Perché "La fattoria degli animali" di Orwell è un'allegoria del potere?

Perché “La fattoria degli animali” di Orwell è un’allegoria del potere

Andrea Ponzano

Giornalista professionista. Ha scritto per l’Unità. Si occupa dei temi di attualità con la passione per l’approfondimento, il reportage e l’inchiesta. Ha pubblicato il suo primo romanzo “Come se esistesse...

Un futuro diverso. Sognarlo, non arrendersi e lottare per averlo. Perché la miseria può essere vinta, e le vessazioni sconfitte, bisogna crederci e lottare. Fino in fondo. Il Vecchio Maggiore, un maiale dalle lunghe zanne lo sa e nel suo discorso ne ‘La fattoria degli animali’ non si piega alla crudeltà dell’uomo ma reagisce, arringa la folla e si fa portavoce degli altri animali. Siamo in una fattoria padronale di un certo Jones, un uomo rozzo, alcolizzato e prepotente, situata in un luogo imprecisato dell’Inghilterra.  A far da sfondo è la notte. La solitudine che si cela dietro ogni dittatura. Le parole di Orwell sono tutte metaforiche.

“La fattoria degli animali” di Orwell è un’allegoria del potere 

Dalla sua penna si delinea il regime, l’allegoria della Rivoluzione russa che sfocerà nello strapotere dell’URSS di Stalin, un’ideologia, un notturno della ragione, che non è altro che oppressione, non è altro che notturno della volontà. Gli animali personificano i deboli, decidono di ribellarsi ai soprusi umani e si emancipano per creare una vita migliore fatta di pace e uguaglianza.  Così, in poco tempo, riescono a cacciare l’uomo dalla fattoria, e alla parete vengono affissi i Sette comandamenti:

1) Chi va su due gambe è nemico

2) Chi va su quattro gambe, oppure ha le ali, è amico

3) Nessun animale userà dei vestiti

4) Nessun animale dormirà in un letto

5) Nessun animale berrà alcolici

6) Nessun animale può uccidere altri animali

7) Tutti gli animali sono uguali

Un libro dei sogni? Un mondo nuovo?

Fin qui non c’è epilogo migliore. Ma è proprio in questa fase che Orwell delinea un quadro aberrante. Perché la rosea previsione di un futuro di equità e pace si spezza quando gli stessi maiali che avevano fomentato la rivoluzione, si impadroniscono del potere con la forza e diventano esattamente come i loro padroni emulandone tutte le atrocità.  E la massima del libro a questo punto diventa un vero e proprio comandamento: ‘Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri’.  Anche se le intenzioni all’inizio sono positive, nessuno riuscirà mai a debellare il desiderio di potere degli esseri umani e non, anzi maggiore sarà e più se ne sentirà il bisogno.

Cosa possiamo imparare rileggendo Piccole Donne

Lo diceva anche Italo Calvino, che un classico è un libro che non ha mai finito di insegnare qualcosa. Per questo oggi, in tempo per l’uscita del nuovo adattamento cinematografico di Greta Gerwig (arrivato in Italia il 9 gennaio 2020), rileggere Piccole...
Lo diceva anche Italo Calvino, che un classico è un libro che non ha mai finito di insegnare qualcosa....

17 Gennaio 2020 | Arte e Cultura

Le nuove eroidi – Fondare nel mito la contemporaneità

Prima ancora di scriverli, i miti, si tramandavano a voce. Perché sono nati, allora? Per dare un senso a ciò che accadeva, per comunicare e trasmettere una morale e un senso comune delle cose, in modo che si potesse condividere non soltanto una città...
Prima ancora di scriverli, i miti, si tramandavano a voce. Perché sono nati, allora? Per dare un senso...

20 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

5 insegnamenti che possiamo trarre da "Lionardo"

Quanto è entusiasmante uno spettacolo sul più grande genio della storia dell’umanità? Beh, possiamo rispondere subito: lo è tantissimo. Ed è proprio questo a essere andato in scena con “Lionardo”, lo spettacolo che il celebre attore Michele...
Quanto è entusiasmante uno spettacolo sul più grande genio della storia dell’umanità? Beh, possiamo...

18 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Storie della buonanotte per bambine ribelli, per conoscere gli ostacoli e superarli

«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n'era un'altra che diventò la più forte tennista al mondo», e poi un’altra e un’altra ancora. Storie della buonanotte per bambine ribelli,...
«C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte....

13 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

Cos’hanno in comune David Tremlett e la città di Udine?

David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa possono essere accomunati? La risposta si può trovare proprio nelle opere di Tremlett e nella sua filosofia di vita e di lavoro: “storie di confine”....
David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, e una piccola città nel Nord Italia, da cosa...

11 Dicembre 2019 | Arte e Cultura

La fattoria degli animali è una metafora sull’uomo e sul potere ed evidenzia quanto il potere, se supera ogni impulso, possa diventare distruttivo. La fattoria degli animali è l’URSS, ma la metafora regge perfettamente per qualunque potere degenere, persino per la democrazia. Con tutti i suoi limiti il ‘governo del popolo’ è tutto ciò che abbiamo e dobbiamo tenercelo stretto perché ci permette un grado di libertà che diamo per scontato, ma che così scontato non è. Nel romanzo di Orwell non c’è la luce del giorno, è sempre buio, manca il cielo e manca anche la ragione. Il grande filosofo tedesco Kant diceva che esiste un regno morale in cui gli uomini sono fieri di avere dei valori proprio grazie alla ragione.

Il tema della libertà

Ma per esserci ragione deve esserci critica, e per esserci critica deve esserci pensiero, libertà, cioè proprio ciò che i maiali non vogliono. La ragione nella Storia spesso non è riuscita a imporsi e ancora oggi è soppiantata da fanatismi e ottusità.  Ed ecco che alla fine del libro e di tante vite massacrate, il passo prima della morte – quella sì rivoluzionaria, perché liberatrice – quel passo che è la pensione, la pace, il riposo nel campo destinato al pascolo degli animali anziani, viene rubato della gola alcolista dei maiali, che scelgono di coltivarlo per produrre birra e alcool. E così non solo il cielo, ma anche l’ultimo gradino prima di andarci, viene rubato dai cuori e dai corpi dei sottomessi della rivoluzione. Non ci sarà mai riposo, il passaggio, nelle amare parole di Orwell, è dalla dittatura che è silenzio della vita, alla morte che è dittatura del silenzio.

La fattoria degli animali è un inno al ragionamento, all’individualismo, al buio che ci aspetta se non staremo all’erta, se smetteremo di ragionare, osservare e pensare solo con la nostra testa senza metterci in fila e confonderci con il gregge della massificazione.