di paradossi come il titolo stesso: è un “niente” di 400 pagine quello del cineasta...
A proposito di niente è il titolo dell’autobiografia di Woody Allen, scritta a 84 anni e uscita...

31 Luglio 2020 | Centodieci

Cinque mete estive che ti faranno tornare migliorato

Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone». Viaggiare, muoversi, entrare in contatto con nuove culture, nuovi luoghi e nuovi modi di vivere, preparare i...
Secondo un notissimo aforisma dello scrittore americano John Steinbeck, «le persone non fanno i viaggi,...

29 Luglio 2020 | Crescita

Le canzoni della radio sono la colonna sonora della nostra vita

È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari: innanzitutto ce ne possono essere diverse, perché diverse sono i momenti della vita e quasi sempre questi momenti si legano indissolubilmente a una...
È sempre difficile rispondere alla domanda: «Qual è la tua canzone preferita?». I motivi sono vari:...

27 Luglio 2020 | Arte e Cultura